Silvia Pasqualotto

Scrivo di imprese e startup su L'Impresa e Il Sole 24 Ore. Irrequieta per natura, passo buona parte delle mie giornate a pensare di aver sbagliato coda perché quella di fianco a me va sempre più veloce. Mi sono laureata in filologia moderna, ma ho una cotta per la storia contemporanea e le trasmissioni di cronaca nera. Da qualche anno vivo tra Milano (il lavoro), Padova (la mia campagna) e Roma (il mio cuore) con la valigia sempre di fianco al letto, anche se (in fondo, in fondo) sogno di diventare un animale stanziale con una casa da catalogo Ikea. Collaboro con Repubblica.it e Donna Moderna.
19 Aprile 2018

Wher: città a misura di donna grazie a un app

Immaginate di essere in viaggio, magari in una città che visitate per la prima volta, e di dovervi spostare di sera tra strade sconosciute. Strade che di giorno sembrano quasi tutte uguali, ma che di sera possono rivelarsi poco illuminate, mal frequentate e quindi poco sicure. Come prevederlo? Come capire quali percorsi fare e quali no? Finora l'unica soluzione era cercare informazioni sparse in rete o, cosa più frequente, affidarsi all'intuito, al caso o alla fortuna. A cambiare le cose e dare qualche sicurezza in più alle viaggiatrici o semplicemente alle donne che si muovono in zone sconosciute della propria città è...

29 Marzo 2018

Teaming: il crowfunding sociale che costa solo 1 euro al mese arriva in Italia

Raccogliere fondi per una buona causa costa poco. Anzi pochissimo: appena 1 euro al mese. Una cifra quasi simbolica e che è stata scelta per indicare quanto donare sia un'azione alla portata di tutti e non solo di chi ha grandi disponibilità economiche. È questa l'idea alla base di Teaming: la piattaforma online in cui le associazioni no profit, ma anche i privati che vogliono sponsorizzare un’iniziativa socialmente utile, possono raccogliere fondi a lungo termine. È sufficiente infatti donare 1 euro al mese e tutti i soldi versati sono  devoluti interamente alla causa, senza alcun tipo di commissione o costo di...

22 Marzo 2018

Nadia Governo (Ntt Data): il segreto della carriera? Role model e consapevolezza

    Sono brave. Molto brave. Eppure, il più delle volte, restano nelle retrovie, combattute tra lavoro e famiglia. E soprattutto frenate dal timore di non essere abbastanza perfette per candidarsi a quel ruolo. Per contrastare questi pregiudizi e aiutare le donne a farsi spazio anche in ambienti di lavoro tipicamente maschili, NTT Data Italia, branch italiana della multinazionale IT giapponese, ha avviato qualche anno fa il progetto NTTDonna, mettendo a capo dell'iniziativa, come executive sponsor, la senior vice president Nadia Governo. Come è nato il progetto? Il progetto è nato a fine 2016 per un'intuizione...

15 Marzo 2018

Abbattere il gender gap è un’opportunità da 28 trilioni di dollari

    Il gender gap nelle retribuzioni, lo sappiamo, è uno dei principali ostacoli al raggiungimento della parità di genere. Non si tratta di pochi euro ma di cifre consistenti che portano i salari delle professioniste al di sotto,in media, del 24% rispetto a quelli dei colleghi. Percentuale che raggiunge picchi intorno al 33% nell’Asia Meridionale e del 30% nell’Africa Sub-Sahariana. Si tratta di cifre importanti, che dovrebbero far riflettere. Ma se la dimensione di questa ingiustizia non bastasse a scuotere (quantomeno) le coscienze, ci pensano i numeri sul Pil mondiale perso. L’esclusione delle donne da una parte...

12 Marzo 2018

Più donne non significa più parità: il caso delle avvocate e la sfida di AslaWomen

    In Italia un avvocato su due è donna. E il loro numero sembra destinato a crescere visto che, come attesta la Cassa forense, dal 1981 a oggi il numero delle professioniste è aumentato in modo costante. Nel 1981 le donne che esercitavano la professione in Italia erano solamente il 7%, ma a partire dagli anni '90 il loro numero è passato al 15%, per poi crescere nuovamente fino ad arrivare al 21% nel 1995, al 30% nel 2001, al 36% nel 2005 e raggiungere il picco del 48% nel 2016.  Non solo. Attualmente in alcune regioni del centro Nord nelle fasce più giovani (26 – 34 anni), il numero di avvocate è persino...

02 Marzo 2018

Discriminazione e lavoro: stesse leggi ma interpretazioni diverse. Così si violano i diritti

    Facciamo un esperimento. Proviamo a chiedere a un avvocato che lavora nell'Unione europea se nel suo Stato esiste una legislazione contro le discriminazioni sulla base del genere, dell'età e dell'etnia nei luoghi di lavoro. La risposta sarà, nella quasi totalità dei casi, affermativa. Significa quindi che la discriminazione sul lavoro è stata azzerata grazie alle leggi? Non proprio. Se infatti chiediamo, agli stessi avvocati, se, per esempio, è accettabile richiedere un curriculum vitae con una foto del candidato, ci renderemo conto che le risposte iniziano a non essere così uniformi. Una parte dei legali risponderà...

22 Febbraio 2018

Diversity: tante parole e pochi fatti. Solo il 14% delle aziende la incentiva davvero

    Solo il 40% delle aziende ritiene che la diversity sia importante per il successo del proprio business. E, tra queste, solo un ancor più basso 14% sta prendendo provvedimenti concreti per migliorare la diversità ai livelli apicali. Sono i principali risultati del report realizzato da Grant Thornton dal titolo “Diversity snapshot: ethnicity, age and gender”, uno studio che punta a mettere a fuoco il grado di diversity di circa 2.500 aziende (tra cui 50 italiane) distribuite in 35 Paesi nel mondo secondo tre criteri: la diversity riferita all’età, quella relativa alla composizione etnica dei team e quella legata al...

08 Febbraio 2018

Vuoi entrare in un board? Al via le selezioni del nuovo corso "In the boardroom"

      Le montagne, si sa, si scalano un passo alla volta. Si arriva fino a dove l'occhio vede, dandosi un obiettivo minimo e poi si prosegue, forti della strada messa dietro alle spalle fino a quel punto. Lo stesso avviene per molte faccende che con le piccozze e gli scarponi. Un passo alla volta. È, per esempio, un'espressione che andrebbe bene anche per descrivere il percorso fatto finora dalle donne nei consigli di amministrazione italiani. Il loro numero dal 2012 – anno di entrata in vigore della legge Golfo Mosca – è triplicato, passando da 242 a 751. Alle donne spettano però nella maggior parte dei casi...

01 Febbraio 2018

Welfare che impresa: quando la startup è sociale

  Non solo fintech e automotive. Chi l'ha detto che l'innovazione e la tecnologia facciano bene solo alle imprese del settore finanziario o automobilistico? Le startup possono nascere infatti anche in settori apparentemente meno disruptive, come per esempio il welfare. È questo il caso di Italia non profit, Jobiri, Local To You e Tripmetoo: le quattro startup vincitrici della seconda edizione di "Welfare, che impresa". Il concorso, dedicato alle stratup "sociali", promosso da Fondazione Italiana Accenture, Fondazione Bracco, Fondazione Golinelli, Fondazione Snam e UBI Banca con il contributo scientifico di AICCON e...

30 Gennaio 2018

Qvc Nex Lab: la call per startup femminili. Candidature fino al 12 febbraio

Ancora pochi giorni per candidarsi alla call per startup Qvc Next Lab, promossa dal canale di shopping e intrattenimento Qvc e da The European House – Ambrosetti che si occupa di consulenza strategica e operativa. La call è dedicata alle imprese innovative a prevalenza femminile - a prescindere dal proprio stadio di sviluppo o dalla specializzazione – che promuovono idee e progetti con una ricaduta positiva sui problemi e sui bisogni delle donne. L’obiettivo di Qvc è infatti quello di promuovere “l’occupazione femminile e aiutare le donne a migliorare la propria presenza anche nel mondo delle startup dove le...