05 Dicembre 2017

Xennials, inventarsi un lavoro che ci renda felici

scritto da

      Un tempo la questione era molto semplice: una persona poteva lavorare oppure no. Al massimo ci si poteva spingere a categorizzare se la tal persona aveva un buon lavoro oppure no, laddove il “buon lavoro” rispondeva a criteri prevalentemente di prestigio sociale o di sicurezza contrattuale, come il lavoro pubblico. Oggi, nel 2017, la situazione è tremendamente complicata, parcellizata, sfaccettata. In principio è stato il lavoro precario, poi il lavoro a chiamata, poi la partita iva ma con orari da ufficio, poi molti si sono resi conto che tanto valeva mettersi in proprio, qualcuno ha scoperto di poter arrotondare...

27 Novembre 2017

Brexodus, storia malinconica di una partenza

scritto da

    Il commento che ricevo immancabilmente quando spiego di essermi trasferita qui a Bruxelles dopo 13 anni di vita in Inghilterra é: “Ah, immagino a causa della Brexit”. Benché non sia stato cosi – una nuova offerta lavorativa mi ha spinto a fare questo passo – è difficile convincere chi vive nel cuore dell’Europa che i motivi della mia partenza non siano né senso di tradimento provato il giorno del referendum sulla Brexit né l’insicurezza riguardo al nostro destino come cittadini europei in UK. Da due settimane sono diventata una dei tanti europei che hanno deciso o stanno considerando di lasciare il...

10 Ottobre 2017

In Puglia le nuove sfide del coworking nella (non) conferenza nazionale

scritto da

    Incontrarsi a Sud per scambiare esperienze e mettere a confronto idee e strategie. Espresso Coworking è stata una (non) conferenza nazionale, giunta alla sua sesta edizione, per parlare di coworking e di modelli di lavoro. Si è tenuta a Racale, in provincia di Lecce, a fine settembre, dopo Alessandria, Roma, Firenze, Milano, Montepulciano (Siena). L’evento, che rientra nel programma “Mettici le mani” finanziato dalla Regione Puglia, si è svolto grazie all’invito lanciato dai soci di Staisinergico, associazione di promozione sociale di Racale: dunque, un’edizione in versione “mediterranea” che non poteva non...

04 Settembre 2017

La rivolta dei primi della classe inglesi: tutti a insegnare!

scritto da

  Quando Lucy Kellaway, una nota giornalista del Financial Times (FT), ha dichiarato di volersi reinventare come insegnante a quasi 60 anni, le reazioni dei suoi colleghi sono state incredule. Il commento medio suonava un po’ cosi: ‘Ma come, hai un ottimo lavoro in cui sei brava, che ti paga bene e a non ti manca molto alla pensione. Chi te lo fa fare di andare a ficcarti a gestire una marmaglia di ragazzetti indisciplinati, e pure sottopagata?’. Ma Lucy non si è fatta intimidire e ha fondato l'associazione Teach Now, fatta proprio per professionisti con 10, 20 o più anni di carriera dietro di sé che vogliono cambiare...