23 Febbraio 2017

“JUST BREATHE”: la mindfulness a scuola

scritto da

“La prima premessa per lo sviluppo del bambino è la concentrazione. Il bambino che si concentra è immensamente felice.” Queste parole dell'educatrice e pedagogista Maria Montessori mi sono tornate in mente parlando di mindfulness con la mia collega Tiziana Castellano, un’educatrice professionale, Gestalt Counsellor ed esperta in discipline olistiche. Mi ha portato a riflettere sul fatto che la classe, gli alunni, “sono lo specchio dell’insegnante, la sua estensione, e un percorso di consapevolezza risulterebbe utile, per i docenti e per i bambini, per sviluppare un clima sereno, un atteggiamento empatico, che possa essere...

21 Febbraio 2017

Istituti tecnici e scuole primarie insieme per il futuro delle bambine

scritto da

Gli stereotipi di genere che condizionano la futura vita professionale cominciano presto, tra i 5 e i 7 anni. E’ già a questa età che bambine e bambini cominciano a pensare a che cosa faranno da grandi e a dare una connotazione maschile o femminile alle professioni. Lo dicono recenti ricerche, lo dicono i numeri pubblicati dal Miur, che mettono in luce nelle immatricolazioni universitarie una maggior presenza delle donne in tutte le aree, ad eccezione di quella scientifica dove il 62,4% degli immatricolati è di sesso maschile. Di fronte a questo fenomeno, qualcuno comincia a giocare d’anticipo. E’ il caso di due iniziative che...

15 Febbraio 2017

Lella Costa: cominciamo ad educare all'uguaglianza fin da piccoli

scritto da

Non è facile riassumere le conquiste delle donne degli ultimi decenni. La più grande conquista è l'avere posto, e continuare a porre, l'attenzione sul punto di vista femminile: in qualunque momento e in qualsiasi occasione. Che si tratti di un bilancio comunale o di come investire le risorse o quali priorità avere a cuore. Questo è sia il grande cambiamento che il grande contributo femminile alla società. Ma abbiamo avuto anche delle clamorose sconfitte. Penso al referendum sulla legge 40 (ndr. "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita" del 2005). Una grande affermazione è la presa di parola delle donne. In Italia si...

15 Febbraio 2017

Valeria Fedeli: la scuola punta su scienze e digitale per le studentesse

scritto da

Un mondo di depravazione, abuso e corruzione, gestito da uomini immorali e dediti al vizio, viene positivamente sovvertito grazie alla presa di potere di un partito femminista che, portando le donne alle strutture apicali della società, potenzia le strutture amministrative grazie alla ricchezza dell’intelligenza di un genere troppo spesso tenuto ai margini della vita civile. È fantascienza, sì. Una provocazione che una scrittrice e giornalista nicaraguense, Gioconda Belli, ha affidato alle pagine di un romanzo, Nel Paese delle donne. Eppure, depurando la narrazione dai contenuti iperbolici, lo spunto è interessante per domandarci...

09 Febbraio 2017

Studenti e Atleti? La formazione scolastica è un gioco di squadra

scritto da

Nell’anno scolastico che ha visto l’avvio del programma sperimentale previsto dalla legge Buona Scuola a sostegno degli studenti-atleti di alto livello che frequentano le scuole secondarie di II grado, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha presentato i primi dati relativi alla nuova proposta didattica. Al momento sono 415 le studentesse e gli studenti coinvolti, 187 gli istituti distribuiti in 17 regioni con una maggiore concentrazione in Lombardia (23%), Lazio (18%) e Piemonte (11%), 45 le discipline sportive rappresentate suddivise in 37 federazioni: calcio (96 studenti), nuoto (49), atletica leggera...

07 Febbraio 2017

Bullismo al collegio San Carlo: la procura apre un fascicolo e fra i genitori si attende una presa di posizione più netta

scritto da

Non conosce età, né differenze sociali. Può essere fisico, verbale, psicologico o utilizzare come strumento la rete e la tecnologia. Può accadere una sola volta o ripetersi frequentemente. In ogni caso chi lo subisce vive un trauma che difficilmente se ne va crescendo. Il bullismo è un fenomeno che, secondo i dati raccolti da Telefono azzurro durante l’anno scolastico 2015-2016, ha interessato almeno un bambino o una bambina al giorno. Mentre secondo l’ultima indagine Istat disponibile (2014) più del 50% dei ragazzi e delle ragazze tra gli 11 e i 17 anni hanno subito almeno un episodio di questo tipo. Ma le indagini rivelano...

07 Febbraio 2017

Quando il bullismo fa vendere le figurine

scritto da

Hai appena finito di confrontare i piani di offerta formativa di due scuole primarie e di intervistare amiche e amici per decidere dove iscrivere tuo figlio (segretamente forse rimpiangendo i tempi in cui a tuo padre e tua madre era data la sola possibilità di mandarti nell’istituto più vicino a casa) che ti imbatti negli Skifidol. E capisci che la lotta per l’educazione della creatura comincia in salita (lo sospettavi, ma ora diventa una certezza). Perché le insidie peggiori possono nascondersi non in internet, ma nelle vecchie care figurine, che ai tuoi tempi raffiguravano i calciatori e oggi hanno i personaggi Skifidol: Gustavo...

07 Febbraio 2017

#SaferInternetDay : le sfide perché la rete diventi un luogo sicuro per bambini e adolescenti

scritto da

Cyberbullismo, tutela dei dati personali e della propria identità digitale, hate speech, web reputation e affidabilità delle informazioni nella rete. Queste e molte altre sono le questioni che ci troviamo davanti, per far sì che l’ambiente digitale in cui bambini e adolescenti sono sempre più immersi sia sicuro e funzionale al loro sviluppo. Sfide che si giocano su più tavoli, da quello dell’educazione in famiglia, a quello legislativo e istituzionale, al centro del Safer Internet Day, la giornata mondiale sulla sicurezza nella rete che si celebra oggi (qui il link internazionale e qui quello italiano) e che coinvolge oltre 100...

03 Febbraio 2017

La rappresentante di classe? E' la nuova eroina del digitale

scritto da

Diciamolo una volta per tutte: la tecnologia salva la vita. Quando la si sa usare. Oggi la rappresentante di classe ha smesso i panni della desperate housewife ed è a tutti gli effetti una digital manager, un’eroina dei nostri giorni al servizio di tutti noi. Quest’anno ho esordito nel ruolo di mamma di un bambino che va a scuola e solo all’idea di trovarmi nella condizione di dover fare la rappresentante di classe, mi sentivo male. Non lo sono direttamente, ma mi presto a condividere qualche consiglio digitale con la nostra super rappresentante, e se c’è un apprendimento che ho subito fatto mio in questi pochi mesi: oggi...

02 Febbraio 2017

Basta compiti! E' davvero la soluzione più giusta?

scritto da

“Basta compiti!”, questo è il grido di protesta sollevato recentemente in Italia, soprattutto attraverso le pagine dei social, da parte di gruppi di genitori. Lo slogan è diventato il nome di un gruppo Facebook,  che ha lo scopo di mettere in evidenza l’inefficacia di un'elevata mole di compiti a casa. Pare, infatti, che i compiti affilggano gli alunni italiani, sin dalla più tenera età, impedendo loro di trovare il tempo sufficiente per svolgere attività ricreative o sportive. E’ vero che nelle scuole migliori d’Europa (Finlandia e Danimarca), non si assegnano compiti o, al limite, se ne assegnano pochissimi, ma è...