13 Febbraio 2018

#Duedidue: imparo la mia nuova vita grazie al tumore

scritto da

    Duedidue. Da sostituire entrambe, pronti via. O meglio, una da sostituire, una, quella ancora autentica, da aumentare per simmetria. Eppure io ci ero affezionata alla mie tette, una prima abbondante, sia chiaro, forse a volte mi accorgevo solo io che c’erano. Ma facevano quello che dovevano fare. Per il mio lavoro, poi, erano l’ideale. Perché quando danzi, il tuo corpo è una matita che disegna figure a ritmo di musica. Le note bisogna sentirle dentro e tradurle in movimento per te e per chi ti guarda, e se sono leggere, devi saper volare. Il mio seno era giusto per me, perché era come non averlo. Niente...

12 Febbraio 2018

I social salveranno il Festival di San Remo dall'estinzione?

scritto da

      Siamo arrivati alla 68 esima edizione del Festival di Sanremo e io da buon millenials non posso averle viste tutte, almeno non dal vivo. Perchè sì, approfittiamone per sfatare questo falso mito, i millenials non sono coloro nati dopo il 2000 bensì coloro nati fra i primi anni ottanta e i primi duemila, quindi io, Gianluca Gazzoli, che di anni ne ho 29 sono un millenial e soprattutto guardo il Festival di Sanremo. Faccio outing anche se outing non è, l'ho confessato più volte anche pubblicamente quanto ami questo grande evento, cosa significhi per me e sopratutto è stato indescrivibile aver partecipato a...

09 Febbraio 2018

#SanRemo2018: l'attimo in cui Michelle ha dimenticato le donne

scritto da

    Scusate abbiamo scherzato. Abbiamo scherzato a pensare che Michelle Hunziker fosse una di noi. Abbiamo scherzato a essere felici di vederla sorridere e sgonnellare sul palco dell’Ariston dichiarando amore a suo marito (che ieri sera l’ha conciata come una suora laica, mentre una parrucchiera la pettinava come la buonanima di zia Caterina), facendosi uscire l’ernia L5S1 ballando Despacito (che poi, voglio dire, quando c’è la vecchina de Lo Stato Sociale, siamo tutte fuori gara), o cantando Mina con un piede calzato in uno stiletto e l’altro in un anfibio taglia 46. Abbiamo scherzato e ci siamo sbagliate pensando...

07 Febbraio 2018

AAA cerco il Rollinz dell'ammiraglio Amilyn Holdo

scritto da

Mancano solo dieci giorni per finire la collezione. Il 18 di febbraio i Rollinz di Star Wars usciranno dal mercato ufficiale del gruppo della grande distribuzione, che li ha lanciati, per entrare nel mercato sottobanco degli scambi tra collezionisti. E io sono ancora senza il Rollinz dell'ammiraglio Amilyn Holdo. Chi di voi l'ha visto? Ha i capelli lilla, occhi magnetici color del mare e un sexi-vestito marron glacé dal collo molto, molto alto. Sicuri davvero di non averlo doppio? Quello di Amilyn Holdo non è un Rollinz rarissimo. Fate bene a essere sicuri di non averlo: semplicemente, non esiste. Nessuna statuetta è stata...

04 Febbraio 2018

Corridonia, quando tutta la colpa è degli immigrati

scritto da

    Luca Traini ha 28 anni pochi soldi e molti problemi. Lo psichiatra che lo aveva in cura lo aveva definito una personalità “borderline”. Al limite, su quel ciglio pericoloso che separa la sanità dalla pazzia. Un equilibrio millimetrico su cui camminare faticosamente durante la vita. Ed è un attimo perderlo, l’equilibrio, per scivolare nel burrone della follia. Che è poi quello che è successo sabato 3 febbraio a Luca Traini, 28 anni ripartiti su 180 ottanta centimetri di muscoli e rancore. E razzismo, di quello vero, ignorante e rabbioso. E fascismo da rappresaglia delle Fosse Ardeatine: uno dei nostri 10 dei...

01 Febbraio 2018

#Duedidue: l'incontro delle nostre e delle vostre parole

scritto da

+   Il lunedì è il giorno del cambio delle lenzuola. Il profumo di biancheria cala come un velo fatato sulle stanza e riempie di buon umore. Non può essere un giorno sbagliato se sa di bucato. Luisa ne è convinta e quando ha finito di rassettare casa si prepara un caffé e accende il tablet. Il martedì Simona va in piscina dopo il lavoro. Ha tagliato i capelli corti per fare prima e non fare tardi dopo le 50 vasche in stile libero. ma alla fine quella mezzora negli spogliatoi le tocca lo stesso aspettando Marisa, così scorre lenta il dito sullo schermo dello smartphone. Il mercoledì Luca non accompagna il figlio a...

30 Gennaio 2018

#tempoperme: quando a concedertelo sono gli "imprevisti"

scritto da

      Un mese di vita. La mia. La diagnosi è stata inappellabile. Il "medico" a cui mi sono rivolta me lo ha detto così, quasi sussurrando. Il suo sguardo addolcito dagli occhiali da presbite tradiva una specie di compassione, mentre guardava sconsolato quello che era ormai diventato più di un organo vitale per me, quasi una protesi. Su un bancone che ricordava quello di un obitorio giaceva esanime un insieme di parti divelte che una volta era un computer portatile, il mio. Da una parte lo schermo, dall'altra la tastiera, in mezzo due fili che ballavano, e non avrebbero dovuto (no, niente morale, ma erano nel mio...

26 Gennaio 2018

#Tempoperme: malati di stress? È tempo di autoguarirsi

scritto da

    Gennaio è il mese dei buoni propositi. Basta visitare in questo periodo una qualsiasi libreria per rendersene conto: dalla vetrina ci strizzano l’occhio volumi sull’alimentazione, lo yoga, la meditazione e lo sport, quasi che volessero invitarci a impartire una svolta alla nostra vita e a farlo in fretta, perché gennaio, il mese dell’anno in cui il passato non conta più e tutto diventa magicamente possibile, non durerà in eterno. Dopo un anno trascorso a spuntare una dopo l’altra le voci della lista delle incombenze, ci lasciamo corteggiare dal desiderio di condurre una vita più rilassata e di dedicare più...

19 Gennaio 2018

Il segreto del multi-shifting per trovare del #tempoperme

scritto da

    Togliamoci il dubbio una volta per tutte: il multitasking non esiste, non è fisicamente possibile per il nostro cervello. Possiamo dedicare attenzione a una sola cosa alla volta, possiamo farne due solo se l’altra va in automatico, ossia “non richiede attenzione”, e quindi occupa porzioni di cervello differenti dalla corteccia prefrontale. La notizia sembra disastrosa: alla perenne ricerca di tempo extra, la possibilità di fare più cose insieme ci sembrava l’unica strada per la sopravvivenza. Ma è sempre il cervello a darci la soluzione. Le ricerche scientifiche rivelano infatti che, quando cerchiamo di...

17 Gennaio 2018

The end of f***ing world, anche gli adulti sono adolescenti

scritto da

    The end of f***ing world è una delle più recenti serie tv distribuite da Netflix, amata, odiata, molto chiacchierata. Se ne può leggere un po' dappertutto. La serie è tratta da una graphic novel e racconta le storie che nascono dall'incontro di Alyssa e James, due adolescenti inglesi che, anche se rappresentati come borderline, sono semplici epigoni di generazioni di adolescenti turbati e inquieti. Descritta come una dark novel, un racconto di formazione on the road o una prova di black humor, The end of f***ing world è anche - forse soprattutto - la fotografia di una generazione di adulti in maschera. Assenti o...