07 Novembre 2017

Quanto è più lunga per le donne la strada verso la pensione

scritto da

    Se state leggendo questo articolo avete fatto il primo passo per passare dal problema alla soluzione: informarsi per trovare le contromisure contro i gap che le donne italiane, in particolare, vivono in termini previdenziali. Un gap che è frutto di tre fattori: la minor partecipazione delle donne, rispetto agli uomini, al mondo del lavoro; una retribuzione che spesso non è adeguata a quella dei colleghi uomini; una inferiore literacy in materia finanziaria, che frena la capacità di compiere scelte conseguenti: elemento, tra gli altri, su cui per molti versi è più facile intervenire. C’è poi un ulteriore fattore che...

06 Novembre 2017

Sicure nei locali e sulla via di casa, due iniziative tedesche per le donne

scritto da

    App per smartphone, nozioni di autodifesa, spray al peperoncino: queste le armi che sovente vengono consigliate alle donne per proteggersi da atti di violenza e molestie sessuali. In quanto facilmente accessibili e utilizzabili, almeno una volta nella vita ogni donna ha accarezzato l’idea di dotarsi di questi espedienti nella speranza di sentirsi più forte, più preparata e meglio attrezzata per affrontare la violenza nel quotidiano. Per quanto valide, queste popolari soluzioni hanno un importante difetto di fondo, ovvero quello di lasciare la donna sostanzialmente sola con le sue paure e la sua responsabilità...

03 Novembre 2017

AAA cercasi disperatamente un Ministero per le Pari Opportunità perdute in Italia

scritto da

    Solo Cipro e Malta in Europa fanno peggio di noi: in tutti gli altri Paesi del nostro continente c’è più parità di genere che in Italia. Non foss’altro che per lo spirito di competizione che ci contraddistingue, sarebbe ora di alzare la testa e provare a cambiare il corso delle cose per le Italiane (e gli Italiani). L’Italia ha infatti perso ben 32 posizioni in un anno nel Global Gender Gap Report del World Economic Forum, posizionandosi 82°, soprattutto a causa di una crescente ingiustizia salariale – chiamarla discriminazione non rende l’idea: stiamo parlando infatti dei diritti basilari di tutti i...

02 Novembre 2017

Parità salariale tra uomini e donne? Se ne parla tra un paio di secoli

scritto da

L'obiettivo è ancora lontano e invece di avvicinarsi si fa sempre più difficile da raggiungere. Secondo il rapporto del World Economic Forum, mancano 217 anni perché uomini e donne raggiungano la parità salariale e abbiano la stessa rappresentanza sul posto di lavoro. Solo lo scorso anno, il rapporto parlava di 170 anni. Per chiudere il divario globale di genere servirà invece oltre un secolo, mentre un anno fa si parlava di circa 80 anni. Per la prima volta dal 2006, da quando viene calcolato dal Wef, il gap globale di genere si è allargato, sia pure di poco e l’uguaglianza ha fatto marcia indietro in tutti e quattro i campi...

24 Ottobre 2017

Olga Iarussi: Il passaggio obbligato da welfare maternità a welfare genitorialità

scritto da

    Cara Alley, si parla troppo di Welfare femminile e troppo in generale. Le esigenze delle donne cambiano a seconda di “life style/life age”. La vera discriminante per le donne non è “essere donne”, ma diventare madri. E qui scattano meccanismi sociali e psicologici che le sole leggi/regole/KPI aziendali non riescono a risolvere, se non si affronta la CULTURA aziendale e familiare. Quando la donna diventa madre deve dimostrare quello che agli uomini (padri) si dà per scontato (lavorare fino a tardi, viaggiare, focus sul lavoro..). Veniamo guardate con dubbio, sospetto e spesso anche pietà. In questo frangente...

23 Ottobre 2017

#Quellavoltache vista da un uomo

scritto da

    Cara Alley,   Quella volta che ho pensato prima alle sue tette che al suo cervello. Quella volta che non le andava di fare l'amore (era una relazione stabile) e io ho insistito incurante. Quella volta che mi sono prestato a discorsi da caserma sul corpo delle donne senza protestare.   Sono queste le tre cose, confessabili, che mi sono venute in mente nell'accogliere la sfida lanciata, o meglio, che io ho percepito essermi stata lanciata, in quanto uomo, dagli ormai famosi hashtag #quellavoltache e #metoo. Una volta partoritele, con non poca fatica ad essere sincero, come è mia abitudine, non mi sono fermato...

23 Ottobre 2017

L'hacker sul divano: più di un terzo dei Millennials ha letto messaggi ed email del partner senza permesso

scritto da

        Interno, notte. Un cellulare giace abbandonato sul divano. È quello del partner. Ad un certo punto lo schermo si accende. Una notifica luminosa avverte che è arrivato un messaggio. E dalle retrovie fa capolino un pensiero: “che faccio, sbircio?” A chi non è mai capitato di fare i conti con questa situazione? Dare un’occhiatina o reprimere la curiosità. La vostra reazione potrebbe dipendere, non solo dalla propensione personale a farvi i fatti vostri, ma anche dall’età che avete. Tra i Millennials, pare che l'impulso a dare uno sguardo alle comunicazioni del partner sia una tentazione troppo grande...

11 Ottobre 2017

Ue, donne più vicine agli uomini ma restano meno potenti e più impegnate (Eige)

scritto da

      Un miglioramento di 4,2 punti in dieci anni. Un nulla, quindi. E' il risultato che emerge dall'analisi del Gender Equality Index 2017 di Eige (European Institute for Gender Equality). L'indice a livello europeo è salito, infatti, a 66,2 punti su 100 nel 2015 contro i 62 punti del 2005, con un'accelerata nell'ultimo triennio. Certo un panorama non particolarmente roseo. Il rapporto, presentato oggi a Bruxelles, conferma i Paesi del Nord Europa alle prime posizioni, con Svezia e Danimarca che svettano. L'Italia, passata dal 26esimo al 14esimo posto in classifica, è stata, però, menzionata come Paese in cui il...

22 Settembre 2017

Come te la cavi con gli errori? Se sei una donna, ti conviene fare allenamento

scritto da

    Specialmente quando si parla di donne, gli studi più recenti indicano che più il potenziale è alto, più è alta l’ansia da prestazione e la paura di sbagliare. Nelle università americane, la cosa viene affrontata con dei veri e propri curricula formativi. Lo Smith College, per esempio, ha recentemente lanciato il progetto “Sbagliare bene”: chiedendo ai docenti e alle studentesse con la reputazione migliore di mettere in mostra i loro errori più grossolani, ma anche proponendo corsi che qui in Italia spopolerebbero (o no: mi sto forse illudendo?). Per esempio, chi non vorrebbe partecipare a un corso che si...

13 Settembre 2017

Ma c'è davvero di che gioire per l'occupazione femminile al 49,1%?

scritto da

    Il dato sull'occupazione femminile è da record. Eppure c'è poco da festeggiare. "L'occupazione femminile è cresciuta di 1,6 punti percentuali rispetto al 2008. Ma  dobbiamo gioire del fatto che siamo ancora sotto la soglia del al 50% del totale e che abbiamo un gap enorme rispetto ad altri paesi europei?" sottolinea la statista Linda Laura Sabbadini, proseguendo poi: "Dobbiamo guardare i numeri e cercare di capire cosa sta succedendo. Siamo in una fase importante di ripresa, che però si è stabilizzata e ha un'intensità bassa. Il Pil italiano è ancora 6 punti sotto il 2008, mentre il Pil dell'Eurozona è già tornato...