08 Settembre 2017

Una vita di design accanto a Richard. Conversazione con Dorit Sapper

scritto da

“Il design ha sempre fatto parte della mia vita, da molto prima che venisse definito con questo nome”, racconta Dorit Sapper, moglie e ‘braccio destro’ del celebre designer tedesco Richard Sapper (1932-2015). “Sono nata a Berlino nel 1936. Ricordo che di domenica mio nonno mi portava lungo Unter den Linden e mi mostrava gli edifici, spiegandomi chi li aveva costruiti e chi ci viveva. Vicino a casa c’era il Rathaus dove andavo a divertirmi a salire e scendere dal Paternoster, un ascensore particolare che non si ferma mai… lo adoravo!”. Berlino era una città vivissima, “la gente era interessata al teatro, alla musica,...

04 Settembre 2017

"The other pair": due bambini e un paio di scarpe nel corto di una regista ventenne

scritto da

  Vi ricordate quando da piccoli indossavamo per la prima volta un paio di scarpe nuove? La gioia di poter “sfilare” con il nuovo acquisto, magari in un giorno di festa. L'orgoglio per quello che ci sembrava il più bel paio di scarpe in circolazione ma anche il terrore di sporcarle: così vicine a terra, col rischio di macchiarle giocando o che venissero pestate da qualcuno. Il corto “The other pair” in meno di cinque minuti ci fa assaporare di nuovo quel mix di sentimenti infantili ma, ancora più importante, ci mostra – o ricorda? - anche l'esistenza di un altro mondo: quello di chi vive in condizione di indigenza....

05 Maggio 2017

Ritratto di maschio mediterraneo, tra violenza e stereotipi

scritto da

Sulla strada verso la parità, le donne hanno un compagno di viaggio che rischia di essere come l’elefante nella stanza: così ingombrante da risultare invisibile. Una recente ricerca di Promundo e UN Women, intitolata “Comprendere le mascolinità”, ha dato forma e voce alla figura maschile in Egitto, Marocco, Palestina e Libano, quattro dei Paesi peggiori al mondo in termini di parità di genere. Le interviste hanno coinvolto 10.000 tra uomini e donne, e hanno rivelato una realtà carica di violenza e di stereotipi, che non dà grandi segnali di poter cambiare. Fino al 45% degli uomini ha ammesso di aver usato violenza fisica...

04 Maggio 2017

G8 di Genova, Regeni, Del Grande: Alessandra Ballerini, l'avvocata di persone e ideali

scritto da

Consolare una madre non è un compito facile. E lo è ancora meno se quella madre attende da mesi alla finestra l’arrivo di un figlio che si è perso in mare, o è rinchiuso in chissà quale prigione in mezzo al deserto. Eppure Alessandra Ballerini fa proprio questo: consola e difende gli "ultimi”. Da anni, come avvocata civilista, si occupa di diritti umani e immigrazione, anche presso varie associazioni, Ong e sindacati. La ragione? “Un modo – spiega lei - per sentirsi meno soli. Perché far valere i diritti di chi conta poco o niente è una lotta impari che ti fa sentire sempre fuori posto”. È necessario quindi legarsi,...

29 Marzo 2017

La donna araba più influente al mondo è un'americana. Come la mettiamo, Mr Trump?

scritto da

La donna araba più influente al mondo nel 2017, secondo la classifica di Arabian Business, è un'americana. Non porta il velo. E ironia della sorte è arrivata negli Stati Uniti proprio da uno di quei sette Paesi su cui Trump ha scagliato la maledizione del "Muslim ban", il divieto di ingresso negli Usa. Come la mettiamo, Mr President, con Zainab Salbi? Irachena di nascita, 47 anni, Salbi si divide tra le associazioni umanitarie per la difesa delle donne in zone di guerra e i programmi televisivi su AOL. È stata premiata dal presidente Clinton e dalla rivista Time, dal World Economic Forum e dal Foreign Policy Magazine. È...

29 Settembre 2016

La moda a Milano nei favolosi '50 è donna

scritto da

Le donne e la moda, esiste un legame più antico e naturale? A maggior ragione in questa settimana della moda milanese – per essere cool, mi raccomando, citarla solo in inglese: Milan Fashion Week 2016 – quando la città sembra trasformarsi in una passerella, o almeno così dicono… Ma è sempre stato così, anche ai tempi delle nostre mamme? Un’occasione preziosa per uno sguardo su come eravamo a cavallo degli anni ’50, quando dalle energie e l’entusiasmo della ricostruzione stava per sorgere il boom economico, è la gustosa mostra La donna allo specchio, allestita presso lo showroom di Alidem, nuovo spazio dedicato alla...

12 Agosto 2016

Beach volley olimpico: hijab e bikini insieme sulla sabbia di Copacabana

scritto da

Hanno preso parte al girone D del torneo femminile di beach volley. Nelle tre partite previste nella fase eliminatoria non hanno vinto un set cedendo in due prima alla Germania, poi all’Italia di Laura Giombini e Marta Menegatti, e infine al Canada. Eppure, i cori dei tifosi brasiliani presenti alla Beach Volley Arena di Rio, costruita a ridosso della spiaggia di Copacabana, sono stati tutti per loro. Loro sono le atlete della squadra egiziana, Doaa el Ghobashy e Nada Meawad, rispettivamente di 19 e 18 anni. Entrambe si sono presentate sulla sabbia del rettangolo di gioco con il corpo completamente coperto da leggings aderenti fino alle...