06 Dicembre 2017

Quattro profezie sul futuro del lavoro

scritto da

Mi piace pensare che Blade Runner 2049 è - ancora di più dell'originale di Ridley Scott - la proiezione del mondo che verrà. Quello in cui vivranno i miei nipoti, e che forse anche i miei figli potrebbero fare in tempo a vedere. Prima del 2049 però bisogna passare per il 2025, quando l'Unione europea stima che ci serviranno 7 milioni di nuovi lavoratori nel segmento Stem: scienze, tecnologia, ingegneria e matematica. Ma che mondo del lavoro ci aspetta, per questa - o al più tardi per quell'altra - data? Stephane Kasriel, non necessariamente in quest'ordine di importanza, è il padre di quattro figli, il Ceo del sito di...

01 Dicembre 2017

Le donne sono di moda, ma invitarle ai convegni non basta

scritto da

    Le donne sono di moda, e i vari summit, meeting e convegni si attrezzano adeguatamente - quando con più, quando con meno convinzione – per accoglierle a trattarle bene, o quanto meno “alla pari”. Non sempre però ci riescono, e non per cattiva volontà. Il recente Web Summit consentiva alle donne di entrare pagando metà del costo del biglietto – stile discoteca –, aveva un’ampia area dedicata al progetto “Women in Tech” e ha contato con attenzione quante partecipanti (42%) e quante speaker (35%, ma le moderatrici valgono?) è riuscito a mettere insieme. Ciononostante, non è riuscito a impedire che...

17 Novembre 2017

Davos affida l'edizione 2018 a sette donne: servirà a produrre un pensiero davvero diverso?

scritto da

    “Tutti uguali, vestiti uguali, pettinati uguali: in una parola omologati. E come fa una classe dirigente così a innovare?” Si era chiesta davanti a una platea quasi esclusivamente maschile l’allora ministra dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza nel suo intervento al Forum Ambrosetti a Cernobbio nel 2013. Quest’anno la situazione al Forum Ambrosetti non doveva essere molto migliorata, se la commissaria europea Margrethe Vestager ha iniziato il proprio intervento con un: «Ladies, and gentlemen and gentlemen and gentlemen”. Un vizio tutto italiano, quello di avere al tavolo molte donne quando nel convegno si...

03 Novembre 2017

AAA cercasi disperatamente un Ministero per le Pari Opportunità perdute in Italia

scritto da

    Solo Cipro e Malta in Europa fanno peggio di noi: in tutti gli altri Paesi del nostro continente c’è più parità di genere che in Italia. Non foss’altro che per lo spirito di competizione che ci contraddistingue, sarebbe ora di alzare la testa e provare a cambiare il corso delle cose per le Italiane (e gli Italiani). L’Italia ha infatti perso ben 32 posizioni in un anno nel Global Gender Gap Report del World Economic Forum, posizionandosi 82°, soprattutto a causa di una crescente ingiustizia salariale – chiamarla discriminazione non rende l’idea: stiamo parlando infatti dei diritti basilari di tutti i...

02 Novembre 2017

Parità salariale tra uomini e donne? Se ne parla tra un paio di secoli

scritto da

L'obiettivo è ancora lontano e invece di avvicinarsi si fa sempre più difficile da raggiungere. Secondo il rapporto del World Economic Forum, mancano 217 anni perché uomini e donne raggiungano la parità salariale e abbiano la stessa rappresentanza sul posto di lavoro. Solo lo scorso anno, il rapporto parlava di 170 anni. Per chiudere il divario globale di genere servirà invece oltre un secolo, mentre un anno fa si parlava di circa 80 anni. Per la prima volta dal 2006, da quando viene calcolato dal Wef, il gap globale di genere si è allargato, sia pure di poco e l’uguaglianza ha fatto marcia indietro in tutti e quattro i campi...

09 Ottobre 2017

7 Millennals su 10 sono disposti ad accogliere i rifugiati nel proprio Paese

scritto da

    L'estate che ci siamo appena lasciati alle spalle é stata contraddistinta dal dibattito sulla questione dei migranti e richiedenti asilo. Se ne é parlato molto in tv e sui giornali. Tra notizie, commenti e smentite non sempre il dibattito è stato all'altezza della complessità del problema. Spesso si è assistito ad episodi di intolleranza alimentati da bufale e polveroni mediatici. La solidarietà però trova casa tra le generazioni più giovani. Secondo un'indagine promossa dal World Economic Forum 7 Millennals su 10 sarebbero disposti ad accogliere i rifugiati nel proprio Paese. Il Global Shapers Annual Survey...

14 Giugno 2017

Otto leggi sessiste che non pensavate esistessero ancora

scritto da

Che in Arabia Saudita per le donne sia vietato guidare è cosa nota. È la discriminazione di genere, bellezza. Nel mondo, però, c'è discriminazione e discriminazione. Ci sono quelle non scritte, che si tramandano di padre in figlio e che fanno parte delle attitudini culturali: dalle stanze separate delle case indiane fino alle differenze di stipendio nelle moderne aziende occidentali. E ci sono le discriminazioni scritte, quelle sancite dalla legge: come il divieto di avere la patente per le donne saudite, appunto. Purtroppo, però, le autorità di Riad sono in buona compagnia: ecco altri sette Paesi al mondo dove sopravvivono...

06 Giugno 2017

La lenta riscossa delle (super)donne africane passa anche dai cartoni animati

scritto da

Buone notizie per le donne africane. Secondo lo studio “Prospettive economiche in Africa”, appena pubblicato, alcuni Paesi del continente avrebbero raggiunto un livello di sviluppo medio-altro con effetti positivi anche sul fronte del rispetto delle pari opportunità. Il report - realizzato dalla Banca africana dello sviluppo in collaborazione con l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e con il programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo – illustra, infatti, i progressi fatti da 18 Paesi su 54 dal punto di vista della sanità, dell’istruzione e, in generale, della qualità di vita. Questo non significa...

24 Aprile 2017

L'ambizione sotto i 30 anni ci accomuna, cosa cambia poi?

scritto da

"Voglio diventare partner del mio studio". Laurea cum lode, bilingue, intership a Londra durante le estati dell'Univerisità. Un curriculum di tutto rispetto per Francesca, 26 anni, che già da due anni lavora in uno degli studi legali più importanti di Milano. E le sue ambizioni sono commisurate alle competenze che ha maturato finora. "Voglio guidare la divisione italiana di una multinazionale" le fa eco Luca, stessa età e cv simile. E per entrambi il programma di un master nel giro del prossimo biennio. Nessuna sorpresa: le ambizioni degli under 30 sono le stesse, siano essi uomini o donne. Se hanno delle carte da giocarsi non si...

29 Marzo 2017

La donna araba più influente al mondo è un'americana. Come la mettiamo, Mr Trump?

scritto da

La donna araba più influente al mondo nel 2017, secondo la classifica di Arabian Business, è un'americana. Non porta il velo. E ironia della sorte è arrivata negli Stati Uniti proprio da uno di quei sette Paesi su cui Trump ha scagliato la maledizione del "Muslim ban", il divieto di ingresso negli Usa. Come la mettiamo, Mr President, con Zainab Salbi? Irachena di nascita, 47 anni, Salbi si divide tra le associazioni umanitarie per la difesa delle donne in zone di guerra e i programmi televisivi su AOL. È stata premiata dal presidente Clinton e dalla rivista Time, dal World Economic Forum e dal Foreign Policy Magazine. È...