11 Settembre 2017

Millennials&App: Google e Facebook vincono ma l'irrinunciabile è un'altra

scritto da

  Fino a quattro ore al giorno. È il tempo che i Millennials passano consultando il loro smartphone. Fare e ricevere telefonate è diventato però secondario, perché la maggior parte del tempo viene assorbita dalle applicazioni. Per la precisione l'uso di app rappresenta il 57% di tutti i consumi digitali. E la app più diffusa tra i giovani, potrebbe sembrare strano, non è una app di social media. Lo rivela lo studio di ComScore "The 2017 U.S. Mobile App Report" che ha esplorato le abitudini di utilizzo dei proprietari di smartphone negli Stati Uniti e mostra quali sono le app più amate e utilizzate dalla generazione...

29 Agosto 2017

Diana, il makeover sorprendente della Principessa timida

scritto da

    Per il popolo è sempre rimasta la regina di cuori. Un soprannome che dimostra un affetto che non si è dissolto nel tempo e che anzi è cresciuto proprio in questi giorni in cui ricorre l'anniversario dei 20 anni dalla morte della principessa del Galles. Un anniversario doloroso soprattutto per i figli, i principi William e Henry, che di recente hanno ammesso le loro difficoltà a superare il trauma per la morte prematura della madre. Ma ad alimentarne il ricordo è anche la riedizione del libro di Andrew Morton, Diana her true story - In her own words, uscito per la prima volta nel 1992, e che ora torna in libreria...

25 Agosto 2017

Tre cose che ho scoperto passando una settimana su Tinder

scritto da

  Ho appena passato una settimana su Tinder*, ed ecco le tre cose che ho capito. Uno: ci sono tantissimi uomini in giro! Qui sembrano essere "apparecchiati" e disponibili, in attesa di essere "messi a destra" - ossia selezionati. Avendone scansiti qualche centinaio, dalle foto li categorizzerei così: Quelli che si fotografano davanti allo specchio del bagno o dell'ascensore. Quelli che mostrano solo dettagli di sé, a volte anche intimi e infiocchettati. Quelli che preferiscono far vedere i propri mezzi di trasporto. Quelli che mettono foto in cui sono insieme alle mogli e tagliano barbaramente le mogli. Quelli che non si...

18 Agosto 2017

Come mai non sentiamo parlare delle coppette mestruali?

scritto da

    Agosto, sole mare, ma... come si fa se sono "quei giorni" del mese? Intanto sarebbe bello poterle semplicemente chiamare per nome, le mestruazioni. Poterlo dire, che si hanno, o che magari non si hanno più. Farle uscire dall'anonimato, visto che rappresentano il più naturale e vitale dei nostri cicli, e riguardano tutte le donne del mondo. Diamo qualche numero. In Italia le abbiamo in circa 20 milioni. Ognuna di noi per più o meno 30 anni, almeno 12 volte all'anno. Fanno circa 400 volte in una vita: oltre 2.000 giorni di mestruazioni. Sin da bambina, però, ho avvertito che dovevo tenerle nascoste. Non era argomento di...

16 Agosto 2017

In vacanza con la famiglia e senza scarpe! Benvenuto Barefooting

scritto da

    Occupare posizioni manageriali o lavorare a contatto con il pubblico significa molto spesso doversi confrontare con quel famoso dress code che, scritto o non scritto, influenza le scelte mattutine di tutti i lavoratori indecisi tra una camicia a righe e una a tinta unita, tra un tacco 12 e un paio di sneaker. Perché, come dicono i guru della moda, la nostra brand identity passa anche attraverso ciò che indossiamo e ciò che indossiamo, forse, ci fa comportare in modo coerente con quello che vorremmo comunicare attraverso i nostri vestiti da lavoro. Possiamo quindi decidere se indossare una cravatta o se preferiamo una...

10 Agosto 2017

Perché ci piacciono i cattivi?

scritto da

Buoni o cattivi? La scelta non è così facile. Se nella vita (quasi sempre) scegliamo persone che ci piacciono anche dal punto di vista morale ed etico, quando si tratta di fiction il fascino del cattivo prende il sopravvento. Perché il merchandising di Star Wars privilegia Darth Vader? E perché in una serie cult come Breaking Bad inevitabilmente ci ritroviamo a tifare per Walter White? Cosa ci attrae del lato oscuro? Certamente le serie tv degli ultimi anni su questo aspetto hanno molto lavorato, e di personaggi dalla dubbia moralità ne hanno creati molti, tutti di grandissimo successo. E non è un caso, come ci dicono anche le...

09 Agosto 2017

Ferragosto lastminute: ecco le mete preferite dalle donne. Quattro in Italia

scritto da

Manca meno di una settimana a Ferragosto: avete qualche giorno di ferie e non vi siete ancora organizzate? Siete alla ricerca di uno spunto dell'ultimo minuto? Avrei decine di idee per voi, sono una viaggiatrice appassionata e quando non lo posso fare coi piedi, almeno me lo concedo con la mente. Ma questa volta ho deciso di essere rigorosa e sono andata a cercare le classifiche delle migliori mete di vacanza secondo le donne. Quelle in Italia e quelle all'estero. Ecco a voi la top ten 2017. E prometto di non fare commenti personali (o quasi). Cominciamo dalle migliori mete italiane. La selezione arriva da Hundredrooms, motore...

01 Agosto 2017

Guida semiseria al bon ton in vacanza

scritto da

    Fontane scambiate per piscine, spiagge invase di mozziconi di sigaretta, aiuole verdi su cui sgommare con la moto, grigliate familiari che inquinano un'intera collina, chioschi bar presi d'assalto come in un Day After. Ma anche appassionati di montagna così appassionati da strappare piante locali per travasarle sul balcone in città, e moto d'acqua che sfrecciano rumorose a pochi metri dai bagnanti Potremmo chiamarli momenti di vacanziera arroganza? O semplicemente di grande superficialità? È vero, la vacanza significa prima di tutto libertà e divertimento dopo mesi di doveri e fatica. Però staccare dal lavoro non...

01 Agosto 2017

Perchè Maslow non ha pensato a una piramide dei bisogni speciali?

scritto da

  Eppure avrebbe dovuto saperlo Abramo Maslow, primo di sette figli in una famiglia di immigranti ebrei di origine russa, che chi nasce con uno svantaggio deve penare di più per accorciare le distanze. E invece no: alla base della teoria della gerarchia dei bisogni umani, che va sotto il nome dello psicologo statunitense, c’è l’assunzione che l’individuo vada considerato nella sua globalità di bisogni, ogni individuo è unico ma i bisogni sono uguali per tutti, se hai la pelle chiara o scura, se hai 2 braccia o 1 e mezza, dai bisogni più elementari, fino a quelli superiori come i bisogni spirituali.   Nasce...

31 Luglio 2017

Prossima fermata: Amsterdam, la capitale dei Millennials

scritto da

    Prendere e partire. Realizzare i propri sogni altrove. Ogni anno, studenti e giovani professionisti di tutto il mondo scelgono di lasciare il proprio paese e trasferirsi all'estero. Ma quale città nel mondo offre le maggiori possibilità ai millennials? Nestpick, un motore di ricerca tedesco per appartamenti, ha compilato la classifica “Millennial City Ranking” utilizzando 16 categorie per valutare ogni città. Non solo costo della vita e trasporti pubblici, tra i parametri compaiono anche il senso di apertura e di tolleranza che si respira in città, l'accesso ai metodi contraccettivi, festival musicali e il numero...