05 Dicembre 2017

Xennials, inventarsi un lavoro che ci renda felici

scritto da

      Un tempo la questione era molto semplice: una persona poteva lavorare oppure no. Al massimo ci si poteva spingere a categorizzare se la tal persona aveva un buon lavoro oppure no, laddove il “buon lavoro” rispondeva a criteri prevalentemente di prestigio sociale o di sicurezza contrattuale, come il lavoro pubblico. Oggi, nel 2017, la situazione è tremendamente complicata, parcellizata, sfaccettata. In principio è stato il lavoro precario, poi il lavoro a chiamata, poi la partita iva ma con orari da ufficio, poi molti si sono resi conto che tanto valeva mettersi in proprio, qualcuno ha scoperto di poter arrotondare...

01 Maggio 2017

5 lezioni che ho imparato sul lavoro autonomo

scritto da

Pensavo che la stagione dei "mi piaci ma non voglio impegnarmi" sarebbe finita con i 25 anni. Invece mi sbagliavo. Se prima erano uomini e innamorati (o presunti tali) a pronunciarla, in un secondo momento sono diventate le aziende. Tutti sembravano dire: "mi piacciono i tuoi lavori ma non voglio impegnarmi con te a lungo termine con un'assunzione". Così nel 2016 sono diventata una freelance a tempo pieno. Nei mesi sul lavoro autonomo ho imparato almeno cinque cose e in questo 1 maggio, Festa del lavoro (in tutte le sue forme), le ho messe nero su bianco. La lista però è in continua evoluzione. Perché se il mondo del lavoro è una...