15 Dicembre 2017

L'innovazione sociale è solo una questione privata?

scritto da

      Confesso che ho verso la politica un atteggiamento simile a quello che si ha di solito verso la religione: non ci credo, ma ci spero. Se ci credessi, penserei che è lì che bisogna andare per avere un vero impatto sociale. Siccome invece ci spero solo, sono sempre disponibile a seminare molliche di realtà nelle loro conferenze, e magari un giorno una di queste fiorirà. Per questo ho accettato di partecipare ieri nella Sala Stampa di Montecitorio,alla conferenza “Innovazione Sociale e finanza d’impatto: i motori del nuovo millennio” per la presentazione del volume Visions and Trends of Social Innovation...

12 Ottobre 2017

Generali Italia: il welfare per le donne? Più smartworking e meno part-time

scritto da

Capita spesso che le imprese anticipino le leggi. È successo con le licenze matrimoniali per le coppie gay e continua (fortunatamente) ad accadere quando si parla di gender gap. Se pur lentamente stanno infatti aumentando le aziende che introducono norme e piani di welfare per aumentare la presenza femminile all'interno delle organizzazioni e favorirne la crescita professionale. Una di queste è Generali Italia. Il gruppo assicurativo già da alcuni anni si è assunto l'impegno di far aumentare i numeri, ancora troppo bassi, delle dipendenti donne che occupano posizioni di vertice. Se infatti nella branch italiana del gruppo...

30 Giugno 2017

Le mamme non sono meglio, ma non sono neanche peggio

scritto da

  “Si va bé, tralasciando tutte le assenze dal lavoro perché il bambino ha febbre/mal di pancia/male a un'unghia/c'è sciopero a scuola ecc ecc, tralasciando tutte le richieste di orari agevolati perché il bambino esce da scuola/dall'asilo/devo portarlo a calcio/nuoto/danza ecc ecc, con la gioia dei colleghi che devono lavorare il doppio..”.   E' uno dei commenti che trovate sotto a un video che racconta la storia di MAAM - maternity as a master (il programma che ho fondato e punta a trasformare la maternità in un'occasione di sviluppo di competenze lavorative). Video che ha scatenato la diatriba tra mamme e non mamme....

15 Marzo 2017

In Italia ci vuole coraggio ad essere padri

scritto da

Sembra che, proprio come alle donne viene “richiesto” di annegare nella maternità gli altri aspetti della propria identità, agli uomini venga invece impedito di esprimere appieno il proprio essere padri. Ma ci sono, i papà, e hanno un tumulto di pensieri e di richieste, spesso frustrate, segno di un’identità che sta crescendo più velocemente di quanto la società sia pronta a comprendere. Pochi, pochissimi (meno di 2 su 10) quelli che prendono il congedo di paternità perché probabilmente è più facile semplicemente prendere “ferie” quando nasce tuo figlio. Ma che messaggio ti sta dando il mondo? Essere padri è...

23 Febbraio 2017

Chi non vorrebbe essere un changemaker?

scritto da

La tentazione è forte. Chi non vorrebbe cambiare il mondo, diventando un imprenditore sociale con l’ambizione di trovare soluzioni a problemi da cui governi e istituzioni si sono ritirati? Ad esempio, pensando all’Italia, chi non sarebbe orgoglioso di sconfiggere la ‘ndrangheta con l’economia della legalità o di portare nelle scuole quell’educazione digitale che lo Stato fatica tanto ad attivare? Sembrano missioni impossibili, eppure non è così. Stando alla definizione della Norrsken Foundation, uno dei social impact hub più prestigiosi in Europa, un changemaker è un imprenditore – o chiunque si faccia...

31 Dicembre 2016

Imparare a cambiare prospettiva, il goal del 2016

scritto da

La lezione del 2016? Imparare a cambiare la prospettiva da cui si guarda al mondo. E non è poco. Mi è capitato diverse volte leggendo post di miei compagni di viaggio, qui su Alley Oop. Penso agli interventi di Riccarda Zezza, che insieme al suo team con Maam, Maternity as a Master, ha dato la risposta più efficace alle aziende: ha trasformato la maternità in una leva per la produttività con un documentato lavoro di ricerca scientifica, utilizzando il linguaggio dell’economia, lasciando da parte ideologia e pietismo. Penso ai post di Federico Vercellino, un papà che, mentre impara a fare la treccia a sua figlia, racconta...

28 Novembre 2016

Il 40% dei papà dice di sentirsi invisibile, diamogli voce

scritto da

La paternità è una rivoluzione . Questo è quello che è emerso dalla prima ricerca condotta da Piano C in collaborazione con maam – maternity as a master su un campione di 50 papà attraverso interviste e focus group. Una rivoluzione-evoluzione, che cambia la persona, il suo posizionamento, la sua visione del mondo, le priorità: un'esperienza dirompente, che regala maggiore fiducia e autostima, cambia il proprio rapporto con le emozioni e la scala delle priorità, e che migliora le competenze: il 40% degli uomini intervistati associa alla paternità un “affinamento” di competenze e capacità, innanzitutto quelle relazionali e...