Non credete alla favola dei figli che nascono con un debito di 35mila euro

scritto da il 09 Marzo 2016

Ormai da tempo, e da più fonti, si sente spesso dire che ogni italiano ha un debito di 35mila euro. Per la stessa logica, ogni nuovo nato eredita questo pesante fardello, una sorta di peccato originale. Al primo respiro, se fosse cosciente, saprebbe che è già in debito di 35mila euro con lo Stato. In realtà, si tratta di una favoletta bella e buona, peraltro con venature horror, che cercherò in questo post di smentire, provando a tranquillizzare i genitori italiani.

Partiamo innanzi tutto dal dato: 35mila euro. Come si ottiene? Molto semplicemente dividendo l’ammontare del debito pubblico nominale italiano (2.100 miliardi) per la popolazione (60,8 milioni). Da cui si ottengono, dopo un piccolo arrotondamento, i fatidici 35mila euro!

Bene, applicando la stessa formula ad esempio in Germania scopriamo che anche i cittadini tedeschi nascono con un fardello mica da ridere. Dividendo i 2.600 miliardi di debito pubblico nominale tedesco per la rispettiva popolazione (80 milioni) si ricava un debito individuale di 32mila euro. Quindi, secondo questa logica anche i genitori tedeschi dovrebbero preoccuparsi per i loro figli, subito affossati da una montagna di debito non appena nati.

La realtà è che non c’è nessun peccato originale. Per almeno due motivi

1) Non esiste un Paese senza debito. Il debito è uno dei modi in cui gli Stati oggi “creano” moneta. E’ necessario anche per ricavare un tasso di interesse, parametro di confronto sulla solvibilità dei differenti Paesi. Se non ci fosse questo vincolo alla creazione di moneta, gli Stati rischierebbero di cadere nella tentazione di “stampare troppa moneta” e quindi di inflazionarla, a svantaggio di tutti i cittadini e dell’economia in senso lato. Qualcuno potrà obiettare sulla correlazione moneta-debito, ma sta di fatto che oggi funziona così.

Seguendo la logica della favoletta, abbiamo capito che non esistono neonati senza debito/peccato originale. Chi più, chi meno, tutti nascono “indebitati”. Ma è una favola perché il debito di un Paese non deve essere estinto, ma deve essere semplicemente sostenibile. In modo tale che quel Paese possa pagare meno interessi passivi che sono comunque un elemento che sottrae potenziale ricchezza alla crescita.

2) Ma cos’è il debito? Anche qui, molto semplicemente, è il credito di qualcun altro. Non esiste debitore senza creditore. E quando parliamo di debito pubblico, parliamo per la quasi totalità di titoli di Stato. Su 2.100 miliardi di debito in Italia oltre 1.800 è espresso in titoli di Stato (vedi grafico). Chi detiene questi titoli di Stato? Circa il 65% è nelle mani di banche, assicurazioni e risparmiatori italiani. Il restante 35% è nelle mani di investitori esteri. Vista sotto questa luce una buona fetta del debito pubblico italiano è nelle mani di attori economici italiani, quindi più che un debito figura come un giroconto contabile di ricchezza tra Stato e privati. Privati che percepiscono anche degli interessi (cedole sui titoli di Stato). E tra questi privati ci siamo anche noi risparmiatori quando compriamo un BoT o BTp. Parte di quel debito, quindi, ci vede dalla parte dei creditori, è verso noi stessi.

COMPOSIZIONE_TITOLI_DI_STATO (1)

Accantonata la preoccupazione del debito che ognuno di noi avrebbe sulle spalle, quello che è invece importante sottolineare è il punto sulla sostenibilità del debito. Più il debito di un Paese è sostenibile, minore sarà la quota di interessi da pagare per sostenerlo. L’Italia ogni anno paga interessi sul debito per 80-90 miliardi di euro. E’ vero che questi interessi finiscono per larga parte nelle tasche dei possessori di titoli italiani (fra cui la maggioranza è composta da attori economici italiani). Ma è anche vero che per reperirli lo Stato deve aumentare (o fa fatica a diminuire) le tasse. Quindi questa ricchezza (80-90 miliardi di euro l’anno) potrebbe in parte essere destinata verso altri investimenti, piuttosto che semplicemente al ripagare i creditori. Pensate che dal 1980 l’Italia ha pagato 3.100 miliardi di interessi sul debito, più del debito stesso! Questo è il punto più delicato del tema del debito pubblico. “Tutto il resto (favolette incluse) è….noia”.

www.twitter.com/vitolops