26 Marzo 2017

Un secondo. Punto tutto sul ventisette rosso

scritto da

Una volta, un tifoso mi ha detto: «Punto tutto sul ventisette rosso». Non parlava del casinò, anche se eravamo a Montecarlo. Parlava di me, Gilles Villeneuve, pilota della Ferrari. Era il 31 maggio dell’anno scorso. Quel giorno ho vinto, Piquet è andato a sbattere, Jones me lo sono mangiato. Quell’uomo ha fatto bene a puntare su di me. Chissà se lo farà anche domani a Zolder? Oggi sono solo le prove, eppure sento la passione delle persone mentre corro. Qualcuno dice che è strano che mi sostengano così, in fondo ho vinto poco, sei gare in tutto, nessun mondiale. Ma la gente mi segue, mi cerca, mi incita. E io tento sempre di...

18 Marzo 2017

Storia di Emanuela: campionessa di motocross a nove anni

scritto da

Secondo uno studio Istat del 2015, in una famiglia con entrambi i genitori sportivi quattro figli su cinque praticano un’attività sportiva. Se poi nella famiglia da anni si mangia pane e sport, anche i figli svilupperanno la stessa fame e lo sport da semplice attività fisica si trasformerà in passione. E' il caso di Emanuela, campionessa di motocross a nove anni. Figlia d’arte, dato che il papà è un ex pilota motociclista di velocità, ormai da due anni sale sulle moto da cross: ha iniziato con un monomarcia Grizzly, per poi passare ad un KTM sx50 (50 cc di cilindrata). E attualmente guida una KTM sx65 (65 cc di cilindrata) a 6...

14 Marzo 2017

Dress Code, hai rotto! Marchionne, Jobs, Zuckerberg e non solo

scritto da

Stiamo attraversando un momento in cui è forte la voglia di vestirci affrancandoci dai dress code e basandoci molto di più sul nostro benessere personale a prescindere dal resto. Le vecchie regole non funzionano più. Una volta si sapeva esattamente cosa si doveva indossare e in quale occasione. Esisteva il Galateo per condurre in modo socialmente rispettoso la nostra vita quotidiana e mondana, dall'invito per un thé, ad un matrimonio, alla prima teatrale. Così come esistevano regole tacite e non scritte, per vestirsi sul lavoro. Il bello (o il brutto) di oggi è che tutto è messo in discussione e il nostro approccio verso...

05 Marzo 2017

Il Secondo Prima di Dj Fabo

scritto da

Ehilà, ciao, sono Fabiano! Come va da quelle parti? Mamma mia, che casino che state facendo sulla mia morte, da un lato mi fa piacere che qualcuno apra gli occhi, che altri si interroghino, persino che i soliti si incazzino. Tanto, tra un po’ vi scorderete anche di me... Come di Piergiorgio Welby, come di Eluana Englaro… Ecco, prima che mi cacciate dalla vostra memoria (è molto più comodo, so di essere un compagno di viaggio scomodo), c’è una cosa che vorrei chiedervi. Perché, invece di parlare di come sono morto, non parlate un po' della mia vita? Vi ho lasciato persino un testamento, dio mio come suona solenne, in...

03 Marzo 2017

Calendario al femminile dal 3 al 12 marzo

scritto da

Gli eventi al femminile segnalati alla redazione: 3-12 marzo: #nellemiemaniOra campagna fotografica che ritrae i volti di donne foodora (rider, manager, clienti) in mostra presso la sede di IED, via Sciesa 4 – Milano. Foodora e IED hanno lanciato una campagna a sostengo de I Sei Petali, cooperativa sociale per l’inserimento lavorativo di donne che escono da percorsi di violenza. L'iniziativa prevede anche una campagna social a cui si pu partecipare postando sui social la propria foto con l'oggetto che più rappresenta la propria vita con l’hashtag #nellemiemaniORA. Inoltre sarà possibile fare una donazione a I Sei Petali...

28 Febbraio 2017

Eco-fashion, la moda sostenibile

scritto da

Un look composto da cinque pezzi realizzati da tre filati tutti derivati da bottiglie riciclate. Emma Watson, vestita dal team di Calvin Klein, sul red carpet del Met Gala del maggio 2016 è l'emblema della direzione che sta prendendo la moda, a partire dalle griffe del lusso. Eco-sostenibilità sembra essere la nuova parola d'ordine e coinvolge tutto il ciclo produttivo dell'industria, non limitandosi più solo a una maggiore oculatezza nella scelta dei materiali. La moda, d'altra parte, guarda avanti, ci precede sempre di un soffio inglobando quel desiderio di cambiamento, quei segnali di nuove sensibilità. Così come con la 

27 Febbraio 2017

#Millennials: quando una casa tutta per sé è un lusso

scritto da

Andrea vive in provincia di Milano e lavora a Bergamo. Paola a Bergamo invece ci vive ma studia a Milano. Entrambi hanno 27 anni, fanno i pendolari e vivono con la propria famiglia. Tutti e due vorrebbero andare a vivere da soli ma le condizioni economiche attuali non permettono loro di fare piani a lungo termine. "È una questione di soldi - dice Paola - ci penserò dopo la laurea". Andrea conferma: "sul lato economico vorrei avere un fondo di sicurezza in banca prima di prendere, anche solo in affitto, una casa per un anno o più". Paola e Andrea fanno parte di quei 7 milioni i giovani italiani che vivono con mamma e papà....

26 Febbraio 2017

Un secondo. Caro Divin Codino...

scritto da

O, meglio, caro Roberto, visto che nella mia testa ti ho chiamato sempre così, per nome, come si fa con gli amici. A dire il vero, una volta ti ho anche chiamato così di persona, a Sestola, dove il Bologna andava in ritiro e c’era un’aria di primavera anche se era piena estate, perché Roberto Baggio era venuto a giocare nei Rossoblù che si tornavano a sentire, quell’anno, lo squadrone che tremare il mondo fa, e i compagni erano gioca bene gioca male Paramatti in nazionale, il Mitico Villa, Ciccio Marocchi, Torrisi, Cristallini… Caro Roberto, tu non lo sai ma io c’ero. Io c’ero quando hai segnato il primo gol in...

19 Febbraio 2017

La nascita della felicità. Racconto inedito di Vittoria Baruffaldi

scritto da

Russell confessò di non essere nato felice. Fu un bambino, e un adolescente, infelice, tanto da pensare più volte al suicidio. Poi, crescendo, scoprì qual era il segreto per conquistare la felicità: distogliere l'attenzione da sé (sui miei peccati, le mie follie, le mie manchevolezze) e concentrarsi sul mondo esterno. Mia figlia è nata felice. È nata in una mattina di fine estate piena di luce, una luce dolce come il succo di una nespola stretta in un pugno. Quella mattina di fine estate la mia pancia era leggera, senza paura. Mi sono spazzolata i capelli e li ho attorcigliati sulla sommità del capo simili a un nido, ho...

17 Febbraio 2017

Fabia Timaco: Dalla Venere di Milo ho imparato che...

scritto da

  "She is perfect but imperfect, beautiful but broken". L'articolo di un paio di anni fa, sul The Guardian, raccontava il mistero della Venere di Milo. La sua ambivalenza tra mondo classico e mondo moderno, la considerazione ottenuta da molti artisti, l'essere una giovane donna da ammirare, a cui tendere per ispirarsi. E come ancora dopo secoli, sia rimasta un'idea di bellezza, di cui tuttavia, non consideriamo la mancanza di due braccia (e ce ne interessa anche poco). Il perché di questo fatto mi appare evidente, da non poter non rifletterci, rivalutando il tutto nelle azioni quotidiane. Oggi le diventano appariscenti e tangibili....