08 Marzo 2017

#8marzo - L’Italia fra il primato dell’Islanda e la maglia nera dell’Egitto

scritto da

La legge Golfo-Mosca sulle quote rosa ha regalato all’Italia un primato: insieme a Francia, Svezia e Finlandia, siamo il Paese europeo con la percentuale più alta di donne (il 30%) sedute nei Cda. Peccato che ci fermiamo qui. Al di fuori dei consigli d’amministrazione, ricorda Eurostat, in Italia le manager sono solo il 22% del totale. Siamo lontani dal primato della Lettonia, l’unico Paese della Ue dove la quota delle donne - con il 53% - supera quella degli uomini fra il management. Le dirigenti meglio pagate d’Europa, invece, sono quelle rumene: la differenza di stipendio rispetto ai colleghi maschi, per loro, è solo del...

08 Marzo 2017

Nell'azienda della logistica la parità di genere è raggiunta: prossimo obiettivo, felicità sul lavoro

scritto da

Alla Transmec - gruppo Internazionale di Trasporti e Logistica, Spa con sede legale a Campogalliano Modena di proprietà della famiglia Montecchi, 300 milioni di euro il bilancio consolidato - donne manager rappresentano ora le funzioni di: cfo, direzione operation e controller, direzione risorse umane, direzione marketing/commerciale. Gli uomini manager invece si ritrovano in: direzione amministrativa, direzione di filiali operative, direzione Traffico Europa. “Nella capogruppo Trasporti Internazionali Transmec abbiamo raggiunto la completa parità di genere fra tutti i dipendenti impegnati nelle diverse attività – annuncia...

08 Marzo 2017

#8marzo - Manca una strategia per il Paese, non per le donne

scritto da

«E infine volevo dire ai miei compagni maschi che se ci impegniamo, possiamo anche noi avere voti alti e battere le femmine». Terminava così il compito in classe di un bambino di quinta elementare, che doveva commentare gli articoli apparsi sui giornali per l’8 marzo. Di tutti i dati sciorinati per l’occasione, quello che lo aveva più colpito è che le ragazze ottengono risultati migliori a scuola rispetto ai ragazzi. In una frase il bambino ha dimostrato sicurezza nelle proprie capacità e in quelle dei compagni, voglia di reagire e senso di appartenenza al suo genere. Tre caratteristiche che fanno la differenza se messe in campo...

06 Marzo 2017

I primi della classe meritano davvero di essere i manager del futuro?

scritto da

Pigrizia o produttività. Arrendevolezza o determinazione. Fallimento o successo. Dai banchi di scuola ai consigli d’amministrazione siamo stati abituati a categorizzare la realtà che ci circonda – e noi stessi – in due campi. L’appartenenza si gioca su un test. Se a scuola non impariamo a risolvere le equazioni nelle due settimane previste dal programma, vuol dire che non abbiamo provato abbastanza o che non siamo portati per la materia. Questa selezione è alla base delle nostre gerarchie: i “primi della classe”, quelli “di successo”, diventano le teste di istituzioni e organizzazioni. Il processo sembra essere non...

27 Febbraio 2017

“Preferisco un capo uomo”: scelta genuina o stereotipata?

scritto da

Ho appena letto un post di Cristina Bombelli che riporta la sintesi dei risultati di una ricerca con un titolo intrigante: Preferisco (ancora?) un capo uomo. I dati mostrano che nelle risposte alla domanda: “preferisci un capo uomo o una donna?” gli uomini sono preferiti alle donne nel 65% dei casi. In Italia, la preferenza per un capo di genere maschile si attesta al 64%, ma in alcuni paesi raggiunge anche l’80%. Se questo esito fosse l’espressione di una preferenza genuina, non ci sarebbe alcun problema dal punto di vista economico. Ma se fosse invece, anche soltanto in parte, un portato dello stereotipo “think manager –...

16 Febbraio 2017

Marina Salamon: solo le aziende in cui “la gente sta bene“ potranno vivere a lungo

scritto da

Non amo teorizzare,  per cui proverò a raccontare la mia “ idea d’ impresa “ attraverso alcune storie concrete. Ieri,  mentre lavoravo in una nostra azienda, ho incontrato in un corridoio una studentessa di 18 anni, stagista per pochi giorni da noi, che sperimentava i nuovi programmi ministeriali di “alternanza scuola-lavoro",  che richiedono agli studenti degli ultimi anni di liceo un’ esperienza aziendale di 40 ore. Ho avuto il desiderio di parlarle, di capire il suo sogno futuro, e come percepiva il suo rapporto con il lavoro. Era intelligente, tenera e un po’ spaventata rispetto alle sue prossime scelte universitarie:...

06 Dicembre 2016

Da Ibm a Trenitalia, da Ge a Ubi Banca: la carriera delle donne si costruisce iniziando dalla scuola

scritto da

Le manager e le professioniste di domani? Si formano oggi a scuola, a partire dalle elementari. Ne sono certi i numeri uno di diversi gruppi internazionali e italiani; tecnologici, bancari e industriali. L'occasione del confronto sul tema è stato l'incontro "Competere e crescere con tutti i talenti" organizzato dall'associazione 30% Club Italia, presieduta da Donato Iacovone (amministratore delegato di EY in Italia). "Abbiamo nominato la prima donna vice presidente nel 1943 e la prima donna nel board degli anni '50. La nostra è una storia che parte da lontano. Abbiamo programmi interni di valorizzazione dei talenti femminili, rivolti...

02 Dicembre 2016

"Diversity è vedere le cose con altri occhi, e quindi innovare"

scritto da

Da cinquant’anni sul territorio, con la capacità di innovare. E’ così che a dirigere uno dei cinque stabilimenti Unilever sul territorio italiano è arrivata una donna, Luisa Franzone, ingegnere e direttore di Casalpusterlengo. Come ci si sente ad essere la prima donna a dirigere uno stabilimento, storico e radicato sul territorio?   La direzione di stabilimento è il lavoro più divertente che abbia mai fatto, perché hai la sensazione di fare davvero la differenza, da un lato sulla vita delle persone, dall’altro sull’efficienza della fabbrica. Di certo negli ultimi tre anni, in tandem con la responsabile del...

02 Dicembre 2016

E se i padri "praticanti" fossero dei manager più efficaci?

scritto da

La maggior parte degli articoli a supporto di una paternità “praticata” ne pubblicizzano gli effetti benefici sui bambini. Dalla recente ricerca di Oxford agli studi OCSE, è ormai chiaro e dimostrato che, se il padre è presente e affettuoso, il figlio cresce più sereno. Sembrano esserci invece pochi studi che osservano gli effetti della pratica della paternità sui padri stessi. Per esempio, in pochi sanno che le attività di cura dei bambini abbassano i livelli di testosterone nei padri e che giocare con i figli produce ossitocina, l’ormone con cui il cervello umano premia i nostri comportamenti. Ma la scoperta più...

08 Novembre 2016

Finalista Premio #GammaDonna/6: JUSTKNOCK

scritto da

“Trova lavoro inviando idee al posto del cv”, recita lo slogan che campeggia sull’homepage di JustKnock, piattaforma che cerca di distinguersi nel settore della ricerca occupazionale. «La piattaforma nasce da una forte esigenza che ho personalmente individuato: tanti esami universitari, tanti progetti realizzati in classe per le aziende e nessun modo per comunicarglieli in modo tutelato», racconta l’ideatrice Marianna Poletti. Il tutto, sommato alla difficoltà di trovare lavoro ed emergere tra i mille curricula che si depositano sulle scrivanie dei manager, ha fatto pensare a Marianna: «Possibile che oggi si venga ancora...