20 Febbraio 2017

Good Morning, Brexit! Il dilemma degli italiani in Uk: è ora di rientrare?

scritto da

Dopo solo un’ora di sonno vengo svegliata da una chiamata del mio capo inglese: “Come ti senti?”. Bonfonchio qualcosa cercando di sembrare distaccata, e lui risponde ridendo a mezzo: “Tranquilla comunque, non ho nessuna intenzione di licenziarti”. Sono le ore 7.30 del 24 giugno 2016, giorno dopo il referendum sulla Brexit. Come molti altri, avevo passato la notte in bianco a seguire con angoscia crescente i risultati, distretto per distretto, della decisione del popolo britannico. Per me, come per il mezzo milione di connazionali e gli oltre 3 milioni di cittadini europei residenti in UK[1], sono stati mesi di stupore misto a...

16 Febbraio 2017

Migranti: piccole considerazioni da chi...li aiuta "a casa loro"

scritto da

In questi ultimi anni, parallelamente all’aumento dei migranti provenienti da aree di instabilità economica e politica, il dibattito pubblico italiano ha visto emergere uno slogan apparentemente incontestabile: “aiutiamoli a casa loro”. Sulle prime, devo ammettere, la reazione a questo richiamo è stata di un certo fastidio, perché avvertivo una sorta di “invasione” nel campo della cooperazione internazionale da parte di soggetti che in realtà apparivano poco interessati alle sorti delle persone che nel frattempo annegavano nel Mare Mediterraneo. Al di là delle strumentalizzazioni politiche, però, questo slogan semplice e...

08 Febbraio 2017

Usa: bloccare gli immigrati è un autogol per la Silicon Valley (e non solo)

scritto da

Sono all’aeroporto internazionale di San Francisco. La zona degli arrivi è stata invasa da migliaia di protestanti. Da ore fanno sentire la loro voce contro l’ultimo, ennessimo irreale atto di Trump: bandire l’ingresso negli Stati Uniti a qualunque cittadino di uno dei sette paesi che secondo il neopresidente, senza dati alla mano, non sono amici degli Stati Uniti e sono invece potenziali importatori di terroristi. Non importa se hanno il visto, la green card, se sono rifugiati o tentano di immigrare illegalmente. E’ sufficiente che siano cittadini di uno dei sette paesi della lista nera di Trump e non possono piu’ entrare...

01 Febbraio 2017

Sono le donne a guidare la resistenza contro Trump

scritto da

Hillary Clinton non ha centrato l'obiettivo di diventare la prima donna presidente degli Stati Uniti, ma non è passata invano. Il suo tentativo ha rinvigorito la fiducia in se stesse delle americane e le ha rese più coraggiose. Tanto che non c'è alcun dubbio: sono le donne oggi a guidare la resistenza contro Donald Trump. La marcia di Washington del 21 gennaio, che ha visto sfilare in difesa delle pari opportunità oltre 500mila donne (più altre 4,5 milioni, si stima, sparse fra i cortei di tutto il mondo) non è che un assaggio. Chi è stato il primo giudice distrettuale a levarsi contro l'ignominioso divieto di ingresso negli...

27 Gennaio 2017

Il Giorno della Memoria e il ragazzo gambiano suicida nel Canal Grande

scritto da

Oggi è il Giorno della Memoria, per ricordare le vittime della Shoah, istituito dall'Assemblea Nazionale delle Nazioni Unite nel 2005. Quello che mi è rimasto appiccicato addosso dalla visita al campo di concentramento di Dachau e al Museo Ebraico di Praga è la determinazione a restituire a ciascuna delle vittime una identità, il nome e il cognome, gli oggetti personali, le foto... Come se fosse il primo atto dovuto a chi come prima sevizia aveva subìto la deprivazione della propria individualità: via i capelli, via gli oggetti e i vestiti, via i documenti, addosso una divisa e un numero. Erano "gli Ebrei", una massa uniforme...

09 Novembre 2016

Elezioni Usa: le 5 frasi che Donald Trump non dovrà più dire

scritto da

Gli Stati Uniti e il mondo questa mattina si sono svegliati con un risultato delle elezioni americane che non si aspettavano. C'era incertezza, ma i sondaggi puntavano sulla soluzione che sembrava la più "opportuna". E invece il magnate americano è riuscito a riportare i Repubblicani alla Casa Bianca.Ora inizia una nuova era. Ma Donald Trump dovrà imparare a fare il presidente, iniziando a distinguere tra ciò che si può dire e ciò che non è corretto, perché in questi mesi non ci ha fatto mancare un repertorio che non ha risparmiato nessuno. Trump sessista. Le donne avrebbero dovuto fare la differenza in queste elezioni, con una...