14 Settembre 2017

La didattica attiva e l’apprendimento cooperativo: insieme si impara meglio!

scritto da

Innovare, cercare nuove strade, riflettere sulla didattica e le pratiche d’insegnamento appaiono come compiti affascinanti, eppure difficoltosi. Il ritardo storico, accumulato nella preparazione universitaria degli insegnanti, ha fatto sì d’avere docenti eruditi nei diversi ambiti disciplinari, con un fardello, però, di difficoltà quando si tratta di approcci innovativi. E’ importante creare condizioni facilitanti e orientate a formare, docente per docente, le conoscenze necessarie per trasferire in classe nuove attività d’insegnamento approfondite. Un esempio di innovazione in ambito scolastico è la Didattica Attiva e...

11 Settembre 2017

La buona scuola esiste, la disegnano gli insegnanti ogni giorno

scritto da

  Esiste una scuola che non può essere descritta in un decreto. Una scuola che non può essere semplicemente raccontata e che, invece, è fatta di una trama spessa e forte, una trama infrangibile e ostinata. E' fatta di tante mani: mani che stringono, sorreggono, guidano e aiutano. E' fatta di braccia che sostengono pesi e allontanano le ostilità. E' fatta di sguardi complici e familiari. Di sorrisi che incoraggiano, che dicono il non detto, che esprimono speranza. Di menti pronte ad aprirsi, di capire le differenze e di renderle risorse preziose. Menti capaci di abbattere i muri, quelli del silenzio, dei pregiudizi e delle...

24 Febbraio 2016

Un secondo "Petaloso"

scritto da

Uffi, io questa cosa qui degli aggettivi l’ho capita! Proprio capita, capita bene! Si appiccicano a una cosa, a un nome, e ci aiutano a capire meglio com’è questa cosa. Più facile di così! Allora perché la maestra vuole che ne diciamo degli altri, di aggettivi? Per fortuna non sono il primo, tocca all’Elena adesso. «Cosa diresti di un cane?» chiede la maestra. «Il cane è buono» dice l’Elena. Eh, così son capaci tutti! Buono, cattivo, bello, brutto.... Uffi, uffi, uffi. Poi tocca a Ricky. Vedrai che ne spara una delle sua. «E tu, Riccardo, cosa diresti del cane?» Riccardo sghignazza prima di rispondere....