11 Giugno 2018

Donne e motori: da Bertha Benz a Giovanna Amatyi che sfidò Senna

scritto da

  Intorno al binomio donne e motori circolano ancora cumuli di stereotipi. Basta digitare sulla barra di Google immagini queste due parole e fare una semplice ricerca. Verrete sommersi da donne poco vestite accompagnate da bolidi a due o a quattro ruote. Un immaginario incentrato sull’oggettivazione del corpo femminile che persiste tenacemente e che avrebbe bisogno invece di un’evoluzione. Senza dimenticare i proverbi sessisti ancora in auge come “donne al volante pericolo costante” o “donne e motori, gioie e dolori”. È innegabile che, a lungo, il mondo delle auto sia stato considerato dominio maschile. Un universo...

10 Maggio 2018

Il Rosso & il Rosa: la mostra Ferrari che celebra le donne che l’hanno resa famosa

scritto da

La parità di genere, ormai lo abbiamo capito, è un processo lento. Fatto di andate e di ritorni, di bruschi stop e di altrettanto inaspettati passi avanti, anche nei settori più inaspettati. È successo per esempio, quasi per caso, lo scorso febbraio che la Liberty Media, il colosso americano della comunicazione che ha acquistato per 8,5 milioni di dollari la Formula 1 da Bernie Ecclestone, decidesse di dire addio (una buona volta) alle cosiddette “ombrelline”. Un nome un po’ scemo per indicare una altrettanto inutile abitudine: quella di far scendere in pista a fianco ai piloti ragazze belle e discinte che si soffermavano al...

29 Maggio 2017

Viaggi low cost e nuove amicizie, le esperienze con Blablacar

scritto da

Sono le 19 di venerdì sera e sono in attesa fuori dalla stazione di Famagosta. Attendo il guidatore Blablacar che mi porterà a destinazione. Penso al fatto che da Milano tra le 17.00 e le 20.00 del venerdì ogni minuto partono cinque auto BlaBlaCar. Non stento a crederlo. Attorno a me è un susseguirsi di auto che accostano, occhi che si cercano, mani che si stringono, e piccoli bagagli che, a mo' di tetris, vengono stipati nei bauli. Il servizio, creato in Francia nel 2006 da Frédéric Mazzella, è pensato per ottimizzare l’utilizzo delle risorse disponibili su strada: permette agli automobilisti con posti liberi a bordo di...

30 Gennaio 2017

Millennials: libertà e condivisione battono possesso e status symbol

scritto da

Ascoltano musica su Spotify. Si spostano con Blablacar. Fanno la spesa su Amazon, il più grande negozio al dettaglio che non possiede articoli ma potenzialmente ti spedisce a casa di tutto. Sono la generazione che preferisce condividere (o affittare) che possedere. Sono i cosiddetti “Millennials”, nati tra gli anni 80 e i 2000. Se c'è una caratteristica che li distingue dalle generazioni precedenti è il disinteresse per gli status symbol del passato. Casa e auto, in cima alla lista. I Millennials hanno vissuto la crisi economica del 2008 e ancora oggi devono fare i conti con i suoi riflessi. Questo li ha resi più prudenti nello...

29 Aprile 2016

Indovinate chi sceglie l'auto di famiglia? La pubblicità lo ha già capito

scritto da

Chiedete a una platea di uomini chi sceglie l'auto in famiglia. Vi risponderanno che sono loro a prendere la decisione. La distanza fra la percezione e la realtà, in questo caso, è davvero abissale. Nell'80% dei casi è la donna a dire l'ultima parola sulle auto. Marketing e pubblicità se ne sono già fatti una ragione da tempo. E sono passati all'attacco. Vi ricordate le pubblicità di qualche tempo fa delle auto? Arrivava l'auto fiammante, si apriva la portiera e scendevano due tacchi a spillo, preludio di una bionda (o bruna) mozzafiato. Era una comunicazione diretta al pubblico prevalentemente maschile. Ora le pubblicità delle...