30 Ottobre 2017

MOVE! alla Fiera di Vicenza, tra fitness e sfide di genere

scritto da

    Donne contro uomini. Sono l’argomento del momento, le sfide di genere, soprattutto in ambito sportivo grazie anche alla recente uscita del film “La battaglia dei sessi” dei coniugi Jonathan Dayton e Valerie Faris. Il film racconta l’incontro di tennis disputato il 20 settembre 1973 tra l’allora ventinovenne Billie Jean King (interpretata da Emma Stone) e l’ex campione Bobby Riggs (Steve Carell). La sfida, vista da oltre 90 milioni di spettatori, fu vinta dalla King, da sempre impegnata nella lotta per la parità dei montepremi. Una partita che, iniziata come una provocazione, ha poi avuto un impatto fondamentale...

19 Maggio 2017

Laura Flessel, ministra francese dello Sport, alla sfida per portare le Olimpiadi a Parigi

scritto da

La prima a farle i complimenti su Facebook è stata Valentina Vezzali: “Congratulazioni a Laura Flessel appena nominata Ministro dello Sport della Francia. Sono certa che saprà dare il suo contributo allo sport francese, con la stessa grinta che in pedana le ha permesso di ottenere tanti successi. Bon travail mon ami!Laura Flessel è un’altra schermitrice che, come Valentina Vezzali, è passata dalle pedane della scherma alla politica ed è stata scelta dal neoeletto presidente francese Emmanuel Macron come ministra dello Sport transalpino. Spadista, ex olimpionica, Laura Flessel nel 2012 è stata la portabandiera di Francia...

16 Maggio 2017

Come diventare manager di successo? Allena la mente con sciabola, spada e fioretto!

scritto da

Lauree, master e curricula impeccabili a volte da soli non bastano a completare la figura del manager ideale che le aziende ricercano. A volte serve quel qualcosa in più che solitamente si scrive distrattamente in fondo al proprio cv e che molti decidono volutamente di omettere. Ma sempre di più, nelle aziende, per la ricerca di personale o per la crescita professionale dei manager all'interno del team, si guarda a doti ed esperienze che non sono scontate. Per esempio, alle esperienze sportive. Uno degli sport più utilizzati per individuare o per far emergere all'interno di gruppi aziendali figure manageriali? A sorpresa, la...

20 Aprile 2017

Dall'oro a Tokyo 2020 alla presidenza del Coni. Gli obiettivi di Bebe Vio

scritto da

“Il mio role mode è una bambina di dieci anni che si chiama Margherita ed è nata senza un braccio. Questo però non le ha impedito di praticare il takwondo e diventare fortissima”. Non ha alcun dubbio Bebe Vio, 20 anni, campionessa paralimpica di fioretto. È a Margherita infatti che pensa nei giorni in cui vede il bicchiere mezzo vuoto e fatica a dire una delle frasi che hanno fatto conoscere a tutti il suo ottimismo: “Perché dire che palle se puoi dire che figo?”. Vedere il lato positivo delle cose che ti capitano, ribaltare le situazioni – anche quelle più negative – a proprio favore, è la grande lezione che le ha...

18 Settembre 2016

Un secondo. Il sogno grande di Bebe Vio

scritto da

Mi chiamo Beatrice, ma tutti mi chiamano Bebe, ho diciannove anni, e sono una schermitrice. Una schermitrice senza braccia e senza gambe, per la precisione. A undici anni me le hanno tagliate per colpa di un cosino piccolo piccolo ma feroce, con un nome quasi buffo, meningococco. Mica potevo dargliela vinta, a quel cosino lì. Io volevo la mia vita. Sono una ragazza fortunata, quando lo dico vedo la gente sgranare gli occhi, eppure io sono davvero fortunata. Perché sono viva e respiro. Perché faccio un sacco di cose, ma nessuna da sola, c'è la mia famiglia con me. E perché sono capace di sognare in grande. E adesso sono a un...

11 Agosto 2016

Elisa Di Francisca d’argento, Arianna Errigo delude

scritto da

Luci e ombre dalla sempre tanto attesa gara del fioretto femminile. Le luci sono quelle d’argento della medaglia di Elisa Di Francisca (n. 5 del ranking mondiale) che non è riuscita a bissare a Rio il successo olimpico ottenuto a Londra 2012. In finale la 33enne jesina si è arresa con il punteggio di 12-11 alla campionessa del mondo in carica, la 26enne russa Inna Deriglazova (n. 2 del mondo), allenata dal maestro Stefano Cerioni, di Jesi anche lui. L’azzurra, che si era aggiudicata nove dei dodici precedenti confronti diretti tra le due, non ha saputo approfittare di un vantaggio iniziale di tre a zero, subendo poi un parziale di...

23 Giugno 2016

L'abbigliamento sportivo hijab in crowdfunding su Kickstarter

scritto da

Sul capo l'hijab, al collo le medaglie. Ibtihaj Muhammad è una donna musulmana osservante e una delle migliori schermitrici del mondo. La sua uniforme copre la testa, le braccia e le gambe e questo, in parte, è stato il motivo per cui, quando aveva 13 anni, ha scelto la scherma. Questa estate Ibtihaj (il cui nome significa "gioia") rappresenterà gli Stati Uniti alle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Quando competerà per il suo paese, sarà la prima americana a farlo mentre indossa l'hijab, il velo islamico, sotto la maschera. Un momento di grande orgoglio per tutti gli americani di fede musulmana. Per aiutare tutte le Ibtihaj del mondo...

20 Giugno 2016

Di Francisca campionessa d’Italia. Trillini: “Pronostici per Rio? Non ne faccio”

scritto da

Un grande spettacolo. Accade quando a sfidarsi in pedana sono due stelle di assoluta grandezza, due campionesse che vantano medaglie olimpiche, mondiali ed europee. Un palmares invidiabile, non solo a livello italiano ma mondiale. È quanto è accaduto a Roma, in occasione dei Campionati italiani di scherma: nella semifinale del fioretto femminile si sono sfidate Elisa Di Francisca e Arianna Errigo, le due azzurre che rappresenteranno l’Italia alle Olimpiadi di Rio. Ad avere la meglio è stata la jesina dopo un assalto al cardiopalma: è stata lei la prima a mettere a segno un allungo importante portandosi sul 14-11. La Errigo, però,...

27 Aprile 2016

Pellegrini-Caironi: l’Italia a Rio con due alfiere donna

scritto da

Prima ancora di iniziare, è già doppietta rosa. Ai Giochi olimpici di Rio 2016 l’Italia si presenterà con due portabandiere donna. Dopo Martina Caironi, che sarà l’alfiere dei Giochi Paralimpici in programma dal 7 al 18 settembre prossimi, è stata ufficializzato il nome, che circolava già da tempo, di Federica Pellegrini in qualità di portabandiera alla XXXI edizione delle Olimpiadi estive che si svolgeranno dal 5 al 21 agosto. È la prima volta che l’Italia sceglie due donne contemporaneamente. In particolare, Federica Pellegrini è la quinta alfiere donna nella storia azzurra dei Giochi Estivi, la prima nuotatrice,...

04 Aprile 2016

Successo di squadra, a lezione di team building da Ilaria Salvatori (scherma)

scritto da

La scherma italiana vince, tra gli uomini cosi come (e di più) tra le donne, nell’individuale come a squadre, con le nazionali maggiori e con quelle dei Cadetti e dei Giovani, come confermato dalle medaglie vinte ai mondiali in corso a Brouges. La scherma è una disciplina individuale che, quando si trasforma in squadra, va a intaccare strategie e meccanismi particolari, soprattutto tra le donne. La specialità più vincente al femminile è quella del fioretto che vanta una tradizione di stelle del calibro di Giovanna Trillini, Diana Bianchedi, Margherita Granbassi, Valentina Vezzali, Elisa Di Francisca, Arianna Errigo e Ilaria...