12 Marzo 2018

Non chiamatelo reddito di cittadinanza: breviario minimo della proposta M5S

scritto da

    Il cavallo di battaglia del Movimento Cinque Stelle, che dopo il voto del 4 marzo si è rivelato il primo partito italiano e il primo gruppo parlamentare (con 227 deputati e 112 senatori), poggia su un equivoco lessicale e semantico: lo hanno chiamato “reddito di cittadinanza” nella proposta di legge n. 1148/2013 a prima firma Nunzia Catalfo (senatrice M5S appena rieletta), ma non lo è. Non è una forma universale di sostegno al reddito, legata al solo requisito della cittadinanza, come erogata ad esempio in Alaska (1.100 dollari nel 2017). È invece, come tiene a precisare in ogni occasione Pasquale Tridico, ministro...

18 Aprile 2016

L'abisso tra bambini poveri e bambini ricchi: in Europa solo un Paese fa peggio dell'Italia

scritto da

Sediamo al G7. Siamo tra le prime sette potenze economiche mondiali, e poi cadiamo proprio sui temi dell'infanzia. Va bene essere distanti dalla Danimarca o dalla Finlandia, il welfare scandinavo si sa non ha rivali. Ma fare anche peggio della Romania o della Grecia, questo sì che fa riflettere. Eppure il dato è chiaro: sulla disuguaglianza infantile in Europa siamo penultimi, a salvarci dalla maglia nera è solo la Bulgaria. E la Turchia ci tallona da vicini. Ma cosa si intende esattamente per disuguaglianza infantile? Si intende la capacità di includere tutti i bambini nella fascia del benessere, ci spiega l'Unicef: fino a che...