22 Febbraio 2017

Non è che per stanchezza con i figli ripetiamo i cliché dei nostri genitori?

scritto da

Io sono dalla parte dei figli. Sono uno di quelli che ancora stenta a fidarsi di chi ha più di trent'anni. Che sente il peso dello slogan "i genitori sono i nostri primi oppressori". Altri mondi, altri tempi, parabole non sempre edificanti, ma il punto c'è. Cosa è la famiglia, quale il ruolo dei genitori? Quando ero un figlio - non che non lo sia adesso, chi la sente mia madre poi! - ho imparato a detestare alcune espressioni come "è questo il modo di rivolgersi a tuo padre", "con tutti i sacrifici che ho fatto per te", "quando sarai genitore anche tu, lo capirai". Eppure sono diventato genitore e non l'ho capito. Quello che...

16 Febbraio 2017

La genitorialità condivisa conviene a tutti. Perché non facciamo il primo passo?

scritto da

Succede ogni volta che viaggio: c’è sempre qualcuno che si sente in dovere di chiedermi ‘dove hai lasciato tua figlia?’. Di solito quel qualcuno è un uomo e spesso ha figli anche lui, ma nessuno gli ha posto la stessa domanda. Quando lo faccio io, ridacchia. La norma, in fondo, è questa: la donna sta a casa con i figli, il marito è in giro a lavorare. La donna abbandona o rallenta la carriera, l’uomo - di contro - la potenzia per mantenere la famiglia. Quando è anche la donna a farlo, deve dare delle spiegazioni. Deve giustificarsi. Deve viverlo male, indossando i sensi di colpa che la società ha cucito per lei. Deve...

08 Febbraio 2017

Papà protagonisti dell'immaginario delle figlie, per investire sul loro futuro

scritto da

Sono nato nel 1973 ma ho ricordi che paiono molto più anziani di me. Le fotografie in bianco e nero, la nascita del terzo canale Rai, la rivoluzione domestica dei mangiadischi e poi le prime forme di registrazione e riproduzione domestica, nastri per il video e l'audio. In tutto questo tempo abbiamo osservato cambiare il mondo attraverso i consumi e le marche, che sono state il metronomo dei nostri anni e forse anche la grande novità che ha chiuso la seconda parte del novecento e ha dilagato in questo inizio di nuovo millennio. La pubblicità è stata spesso un agente di cambiamento che ha saputo riempire lo spazio pubblico...

06 Febbraio 2017

#SuperBowl: Audi gioca la carta "equal pay", ma la rete non ci sta

scritto da

114 milioni di spettatori, in media, per la partita più importante dell'anno negli States. Proprio per questo il Super Bowl è molto di più di un evento sportivo. Diventa, soprattutto per le aziende che riescono a conquistare uno spazio pubblicitario, una vetrina di dimensioni inimmaginabili. Una vetrina che costa 5 milioni di dollari ogni 30 secondi. Nell'edizione di quest'anno Audi ha investito per dar spazio a uno spot affatto scontato. Dopo la pubblicità di dicembre, realizzata in Spagna, che vedeva una bambola scegliere un'Audi al posto della classica carrozza tutta rosa, la casa automobilistica torna a scegliere la parità di...

20 Gennaio 2017

Amore oppure logica? La scuola dei papà

scritto da

Negoziare con un bambino piccolo può essere difficile come negoziare con un terrorista. Ma un papà americano ha appena pubblicato un post in cui annuncia trionfante: “Ho imparato, finalmente ho imparato!”. E spiega di aver capito che la merce a sua disposizione per le negoziazioni impossibili con i figli piccoli è… l’attenzione. “Se stanno facendo quello che vuoi, dagli tutta la tua attenzione. Se invece fanno qualcosa che non vuoi, oppure addirittura parte il mega capriccio… ignorali completamente”. E dove ha imparato questa lezione di saggezza il moderno papà? In una scuola dal nome che è una promessa. Si chiama...

18 Gennaio 2017

Padri non baby sitter, Don di Portland insegna

scritto da

Portland, Oregon. Don è il duro che ti aspetti in questo pezzo di America. Irregolare e a cavallo di una Harley. Don ha quattro figli e della sua diversità ha fatto bandiera. Prima padre a casa - diciamolo come suona in inglese dad-at-home, che migliora sempre la digestione dei contenuti scomodi - e poi uomo realizzato nel suo laboratorio e negozio, il Seahorses. Don nella sua Portland ha compiuto una piccola rivoluzione, aggregando tanti uomini che per scelta o per destino nella loro vita hanno fatto della paternità una priorità. E il Seahorses, oltre a essere un fornitissimo negozio per bambini, è diventato un centro di...

04 Gennaio 2017

A cosa serve il registro della bigenitorialità

scritto da

Per quanto mi costi, talvolta affrontare il tema della separazione di coppie con figli è indispensabile, soprattutto in momenti contraddittori. Non più tardi di qualche mese fa scrivevo amaramente di una sentenza dalla Cassazione che riaffermava il principio della maternal prevalence. Qualche settimana fa il Tribunale di Catania ha rigettato l'indirizzo, come legittimamente è autorizzato a fare. Allora non ho sentito il bisogno di scriverne, di rallegrarmene, perché l'incertezza dei diritti è sempre un male. A peggiorare la situazione è comparso all'orizzonte anche il tema del registro della bigenitorialità. Aldilà dei

30 Dicembre 2016

E anche quest'anno è finito: cosa rimane in sospeso per le adozioni

scritto da

Il 2016 volge al termine e, come ogni conclusione, richiede una serie di doverose riflessioni. Per quanto riguarda le adozioni internazionali, in barba a tutte le difficoltà, il nostro rimane fortunatamente un Paese accogliente: siamo secondi solo agli Stati Uniti nel mondo come numero di bambini adottati. Ma a fronte dell’impegno e della fatica quotidiana delle coppie e delle famiglie, troppe le questioni ancora aperte in conclusione d’anno e che aspettano una soluzione politica urgente. La situazione della Commissione per le Adozioni Internazionali La nomina della ministra Boschi a presidente della Commissione per le Adozioni...

28 Dicembre 2016

Aziende, istituzioni, mercato e famiglia alle prese con i nuovi papà

scritto da

Il 2016 è stato un anno campale e ognuno troverà buone ragioni per trovarsi d'accordo con questo incipit. Di tutti i cambiamenti accaduti e di tutti quelli che sono ancora in corso, la ridefinizione dei confini della paternità è un'oasi di sicurezza, almeno per cinque motivi. Meno uno.

Gli uomini si stanno esprimendo in modi differenti, spesso tragicamente dissonanti, ma tante nuove strade sono state aperte e, fra queste, la ricerca di una paternità più compiuta e partecipe è un fenomeno evidente e sempre più diffuso. Le donne hanno compreso che agevolare la paternità è parte integrante del percorso di emancipazione...

26 Dicembre 2016

Scoiattolo Tommy e le confessioni di un narratore seriale

scritto da

“Ma non dovevi stare lì cinque minuti?”. Siamo alle solite: mia moglie mi sgrida ancora. Questa volta perché mi sono intrattenuto troppo in camera del piccolo. D’altronde ha dieci anni e può leggere da solo. Ed è quanto voglio che faccia, spingendolo a prendere in mano libri, fumetti e tutto ciò che sia non elettronico e lo diverta. Eppure è evidente quanto gli piace se sono io a raccontargli storie. Storie di ogni tipo: racconti che rielaborano le fiabe di Andersen così come i racconti di Jules Verne, le vite dei grandi condottieri romani, come dei protagonisti dell’éra delle Signorie italiane, la fantascienza, le...