Micaela Cappellini

Sono una quarantenne, proprio come Alley Oop. Mi divido fra un lavoro di giornalista al Sole 24 Ore, che ancora mi piace, e due piccole pesti, che adoro e che mi fanno dannare. Più un compagno, una gatta e poco (troppo poco) tempo per leggere e viaggiare. Come Alley Oop, so cosa vuol dire essere in una fase della vita in cui si ha voglia di prendere quello che ci spetta. Perché se ne hanno le capacità e le responsabilità non ci spaventano più. Di Alley Oop sarò lo sguardo internazionale: là fuori, oltre le Alpi, oltre l’Europa, è pieno di donne sorprendenti che hanno qualcosa da insegnare. Su twitter: @GioDArco
13 Dicembre 2017

Donne e politica: l'Italia come Ecuador, Algeria e Camerun

   C'è una curva, quella del Global gender gap political empowerment index - l'indice che misura il tasso di partecipazione politica delle donne nel mondo - che tra il 2006 e il 2016 faticosamente sì, ma cresce. Poi, all'improvviso, la stessa curva bruscamente si arresta e guarda verso il basso. E questo avviene proprio in corrispondenza del 2017: un anno dal magro bottino, per le donne in politica. La media calcolata dall'ultima edizione di Women in Politics dice che nel mondo solo il 23,3% dei leader politici mondiali sono donne. Virtualmente, una ogni quattro. Detto questo, le differenze sono abissali. Primi in...

06 Dicembre 2017

Quattro profezie sul futuro del lavoro

Mi piace pensare che Blade Runner 2049 è - ancora di più dell'originale di Ridley Scott - la proiezione del mondo che verrà. Quello in cui vivranno i miei nipoti, e che forse anche i miei figli potrebbero fare in tempo a vedere. Prima del 2049 però bisogna passare per il 2025, quando l'Unione europea stima che ci serviranno 7 milioni di nuovi lavoratori nel segmento Stem: scienze, tecnologia, ingegneria e matematica. Ma che mondo del lavoro ci aspetta, per questa - o al più tardi per quell'altra - data? Stephane Kasriel, non necessariamente in quest'ordine di importanza, è il padre di quattro figli, il Ceo del sito di...

29 Novembre 2017

Boicotta la recita di Natale

Lo so, questo è un blog di un giornale economico e ogni post deve avere un risvolto economico. E infatti c'è: ho appena calcolato che quest'anno le recite di natale dei miei due figli mi costano 455 euro. Esclusa la maglietta rossa di lei, il cappellino verde di lui e le offerte (libere) per i lavoretti. Quattro feste mi costano quasi quanto una rata condominiale trimestrale. Perché? Semplice: solo un saggio è stato fissato in orario extra-lavorativo, tutti gli altri sono collocati esattamente a metà di una giornata tipo di lavoro. Così, per presenziare a tutti gli appuntamenti, sono costretta a prendere tre giorni di congedo...

15 Novembre 2017

Blu ride, rosso piange: la mappa del benessere delle donne

Di quali ingredienti è fatta la ricetta del benessere di una donna? Ci vogliono una buona dose di parità di diritto - cioè nelle leggi che regolano la vita di un Paese - e una quantità ancora superiore di parità di fatto. Ci vuole senso di sicurezza, tanto per le strade del mondo quanto fra le mura domestiche. Ci vogliono disponibilità finanziarie, accesso all'istruzione. Ci vuole un lavoro. Secondo gli esperti dell'Institute for women, peace and security dell'Università di Georgetown, Washington, per il benessere di una donna ci vogliono undici ingredienti. Come ce la caviamo con la ricetta della felicità, qui in...

08 Novembre 2017

Dalla Lettonia alla Nuova Zelanda, chi offre più chance alle ricercatrici

Due giorni fa, inaugurando il 155esimo anno accademico del Politecnico di Milano, il suo rettore Ferruccio Resta ha ricordato che le donne rappresentano solo un terzo dei ricercatori dell'ateneo. Milano è dunque poco più su della media mondiale: secondo i dati dell'Istituto di Statistica dell'Unesco, la quota rosa della ricerca è ferma da tempo al 29%. Ci sono però alcuni Paesi dove le donne sono riuscite non solo a fare meglio, ma addirittura a raggiungere la parità. Non sempre questi Paesi corrispondono ai più avanzati dal punto di vista dei diritti delle donne, e nemmeno lo sono dal punto di vista della ricerca tout court. Di...

01 Novembre 2017

Ecco le mete più gettonate per studiare una lingua all'estero (con la sorpresa Corea)

Alzi la mano chi non ha mai fatto una vacanza studio all'estero, o se avete più di cinquant'anni chi non ha mai pagato ai propri figli un soggiorno in un college inglese o in una famiglia irlandese. Quanti ricordi di packed lunch, di collect call (esisteranno ancora?) e di penfriend al ritorno, Allora non c'era gara, la meta più gettonata era l'Inghilterra. Qualcuno si sentiva più sicuro a mandare i figli nella più tranquilla Irlanda. Mentre i più fortunati sbarcavano sulle spiagge di Malta e fra una conversation e l'altra facevano anche il bagno. Resistono ancora queste mete, oggi? Senza dubbio il Regno Unito e l'isola...

25 Ottobre 2017

Ecco 24 lavori perfetti: ad alto tasso di guadagno e a basso tasso di stress

Chi l'ha detto che non esiste un lavoro dove si guadagna tanto e ci si stressa poco? Siamo troppo abituati a pensare che se a uno stipendio alto corrispondono parecchie responsabilità, allora anche la vita di chi svolge quel particolare impiego deve essere frenetica. Il manager che lavora fino a tarda notte, il chirurgo che ha i turni in ospedale, il pilota che viaggia di fuso orario in fuso orario... Invece le buone notizie (a volte) esistono e si può persino pensare di avere la botte piena e la moglie ubriaca. Non lo dicono gli astrologi e nemmeno i motivatori televisivi, ma gli esperti americani che hanno incrociato i...

11 Ottobre 2017

Oggi nel mondo è #OrangeRevolution

Rosa non è il colore delle femmine. Il rosa si contrappone all'azzurro dei maschi e innesca il confronto, che quasi sempre è a vantaggio di questi ultimi. Oggi il colore delle femmine è l'arancione. Il colore della parità. E siccome la parità tra uomini e donne resta un concetto rivoluzionario, oggi è il giorno della Rivoluzione arancione, o #OrangeRevolution per dirla alla maniera dei social. L'hashtag è stato lanciato da Terre des Hommes per celebrare la sesta edizione della Giornata Mondiale delle Bambine proclamata oggi dall’Onu. Le bambine, nel mondo, sono un miliardo e cento milioni. Di queste, il 35% ha...

04 Ottobre 2017

Siti porno: chi l'ha detto che non sono per le donne?

Non c'è niente di maschilista come il porno, nell'immaginario collettivo. Dalla liberazione sessuale degli anni 60 in poi le donne hanno sempre lottato per la parità fra le lenzuola, ma non hanno mai fatto pubbliche battaglie per rompere il soffitto di cristallo delle produzioni a luci rosse. Eppure, intorno a questi temi anche le donne hanno un vissuto di normalità. E la parità passa anche dal cominciare ad ammetterlo liberamente. Le donne frequentano i siti porno? La prima risposta è sì. E la seconda è che non fanno fatica ad ammetterlo. Pornhub, uno dei colossi del settore, ogni anno traccia l'identikit del suo...

27 Settembre 2017

L'uomo o la donna: chi lava i piatti e chi porta a casa lo stipendio nell'Italia del 2017?

A casa mia abbiamo risolto una volta per tutte il tema del gender gap in cucina: sono anni che, ogni sera, i piatti li lava la lavastoviglie. Ma in una famiglia non c'è solo il tema della cucina, ci sono quello dei panni da lavare, dei figli da portare a scuola o a sport, dello stipendio da guadagnare. Che equilibrio regna, nelle case degli italiani? Un equilibrio squilibrato, ci dicono gli ultimi dati Nielsen sulle donne e la diversity nel mondo. Cominciamo da pasti e bucato: nel 44% delle case italiane sono esclusivamente le donne ad occuparsene, contro un 8% di famiglie dove al contrario questi lavori sono appannaggio dei soli...