09 Marzo 2018

Vogliamo essere tutti uguali. Sì, ma uguali a chi?

scritto da

    L’Università di Georgetown ha appena rilasciato un rapporto che si intitola: “Le donne non possono vincere”. Ma vincere cosa? La gara contro gli uomini, contro sé stesse oppure contro il sistema? Il rapporto parla del persistere del divario salariale, che negli Stati Uniti resta del 9% anche in condizioni di perfetta parità educativa e di profilo professionale. E aggiunge che le donne: 1. tendono a scegliere lavori remunerati meno; 2. hanno un maggiore carico familiare da gestire; 3. devono dimostrare di avere maggiori qualifiche per ottenere lo stesso livello reddituale degli uomini. Insomma, gli anni passano e...

22 Febbraio 2018

Diversity: tante parole e pochi fatti. Solo il 14% delle aziende la incentiva davvero

scritto da

    Solo il 40% delle aziende ritiene che la diversity sia importante per il successo del proprio business. E, tra queste, solo un ancor più basso 14% sta prendendo provvedimenti concreti per migliorare la diversità ai livelli apicali. Sono i principali risultati del report realizzato da Grant Thornton dal titolo “Diversity snapshot: ethnicity, age and gender”, uno studio che punta a mettere a fuoco il grado di diversity di circa 2.500 aziende (tra cui 50 italiane) distribuite in 35 Paesi nel mondo secondo tre criteri: la diversity riferita all’età, quella relativa alla composizione etnica dei team e quella legata al...

29 Gennaio 2018

Roberta: "Sono una risorsa dimenticata in un angolo dalla mia azienda"

scritto da

    Cara Alley Oop, credo che sia tu il posto giusto per poter raccontare di me, della mia situazione, della situazione di tante persone. Mi permetto quindi di scriverti qui. Qualche anno fa il termine MOBBING era di moda, era un trend topic; spesso usato e abusato dimenticando il suo reale significato più vicino a concetti come vessazione, umiliazione, o addirittura aggressione fisica o verbale. Nel Bel Paese invece si usava parlare di MOBBING soprattutto nei casi di demansionamento lavorativo o di volontario allontanamento di una risorsa dal suo contesto professionale. Adesso si legge e si parla molto di...

07 Dicembre 2017

Lo stile manageriale più efficace (qui e ora)

scritto da

      I temi caldi che le aziende devono affrontare sul fronte organizzativo -  tenendo ben chiaro che hanno un effetto diretto sulla produttività – sono tutti legati alla necessità vitale di ingaggiare le persone e far sì che diano il loro miglior contributo. Ciò significa rispettarle, ascoltarle, cercare di rispondere alle loro esigenze di vita, mettendole nelle condizioni per appassionarsi al lavoro. Il resto tocca a loro. Ma questo è “solo” il punto di partenza, il terreno fertile su cui impostare un modello di lavoro fluido e funzionale al business, sotto la pressione della trasformazione digitale. E...

27 Aprile 2017

Le quattro intelligenze relazionali: un must per le imprese

scritto da

Che di intelligenze ce ne sia più di una lo sanno ormai anche i sassi, sebbene al momento ben poco sia cambiato nei sistemi educativi, nei servizi di orientamento - se davvero si possano definire tali - e nelle policy di recruiting delle aziende. Stessa cosa vale per l’intelligenza emotiva, più legata alle relazioni, che sebbene sia stata scoperta più di vent’anni fa, non risulta sia entrata a far parte della preparazione curricolare di insegnanti, manager e imprenditori. La pubblicazione nel 2010 di uno dei primi libri sul tema per le aziende in Italia, Intelligenza emotiva. Come trasformare le organizzazioni partendo dalle...

30 Marzo 2017

Le aziende misurate in base allo stadio evolutivo dei leader. Di che colore è la vostra?

scritto da

Lo sapete che nei circa 100mila anni di storia dell’umanità siamo passati attraverso una serie di stadi evolutivi e in ciascuno stadio le nostre abilità cognitive, morali e psicologiche hanno generato una nuova visione del mondo, nuovi modi di collaborare e di organizzare le attività adeguati a quell’epoca? Bene, gli studiosi di diverse discipline, dagli antropologi, ai filosofi e agli psicologi, ci dicono che il prossimo stadio della coscienza umana sarà caratterizzata dall’”addomesticamento” del nostro ego, che ci permetterà - si spera - di cambiare prospettiva. Siamo infatti entrati nell’era geologica definita,...

17 Marzo 2017

Visione, leadership e strategia. Le carte messe in capo dalle manager premiate da Aldai

scritto da

La presenza di oltre il 50% di uomini tra il pubblico della cerimonia del Premio “Merito e Talento 2017” - l’iniziativa lanciata cinque anni da Paola Poli, coordinatrice del Gruppo Minerva di Aldai-Federmanager - che si è svolta ieri sera (15 marzo) a Palazzo Marino, è un buon segno. Non è stato così nelle edizioni precedenti, frequentate soprattutto da donne interessate ad ascoltare e condividere un riconoscimento importante, l’unico dedicato esclusivamente alle manager del settore industria in Lombardia, che si sono distinte nella loro carriera. E’ bene ricordare che quando si parla di Aldai ci stiamo riferendo alla...

19 Settembre 2016

La leadership partecipativa sta davvero scalzando la leadership direttiva?

scritto da

Conversare con Luisa Pogliana, autrice di tre libri “irriverenti” sul management, è un toccasana, una ventata di freschezza che farebbe bene a tutti i manager. Il suo ultimo lavoro, dal titolo Esplorare i confini. Pratiche di donne che cambiano le aziende (in uscita il prossimo 20 settembre per Guerini Next), è un libro potente. E non è un libro femminista: è un lavoro che spiega in maniera molto chiara il valore innovativo per le aziende del pensiero differente delle donne in ruoli decisionali, che nasce dal loro rapporto con il potere. Differente, appunto, da quello maschile. E lo fa senza appellarsi a teorie o modelli...