09 Ottobre 2017

I viaggi organizzati dagli Usa per i leader di domani, perché hanno un senso

scritto da

    Mahmoud è un ragazzo, o forse sarebbe meglio dire un uomo, silenzioso. Professore all’Università di Assuan, una città egiziana di circa 200mila abitanti sulla riva est del Nilo, è impegnato da anni nella promozione di diritti civili nel suo paese. Proprio per questo lo scorso settembre, come me, è stato uno dei 20 partecipanti all’International Visitor Leadership Program (in breve IVLP) dedicato alla ONG. Lanciato nel 1940 e organizzato dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Bureau Educational and Cultural Affairs, l’IVLP è un programma di scambio volto a consentire ai visitatori – più di 4.500...

26 Giugno 2017

L'eredità di Stefano Rodotà: Diritto D'Amore

scritto da

L’amore è il sentimento più forte fra tutti e quindi respinge chi vuole impadronirsene, il diritto è prepotente e invece vorrebbe impadronirsi di tutto”. Di tutte le frasi che Stefano Rodotà ha pronunciato nella sua lunga vita di giurista è questa quella che mi è affiorata alla mente quando ho appreso della sua scomparsa. L’aveva pronunciata qualche anno fa nel corso di un’intervista rilasciata alla RAI in occasione della pubblicazione di “Diritto D’Amore” (La Terza - novembre 2015) uscito proprio a ridosso delle discussioni in Senato per l’approvazione della legge sulle Unioni Civili. “Sono compatibili,...

30 Gennaio 2017

Dalla Corte Suprema a Trump: quale eredità dagli Stati Uniti? Intervista a Freedom to Marry

scritto da

26 giugno 2015: a poche ore dalla pronuncia della Corte Suprema l’allora Presidente degli Stati Uniti Barack Obama dichiarava che la Costituzione Americana avrebbe garantito il diritto al matrimonio per le coppie omosessuali. Una sentenza storica che, avvenendo a pochi giorni dall’anniversario dei moti di Stonewall - il primo “Pride” - assumeva un significato simbolico dirompente. Il discorso del Presidente, ripreso in pochi minuti dai media di tutto il mondo, rimbalzava impazzito sui social, i profili facebook si dipingevano dei colori dell’arcobaleno, finalmente l’amore aveva vinto: #lovewins. Da allora qualcosa è...

14 Novembre 2016

LGBT for Trump: uno su cinque ha votato per The Donald

scritto da

Ma come ha fatto Trump ad ottenere tanti voti? La domanda che sta impegnando le intelligenze di tutto il mondo ma soprattutto di coloro che avrebbero dovuto rappresentare la base elettorale di Hillary Clinton: donne, afroamericani, ispanici e gay. Andiamo con ordine. Per prima cosa ci si è chiesti quante donne abbiano optato per i Repubblicani pur in presenza della prima candidata donna e nonostante le dichiarazioni sessiste del tycoon (che è riuscito, a un passo dalla sua prima vittoria alle primarie, a definire la sua avversaria una “pussy”, una “fighetta”). La risposta è stata: tantissime. Con qualche distinguo: le donne...