11 Dicembre 2017

Quali Paesi preparano meglio i bambini ai lavori del futuro?

scritto da

    Qualche tempo fa parlavo con un partner di una delle big four della consulenza e mi diceva che dei giovani che arrivano a lui, dopo una lunga e attenta selezione, non ne assumerebbe nessuno. Uno che pretende troppo? Non sembra a dare uno sguardo ai risultati di un paper dell'Hamilton Project, un gruppo di ricerca economica del Think tank americano Brookings Institution. A quanto pare i manager, che si trovano nella posizione di fare assunzioni, lamentano nei neo laureati la carenza sia delle cosiddette hard skills (o altrimenti definite cognitive skills) sia delle soft skills (non-cognitive skills). Nel dettaglio meno del...

09 Novembre 2017

Il futuro è a portata di mano, con la robotica educativa

scritto da

“Come funziona? Com’è fatto?”. Quante di queste domande si pongono i bambini quotidianamente, nella scoperta del mondo che li circonda. E queste domande valgono anche per i dispositivi tecnologici, di cui sono abili fruitori.  La maggior parte degli strumenti che utilizziamo ogni giorno hanno alla base la programmazione informatica. Smartphone, tablet, elettrodomestici, videogiochi, funzionano perché esiste un preciso procedimento (programmato) che  indica a questi dispositivi come devono muoversi per compiere un determinato lavoro. Conoscere fin da piccoli questo "procedimento"  fa comprendere meglio come funziona e come...

25 Ottobre 2017

Insegnare le Stem a colpi di creatività

scritto da

    Chi pensa che le STEM siano noiose o troppo difficili da comprendere, dovrà ricredersi. I nuovi corsi e le attività che stanno per partire puntano, infatti, a insegnare queste discipline in maniere tutt'altro che convenzionali. Qualche esempio? Per chi è matto per la matematica e per chi la matematica ha sempre fatto ammattire, tre weekend speciali dedicati a Regola e casoforme e ritmo, firmati dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano. L’approccio alla materia è scientifico ma inaspettato e irriverente. L'11 e il 12 novembre, per esempio, si andrà alla scoperta delle regole nascoste...

17 Ottobre 2017

Piccole ‘Coding Girl’ crescono

scritto da

      C’è Aurora, 19 anni, che in famiglia, complice una mamma programmatrice e un vecchio computer "orribile", ha cominciato a giocare con il codice e poi non ha più smesso ed ora con soddisfazione si sente chiamare maestra dalle sue allieve delle elementari. C’è Loredana, 20 anni, con tanti hobby ma nessuna passione per la tecnologia (al motto di "Non è roba per donne"), fino all'incontro con le Coding Girls e la coach americana che le ha aperto un mondo straordinario trasformandola rapidamente da ‘formata’ a ‘formatrice’. E ancora Valentina, 36 anni, che  ha coltivato con passione il sogno di diventare...

10 Maggio 2017

L'estate dei bambini: fra mare e montagna che ne dite di un po' di coding?

scritto da

Capire il meccanismo che fa funzionare una macchina o un programma. Costruire la prima app. Accrescere la voglia di ricerca e sperimentazione. Acquisire capacità di problem solving divertendosi. Pensare e costruire casette magiche ed intelligenti. Guardare alle sfide senza schemi mentali preimpostati. Programmare robot. Valutare diverse opzioni e punti di vista, decidendo quale seguire. Sviluppare il primo sito.   Un gioco da ragazzi…anzi da bambini! Credete sia un’esagerazione? Se il bambino apprende fin da giovane età elementi di coding e programmazione, avrà il vantaggio di sviluppare delle...

20 Marzo 2017

800mila posti di lavoro entro il 2020 nell'Ict. Chi è pronto a cogliere l'opportunità?

scritto da

Un pomeriggio di palestra scratch. Dai 3 ai 14 anni ad imparare a programmare usando i videogiochi. Tutto gratuito, grazie ai volontari di Coderdojo. Tre aule: junior (3-6 anni), livello base e livello avanzato (per gli altri). Totale oltre 30 partecipanti, con genitori al seguito. Solo due le bambine: una di 4 anni (mia figlia) e una di 7. Quando lo faccio notare uno degli organizzatori mi risponde che lui ci prova sempre a coinvolgere le bambine, soprattutto quelle più dotate in matematica, ma si sente sempre rispondere dalle mamme: "E' una cosa da maschi". A certe risposte si può obiettare solo con un numero: 756mila nuovi posti...

20 Dicembre 2016

La prossima estate le ragazze impareranno le STEM. Arrivano i campi estivi ad hoc.

scritto da

Scienze, matematica, informatica e coding? Si impareranno con le attività dei campi estivi 2017. Questo l'obiettivo del nuovo bando del Dipartimento delle Pari Opportunità presso la Presidenza del Consiglio. A chi è rivolta l'iniziativa? A studentesse e studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado. L'obiettivo di "secondo livello" è quello di diminuire il gap che in queste materie c'è fra ragazzi e ragazze. Il Dipartimento per le pari opportunitàha annunciato ieri di aver stanziato un milione di euro per l’attuazione dell’iniziativa “IN ESTATE SI IMPARANO LE STEMCampi estivi di scienze, matematica,...

23 Novembre 2016

Alaina Percival a Codemotion: "Ragazze, non c'è limite ai traguardi che potete raggiungere"

scritto da

L’appuntamento è a Milano, da oggi (23 novembre) al 26 novembre: ritorna Codemotion, la più grande conferenza tecnica per sviluppatori: si tiene al Politecnico Milano, campus Bovisa, con due giorni di conferenza e due giorni di workshop. Uno dei temi clou dell'evento sarà la presenza delle donne nel mondo del coding: una presenza che può rappresentare una grande opportunità per l'industria dell'innovazione. Codemotion - fondata da Mara Marzocchi e Chiara Russo - investe da sempre nella riduzione del divario di genere e lo fa organizzando hackathon (maratone creative) per ragazze, percorsi di avvicinamento al coding nelle...

15 Febbraio 2016

Perchè le coder della Silicon Valley scelgono avatar maschili?

scritto da

Per chi lavora nel rutilante mondo della Silicon Valley, la scelta dell'avatar conta, eccome. Le donne lo sanno bene: se vogliono essere apprezzate per quello che valgono veramente, cioè per le loro abilità informatiche, allora è meglio se indossano un profilo digitale maschile, o al limite utilizzano un'immagine neutra (ad esempio, la foto di un paesaggio e un nickname astratto). Mimetizzate, le programmatrici donne sono considerate le migliori. Altrimenti, no. Il mondo dei nerd si scopre maschilista? Il concetto in sé non è nuovo ma a dimostrarlo numeri alla mano questa volta è una ricerca americana che ha osservato le...