28 Agosto 2017

Multinazionale e hi-tech: l'azienda dei sogni di un Millennial

scritto da

  Indolenti e infedeli. È lo stereotipo dei Millennials sul lavoro. Se è pur vero che i lavoratori tra i 25 e i 34 anni cambiano lavoro più o meno ogni 3 anni, il triplo dei cinquantenni, i dati smentiscono il fatto che siano svogliati. Secondo Manpowergroup, il 73% dei Millennials in giro per il mondo dichiara di lavorare più di 40 ore a settimana, e in media la settimana lavorativa di un ragazzo italiano è di 43 ore. Ciò che è cambiato rispetto al passato è l'atteggiamento nei confronti delle aziende presso cui i giovani cercano impiego. La stabilità finanziaria non basta. Da un posto di lavoro la generazione Y si...

17 Maggio 2017

Le migliori aziende dove lavorare se sei un papà

scritto da

Dove manca il congedo di paternità riconosciuto dallo Stato, le aziende si fanno carico di riconoscere diritti ai padri. È il caso degli STati Uniti, dove Il welfare pubblico è piuttosto limitato e i datoir di lavoro si fanno supplenti per attrarre o trattenere i talenti migliori sul mercato. In questo contesto Fatherly, forse la più importante testata statunitense che tratta i temi della paternità, da tre anni pubblica un ampio report sulle facilitazioni che le imprese forniscono ai nuovi padri e una classifica delle 50 migliori aziende dove lavorare se si è papà. Negli ultimi tre anni va detto che, per competizione ed...

12 Dicembre 2016

Quando a riconoscere la paternità sono le aziende

scritto da

Due settimane di paternità. La proposta di legge, a firma Titti Di Salvo alla Camera e Valeria Fedeli al Senato, è arenata, mentre in altri paesi europei, come l'Irlanda, è già realtà. Con la legge di Stabilità il singolo giorno di paternità raddoppierà nel 2017, che diventeranno poi quattro, sempre obbligatori, nel 2018 (più uno facoltativo). Ma mentre la normativa segue il suo lento corso, le aziende, sopratttutto le multinazionali, anticipano i tempi e alcune già da anni riconoscono ai neo padri un congedo pagato spesso al 100%. A livello internazionale gli esempi non mancano e vanno da esempi di eccellenza come Netflix,...

17 Marzo 2016

Donne nei cda? Questione di Eva contro Eva

scritto da

Su Netflix ci sono due serie sul narcotrafficante colombiano Pablo Escobar. La prima, Narcos, più plastificata, all’americana quindi piena di manipolazioni mediatico-storiche, la seconda, Pablo Escobar - El patron del mal, pur essendo piena di ingenuità e cadute melodrammatiche proprie delle telenovelas sudamericane, ha una freschezza e una verità molto più profonde. In particolare quest’ultima non manca nel raccontare un rapporto fondamentale per la comprensione del protagonista: il rapporto con la madre. La mamma di Pablo Escobar ricopre un ruolo fondamentale nelle scelte del figlio, è la mandante silente e nascosta di tutta...