05 Maggio 2017

Le foto della prima volta… i grandi della Magnum a Brescia

scritto da

Cortile del tempio Meiji, Tokyo, 1951 (apertura) © Werner Bischof/Magnum Photos[/caption]   I cavalieri della camera oscura compiono 70 anni: la leggendaria agenzia Magnum - la più famosa e celebrata nella storia della fotografia - venne fondata infatti a New York nel 1947 da Henri Cartier-Bresson, Robert Capa, George Rodger e David Seymour (Chim). Il nome? Deriva da una bottiglia magnum di champagne, utilizzata per benedire il varo di questa flotta di avventurieri, che, armati di una Leica, si dispersero da subito ai quattro angoli del globo a caccia di storie. Da allora il mondo della comunicazione e dell’editoria sono...

14 Aprile 2017

Tutti i volti di Angela Merkel

scritto da

Quante volte ci capita, da molti e molti anni a questa parte, di vedere foto di Angela Merkel? Non accade quasi quotidianamente? Web e televisioni, giornali e riviste, siti e blog sono affollati dal volto della cancelliera tedesca; l’immagine della donna più potente del mondo è onnipresente, al punto che, se ci pensiamo, ci rendiamo conto di come in realtà noi non guardiamo più le sue foto, le sfioriamo con la coda dell’occhio e, in pochi millesimi di secondo, scatta il riconoscimento: i suoi ritratti non sono oggetto di uno sguardo, qualcosa che si osservi con intenzione e attenzione, ma un’occasione, un pretesto potremmo...

24 Marzo 2017

Catturare su pellicola l'essenza del design italiano. Conversazione con Marirosa Toscani Ballo

scritto da

“Sono nata nel 1931 a Milano e ho frequentato il liceo artistico a Brera, in tempo di guerra. Mi piaceva moltissimo disegnare, ho sempre avuto questa passione” racconta Marirosa Toscani Ballo, classe 1931, figlia d’arte del fotografo Fedele Toscani, reporter al Corriere della Sera. “In casa nostra si è sempre parlato di fotografia. Iposolfito era la parola d’ordine e anche noi –mamma, papà, la sorella Brunella e il fratello Oliviero (Toscani)– in fondo sapevamo di iposolfito”, il liquido che si usa in camera oscura per fissare le immagini. “Ad un certo punto, mentre papà seguiva il Giro d'Italia sulle Alpi...

17 Marzo 2017

Da Kennedy a John Lennon. Grazia Neri racconta il mondo della fotografia

scritto da

Courtesy Grazia Neri[/caption] Confesso che l’incontro di cui oggi vi racconterò mi dava un po’ di preoccupazione: non capita tutti i giorni di intervistare Grazia Neri, che, parafrasando De Gregori, possiamo per brevità chiamare la signora della fotografia. All’atto di fissare l’appuntamento avevo avvertito una leggera titubanza - “ok per venerdì, se non succede niente: sa alla mia età…” mi aveva detto -, invece non ci sono contrattempi e mi presento come convenuto nel suo appartamento milanese in zona Bastioni, luminoso ed elegante, ma funzionale, privo di ogni ostentazione. Dopo due minuti sono totalmente a mio...

10 Febbraio 2017

Ma come porti i capelli ? Aldo Coppola e la bellezza senza tempo

scritto da

Stupito e sedotto. Sono i due aggettivi che mi affiorano alle labbra ora che, seduto a scrivere, riassaporo la magnetica sfilata di bellissime donne in bellissime fotografie, convocate a celebrare Aldo Coppola in un’intrigante mostra alla Triennale di Milano in occasione dei 50 anni di vita del brand. Nel corso di una lunghissima ed eccezionalmente operosa carriera, iniziata a soli 12 anni nel salone del padre (dove, studente svogliato, trovò rifugio dalla scuola), Coppola diede un’impronta indelebile alla propria professione, trasformando la figura del semplice parrucchiere in quella dell’hair stylist, un professionista...

27 Gennaio 2017

Gli americani. Ancora (e sempre) loro

scritto da

America, ancora e sempre. In questi giorni nei quali Donald Trump si è appena insediato come 45° presidente degli Stati Uniti e tutto il mondo cerca di prevedere le sue mosse, ci rendiamo conto di come – ci piaccia o no – l’America e gli americani esercitano sempre su noi europei una viscerale e ambigua attrazione e repulsione, odio e amore inestricabilmente avvinghiati. Si colora così di un’inattesa attualità l’opportunità di guardare quel paese com’era un paio di generazioni fa, attraverso gli occhi di un colto, scettico e geniale fotografo che, nel 1955-56, attraversò su una scassata auto tutta l’America,...

06 Gennaio 2017

Fondazione Prada osserva dall’alto (Milano e non solo)

scritto da

La Fondazione Prada raddoppia: dopo l’apertura a maggio 2015 del complesso di Largo Isarco, progettato dallo studio OMA dell’archistar Rem Koolhaas, è stato inaugurato negli ultimi giorni di dicembre il nuovo spazio, chiamato “Osservatorio”. Da una zona decentrata e post-industriale si passa ora al cuore di Milano, la Galleria Vittorio Emanuele: è qui, al 5° e 6° piano di uno degli edifici centrali contigui all’ottagono, che si trova la nuova, vasta superficie espositiva articolata su due livelli, oggi restituita alla città dopo un lungo lavoro di restauro e ristrutturazione avviato nel 2011, quando Prada si aggiudica il...

31 Dicembre 2016

Le 5 foto memorabili del 2016 scelte da Alley Oop

scritto da

Scorrono i titoli di coda sul 2106, un anno difficile che tanti non vedono l’ora finisca, per me invece un anno importante, nell’ultima parte del quale – anzi, posso dire come a scuola: nell’ultimo quadrimestre – ho avuto la possibilità di condividere l’avventura di Alley Oop. Se penso a quel che questa esperienza mi sta dando è davvero molto: mi permette di recuperare la mia passione per la scrittura e di utilizzarla per riflettere sulla fotografia e le arti visive, con le quali quotidianamente lavoro. Colgo l’occasione dell’ultimo post del 2016 per stilare la mia personale classifica delle 5 foto dell’anno.

16 Dicembre 2016

L’apparenza di quel che non si vede. Armin Linke al PAC

scritto da

Siamo circondati quotidianamente da immagini – lo sappiamo –, migliaia e migliaia tra cui viviamo immersi come pesci nell’acqua. I pesci sanno di essere immersi? E noi riusciamo ancora a vederle queste immagini, a distinguerle per esempio dalla realtà? Sono domande impegnative, certo, ma importanti, perché le immagini – ci piaccia o meno – sono e saranno sempre più una lingua da imparare e una moneta da scambiare, che dobbiamo conoscere per non farci fregare, per usarle e non esserne usati. Un’esperienza affascinante a questo proposito ce la offre il fotografo e artista italo tedesco Armin Linke nella sua mostra

27 Novembre 2016

Lo sguardo (al) femminile. Una mostra in Triennale

scritto da

A cosa pensano le donne quando guardano? E cosa sentono? È differente la visione rispetto a noi uomini, come sembra affermare la ricchissima mostra L’altro sguardo alla Triennale di Milano fino all’8 gennaio? Non chiedetemi risposte (secondo me contano più le domande), ma se volete un consiglio non perdete questa occasione di un viaggio affascinante in circa 150 foto e libri fotografici attraverso 50 anni di fotografia italiana al femminile. La mostra presenta la collezione di opere acquistate – in un tempo eccezionalmente breve per la complessità della raccolta – da Donata Pizzi, che, dopo aver sperimentato vari mestieri...