17 Gennaio 2018

Flat sharing e social housing: coinquilini a 40 anni

scritto da

    Nel film Poveri ma belli di Dino Risi due personaggi condividono la stessa stanza in un appartamento senza incontrarsi mai. Era il 1956 e in quegli anni le convivenze tra giovani erano un passaggio obbligato dagli spostamenti in città in cerca di lavoro, come oggi si va “fuori sede” per studiare. Con gli anni il flat sharing ha assunto connotazioni sempre più romantiche, legate alla giovinezza, al divertimento, all’amicizia. Chi non ricorda le sit-com Tre cuori in affitto e Friends, che in due momenti storico-economici differenti hanno pennellato due generazioni che della convivenza hanno fatto un rito di...

15 Gennaio 2018

Se 4 giorni di congedo per i papà vi sembran pochi avete ragione

scritto da

    Quattro giorni di congedo obbligatorio e uno di congedo facoltativo (da fruire in alternativa alla madre), quello che fa perdere il 70% dello stipendio e che in pochissimi decidono di prendere. Nessuna sanzione per chi non sta a casa. Il 2018 si è aperto in Italia con questo magro bottino per i padri, che scatta in virtù di una norma inserita nella legge di stabilità 2017. Non c'è nulla da esultare, e infatti nessuno esulta. Quei quattro giorni appaiono miseri non tanto perché sideralmente distanti, come tutti sanno, dagli standard nordeuropei (in Svezia sono riconosciuti 480 giorni ai genitori fino ai nove anni del...

12 Gennaio 2018

In The Crossing: l'arte di Carlos Motta che racconta i rifugiati LGBTQI

scritto da

"Ho indossato così tante maschere. Una con la mia famiglia, una con i miei amici eterosessuali, e una con i miei conoscenti gay. Vivevo nel terrore di essere arrestato, ucciso, rapinato o di cadere in disgrazia". Sguardo fisso sulla telecamera e oggi lucidi, racconta così la scelta di abbandonare la sua nazione d'origine e fuggire nei Paesi Bassi, uno dei protagonisti di "In The Crossing" dell'artista colombiano Carlos Motta. Si tratta di un progetto artistico - esposto allo Stedelijk Museum di Amsterdam - composto da 11 ritratti video di rifugiati LGBTQI provenienti da Egitto, Iran, Iraq, Marocco, Siria e Pakistan che...

12 Gennaio 2018

Tra uomini e donne c'è una storia che è ancora tutta da scrivere

scritto da

      L’altro giorno sono stata in un’azienda a proprietà femminile: nel meeting solo donne, alla reception due uomini. È un mondo possibile, uno dei tanti, come anche quello, di solito al rovescio, a cui siamo abituati. Stiamo attraversando una fase di trasformazione senza precedenti nei rapporti tra i due sessi: da qualche mese, in un modo o nell’altro, lo leggiamo anche sui giornali. E’ una lettura che aiuta a definire i contorni della realtà, a interpretarne la complessità, ma non rende per questo meno difficile accettare un cambiamento così profondo. Anzi, a volte il bianco e nero delle notizie e dei...

11 Gennaio 2018

Fa meglio un discorso di Oprah Winfrey o una Carmen che non muore più?

scritto da

      La Carmen non muore più. Almeno non nel finale cambiato al teatro del Maggio Musicale Fiorentino dal regista Leo Muscato. La bella sigaraia protagonista dell'opera di Bizet, si ribella al suo aguzzino che morirà al suo posto. Una scelta per protestare contro i femminicidi e la violenza sulle donne. Una scelta simbolica? Pittoresca? Fuori luogo? Probabilmente l'innovazione di Muscato, fischiata dal pubblico al teatro, è comunque una questione di gusti riguardo ai mezzi più consoni ed efficaci a condannare la violenza. Non credo, personalmente, che si aiutino le donne vittime di violenza cambiando il finale di...

05 Gennaio 2018

E' bianca, pacifica e coraggiosa, la rivoluzione che l'Italia non ha

scritto da

    L’Iran è un Paese profondamente diverso dall’Italia: qui dagli anni ’70 le donne hanno perso, insieme a molte altre libertà, anche quella di vestire come vogliono. Dal 2014, la reazione non violenta viene manifestata ogni settimana, nei cosiddetti “mercoledì bianchi” lanciati dal movimento “My Stealthy Freedom”- ovvero “La mia libertà clandestina”, seguito su Facebook da un milione di persone. Ogni mercoledì chi vuole protestare contro l’obbligo del velo islamico può indossare qualcosa di bianco. In qualcosa, però, questo Paese è simile all’Italia: a un livello di istruzione altissimo (il 59%...

03 Gennaio 2018

Una spilla da balia per gli uomini del 2018

scritto da

    Qualche settimana fa Mark Rice-Oxley ha pubblicato su The Guardian un'inchiesta impietosa sullo stato attuale della mascolinità e l'ha intitolata The masculine mystique, parafrasando il celebre saggio di Betty Friedan, The Feminine Mystique. Nel 1963 quel testo ha contribuito alla seconda ondata storica del femminismo, raccontando la frustrazione delle donne schiacciate nei canoni della casalinga, della madre e dell'angelo del focolare. Eserciti di donne infelici allora affollavano i sobborghi residenziali degli Stati Uniti d'America, senza saper riconoscere che alcune di loro avrebbero voluto lavorare, essere prese sul...

29 Dicembre 2017

Meghan, Karen e Anna: chiudiamo questo 2017 con poco lustro e molti lustrini

scritto da

      Com'è lo stato delle donne nel mondo? Hanno una voce? Se sì, per cosa fanno notizia? L'ultima settimana del 2017 ci dà tre spunti di riflessione: 1) il “giovane principe” Harry guadagna le prime pagine dei giornali con la sua intervista a Barak Obama per la BBC, in cui entrambi convengono che “Le persone possono vivere realtà completamente differenti una dall’altra, avvolti in un’informazione ovattata che può solo confermare i propri pregiudizi”. Due volti del potere estremamente diversi da ciò che siamo abituati a vedere: giovani (o giovanili), anticonvenzionali, senza cravatta e spesso “fuori”...

29 Dicembre 2017

Berlino, quando lo yoga aiuta a superare i traumi delle donne migranti

scritto da

    «Soltanto se ci si sente a casa dentro se stessi è possibile sentirsi a casa in un Paese straniero»: queste le parole con cui Bettina Schuler illustra le ragioni che nel 2014 l’hanno spinta ad attivare lezioni di yoga per donne rifugiate a Berlino e nel 2016 a fondare citizen2be, un’associazione non profit volta ad assistere i nuovi arrivati nel processo di integrazione in Germania. Scrittrice, giornalista e istruttrice di yoga di professione, Bettina concepisce questa disciplina come una terapia del trauma, ispirandosi al metodo sviluppato dall’americano David Emerson, il fondatore del Trauma Center di Brookline in...

22 Dicembre 2017

Recite, regalini, aperitivi: anche questo Natale passerà

scritto da

    Tra l’Immacolata e Natale: due settimane in cui anche le più forti di noi cedono ai sensi di colpa. Perché queste sono le settimane in cui tutto converge: vita e lavoro si mettono finalmente d’accordo e si uniscono nell'intenzione ineluttabile, inevitabile, straripante di “festeggiare”. La parola festa viene dal latino festum o a dies festus = giorno di festa, e indica un giorno di "gioia pubblica, giubilo, baldoria". La festa deve quindi essere un evento gioioso comunitario o, quantomeno, da condividere con gli altri. Secondo etimoitaliano.it, un'origine ancora più antica si riferisce al...