Greta Ubbiali

Classe 1988, giornalista e conduttrice radiofonica. Ho una laurea in cinese e un bulldog francese. Sono cresciuta ascoltando la radio e ne ho fatto un lavoro. Vivo solo di parole, per dirla alla Venditti. Scrivo di millennials: dei sogni e delle speranze di una generazione cresciuta senza confini e con poche certezze. Su Twitter sono @se_greta
19 Novembre 2017

"Mamme sull'orlo di una crisi di nervi": elogio alle madri imperfette

    Tre buongiorno, due grazie, zero sorrisi. È quanto riesce a racimolare Caroline in un giorno qualunque della sua vita da mamma single. A volte si sente sola e quando ha bisogno di calmarsi osserva il bucato che girà nell'oblò della lavatrice. Passatempo che pare piacere anche a Malo, il figlio di tre anni e mezzo. Le sue disavventure e quelle di altre donne sono raccontate in “Mamme sull'orlo di una crisi di nervi”, graphic novel di Gwendoline Raisson e Magali Le Huche, uscito in Italia per Edizioni Clichy. Per far fronte alle difficoltà della sua vita personale e professionale Caroline inizia a frequentare...

06 Novembre 2017

Martina Caironi, un'atleta all'Agenzia spaziale europea

    «Verso l'infinito... e oltre!»   Era il motto dell'astronauta Buzz Lightyear, protagonista di Toy Story, ma si sposa bene anche con l'ultima avventura di Martina Caironi, campionessa paralimpica bergamasca classe 1989. Martina sarà la prima ambasciatrice dell'iniziativa “Esa grand challenge”, lanciata dall'Agenzia spaziale europea per sostenere l'innovazione e la creazione di nuovi ecosistemi imprenditoriali. Lo scorso 13 ottobre a Parigi Martina Caironi ha partecipato al “Global space economic workshop” dove ha tenuto un discorso per far riflettere sull’importanza dell'investire in tecnologia facendo...

23 Ottobre 2017

L'hacker sul divano: più di un terzo dei Millennials ha letto messaggi ed email del partner senza permesso

        Interno, notte. Un cellulare giace abbandonato sul divano. È quello del partner. Ad un certo punto lo schermo si accende. Una notifica luminosa avverte che è arrivato un messaggio. E dalle retrovie fa capolino un pensiero: “che faccio, sbircio?” A chi non è mai capitato di fare i conti con questa situazione? Dare un’occhiatina o reprimere la curiosità. La vostra reazione potrebbe dipendere, non solo dalla propensione personale a farvi i fatti vostri, ma anche dall’età che avete. Tra i Millennials, pare che l'impulso a dare uno sguardo alle comunicazioni del partner sia una tentazione troppo grande...

09 Ottobre 2017

7 Millennals su 10 sono disposti ad accogliere i rifugiati nel proprio Paese

    L'estate che ci siamo appena lasciati alle spalle é stata contraddistinta dal dibattito sulla questione dei migranti e richiedenti asilo. Se ne é parlato molto in tv e sui giornali. Tra notizie, commenti e smentite non sempre il dibattito è stato all'altezza della complessità del problema. Spesso si è assistito ad episodi di intolleranza alimentati da bufale e polveroni mediatici. La solidarietà però trova casa tra le generazioni più giovani. Secondo un'indagine promossa dal World Economic Forum 7 Millennals su 10 sarebbero disposti ad accogliere i rifugiati nel proprio Paese. Il Global Shapers Annual Survey...

25 Settembre 2017

Vacanze da viveur addio, i giovani preferiscono le esperienze formative all'estero

    Mettersi alla prova in un Paese lontano, assorbire la ricchezza culturale del mondo e allo stesso tempo costruire competenze importanti per la carriera: le vacanze-lavoro possono essere un'ottima opportunità per vedere il mondo mentre si arricchisce il proprio curriculum vitae. Per questo motivo sempre più giovani scelgono il periodo delle vacanze per investire nel proprio futuro professionale e sviluppare competenze utili per affacciarsi al mondo dell'impiego. Lo conferma uno studio condotto da Espresso Communication su 1400 giovani tra i 18 e i 29 anni da cui emerge che il 72% dei ragazzi italiani sarebbe...

24 Settembre 2017

Chineasy: la curiosità per il cinese viene sfogliando

    Il cinese mandarino è la lingua più diffusa al mondo per numero di parlanti. Imparare a leggere e scrivere i caratteri permette di comunicare con più di un miliardo di persone ma non è un compito facile, soprattutto per un occidentale. Partendo da questa consapevolezza, e dall'esperienza vissuta con i suoi figli, Shaolan Hsueh ha messo a punto il suo metodo di insegnamento poi diventato un libro: "Chineasy".   Lei, imprenditrice di origine taiwanese di stanza a Londra, è figlia di un calligrafo e di un'artista della ceramica ed è cresciuta apprezzando la bellezza dei caratteri e la poesia dei tratti. Un po' più...

11 Settembre 2017

Millennials&App: Google e Facebook vincono ma l'irrinunciabile è un'altra

  Fino a quattro ore al giorno. È il tempo che i Millennials passano consultando il loro smartphone. Fare e ricevere telefonate è diventato però secondario, perché la maggior parte del tempo viene assorbita dalle applicazioni. Per la precisione l'uso di app rappresenta il 57% di tutti i consumi digitali. E la app più diffusa tra i giovani, potrebbe sembrare strano, non è una app di social media. Lo rivela lo studio di ComScore "The 2017 U.S. Mobile App Report" che ha esplorato le abitudini di utilizzo dei proprietari di smartphone negli Stati Uniti e mostra quali sono le app più amate e utilizzate dalla generazione...

10 Settembre 2017

"Taglia e Cuci": I pettegolezzi sono roba seria

  Una "lunga seduta di tonificazione del cuore". É come Marjane Satrapi descrive un pomeriggio tra donne passato a spettegolare e che diventa il soggetto del libro “Taglia e Cuci”. Il volume, uscito originariamente con il titolo "Broderies"” (ovvero “ricami”) in Francia nel 2003, è stato portato in Italia nel 2009 da Rizzoli Lizard. "Taglia e Cuci" è una graphic novel autobiografica di Marjane Satrapi, disegnatrice iraniana conosciuta al grande pubblico per la sua prima opera Persepolis (quest'ultima divenuta anche film d'animazione nel 2007). Nata nel 1969 a Rasht, passa l'infanzia a Teheran prima di lasciare il paese...

04 Settembre 2017

"The other pair": due bambini e un paio di scarpe nel corto di una regista ventenne

  Vi ricordate quando da piccoli indossavamo per la prima volta un paio di scarpe nuove? La gioia di poter “sfilare” con il nuovo acquisto, magari in un giorno di festa. L'orgoglio per quello che ci sembrava il più bel paio di scarpe in circolazione ma anche il terrore di sporcarle: così vicine a terra, col rischio di macchiarle giocando o che venissero pestate da qualcuno. Il corto “The other pair” in meno di cinque minuti ci fa assaporare di nuovo quel mix di sentimenti infantili ma, ancora più importante, ci mostra – o ricorda? - anche l'esistenza di un altro mondo: quello di chi vive in condizione di indigenza....

28 Agosto 2017

Multinazionale e hi-tech: l'azienda dei sogni di un Millennial

  Indolenti e infedeli. È lo stereotipo dei Millennials sul lavoro. Se è pur vero che i lavoratori tra i 25 e i 34 anni cambiano lavoro più o meno ogni 3 anni, il triplo dei cinquantenni, i dati smentiscono il fatto che siano svogliati. Secondo Manpowergroup, il 73% dei Millennials in giro per il mondo dichiara di lavorare più di 40 ore a settimana, e in media la settimana lavorativa di un ragazzo italiano è di 43 ore. Ciò che è cambiato rispetto al passato è l'atteggiamento nei confronti delle aziende presso cui i giovani cercano impiego. La stabilità finanziaria non basta. Da un posto di lavoro la generazione Y si...