07 Settembre 2017

Menopausa: se il governo Uk chiede alle aziende di essere più "accoglienti"

scritto da

  Sono una grande fetta dell’attuale forza lavoro e, a causa delle norme che hanno aumentato l’età pensionabile in quasi tutti i Paesi Ue, diventeranno sempre di più. In Inghilterra, per esempio, le lavoratrici con più di 50 anni sono circa 4,3 milioni, in aumento del 72% rispetto al 1994. Si tratta di numeri importanti che il governo inglese ha deciso di non ignorare, soprattutto per quanto riguarda un aspetto delicato della vita di queste lavoratrici: la menopausa. Per questo motivo, durante lo scorso mese di giugno, ha pubblicato una serie di linee guida per datori di lavoro e aziende per aiutarle a trattare nel modo...

21 Luglio 2017

Quanto sessismo in pubblicità: ecco dove scovarlo (e come eliminarlo)

scritto da

    Prepariamoci a goderci la TV e i giornali senza pubblicità. Se infatti, in un impeto di buona volontà e reale intenzione di risolvere la disparità di genere che ci affligge, l'Italia decidesse di imitare il Regno Unito, potremmo adottare regole simili a quelle introdotte in questi giorni dalla ASA, l’ente che vigila sugli standard pubblicitari britannici, e resteremmo praticamente senza annunci pubblicitari. Dopo aver già vietato le pubblicità con riferimenti sessuali oppure che mostrassero donne “pericolosamente magre”, la ASA ha infatti appena rilasciato delle nuove regole, tese a impedire che la pubblicità...

12 Luglio 2017

Quando la start-up è donna: dalla Spagna all'Indonesia, tutti i record al femminile

scritto da

Non è una questione di creatività. E il duende non c'entra nulla. E' semplicemente un fatto di statistica: in Europa, la Spagna è il Paese che più di tutti ha ridotto il gender gap tra gli startupper. Detto coi numeri, ogni 100 uomini che si lanciano in una nuova impresa a Madrid, ci sono 81 donne che fanno altrettanto. E' scritto nell'edizione 2017 del Global Entrepreneurship Monitor, il rapporto sull'imprenditorialità nel mondo curato da un manipolo di atenei europei e americani. Per gli autori dello studio, il concetto di start-up è in senso lato: non solo i new business innovativi e tecnologici, ma qualsiasi attività...

10 Luglio 2017

Grenfell Tower e i sensi di colpa (giustificati) di un Paese: il nostro

scritto da

Gloria Trevisan e Marco Gottardi sono nomi ormai tristemente noti, come pure le loro storie. Bloccati senza via di scampo nel palazzone infuocato di Grenfell, in centro a Londra, sono morti consapevoli di stare per morire. Le loro ultime commoventi parole di disperazione e affetto sono state riprese da tutti i giornali italiani. Quello che però mi è rimasto più impresso è stato il tono accusatorio dei media nazionali verso il Paese Italia. Il loro ragionamento è: Gloria e Marco sono dovuti andare a Londra per mancanza di opportunità in Italia, quindi l’Italia dovrebbe sentirsi responsabile – se non quasi colpevole secondo i...

21 Giugno 2017

Chimico, meccanico o aeronautico: scopri se sei fra gli ingegneri più pagati

scritto da

Qualcuno per caso sta pensando proprio in questi giorni a quale ramo di ingegneria iscriversi all'università a settembre? Se non ne fate una questione di passione, bensì di portafoglio, allora la risposta è semplice: specializzatevi nel settore oil & gas, gli ingegneri con lo stipendio più alto lavorano qui. Lo dice l'edizione 2017 dell'Engineer's Salary Survey condotto in Gran Bretagna: un esperto di piattaforme petrolifere e pipeline del gas guadagna 54.461 sterline all'anno, che al cambio di oggi con la sterlina debole fanno circa 62mila euro. Al secondo posto ci sono gli ingegneri del settore energetico, dalle rinnovabili...

22 Maggio 2017

Domande su Brexit? Qualche risposta da Massimiliano Mazzanti, Console Generale Italiano a Londra

scritto da

“Vengo a fare l’università in UK?” mi chiede mia sorella diciassettenne. “Accetto una proposta di lavoro a Londra?” mi domanda un mio amico belga. “Puoi prendere il passaporto inglese?” mi sollecita un collega britannico. Nel mio piccolo, questi dubbi post-Brexit sono probabilmente rappresentativi di quelli di tanti italiani che stanno considerando di venire a studiare/lavorare in UK, e quelli che sono qui e che temono di essere mandati via. E così ho pensato, in cerca di qualche risposta, di andare direttamente dall’autorità in materia: il Console Generale d’Italia in Inghilterra e Galles, Massimiliano...

21 Marzo 2017

Davvero "l'uomo bianco" rischia il posto nei cda in nome della diversity?

scritto da

Alla fine John Allan, numero uno di Tesco, la più importante catena di negozi britannica, ha dovuto fare marcia indietro. La settimana scorsa a margine di una conferenza, tra il serio e il faceto, il manager aveva lanciato una provocazione che ha ricevuto la risposta immediata delle donne. Allan si era spinto a dire che di fatto la questione delle “quote rosa” abbinata al tema della diversità in genere rischia di mettere in pericolo la “sopravvivenza” degli uomini bianchi nei consigli di amministrazione delle società. Al punto che per tenere la poltrona dovrebbero addirittura “lavorare il doppio”. Dichiarazione bizzarra,...

20 Marzo 2017

800mila posti di lavoro entro il 2020 nell'Ict. Chi è pronto a cogliere l'opportunità?

scritto da

Un pomeriggio di palestra scratch. Dai 3 ai 14 anni ad imparare a programmare usando i videogiochi. Tutto gratuito, grazie ai volontari di Coderdojo. Tre aule: junior (3-6 anni), livello base e livello avanzato (per gli altri). Totale oltre 30 partecipanti, con genitori al seguito. Solo due le bambine: una di 4 anni (mia figlia) e una di 7. Quando lo faccio notare uno degli organizzatori mi risponde che lui ci prova sempre a coinvolgere le bambine, soprattutto quelle più dotate in matematica, ma si sente sempre rispondere dalle mamme: "E' una cosa da maschi". A certe risposte si può obiettare solo con un numero: 756mila nuovi posti...

31 Gennaio 2017

Una scuola di matematica in ogni città. Il piano di Theresa May per il dopo Brexit. E in Italia?

scritto da

Una scuola specializzata in matematicain ogni città britannica. Questo il piano della prima miistra inglese, Theresa May, perché il Paese resti competitivo anche dopo Brexit. Non solo. Il govero inglese ha pronto un pacchetto di Investimenti da 170 milioni di sterline per gli "istituti di tecnologia". L'obiettivo è quello di aumentare la produttività del Paese. Perchè partire dalle proprie debolezze spesso può aiutare. E May ne è consapevole, tanto che qualche tempo fa ha sottolineato: "la nostra strategia industriale moderna è la parte critica dei nostri piani per una Gran Bretagna post-Brexit".  Per assicurare "prosperità"...

26 Gennaio 2017

E tu, quanto dai di paghetta a tua figlia?

scritto da

In Gran Bretagna, scrive una ricerca dell'agenzia Childwise, un ragazzino di sei anni riceve una paghetta media settimanale di 10,70 sterline. Poi il ragazzino cresce, le sue necessità aumentano, e tra gli 11 e i 16 anni arriva a guadagnare 17,80 sterline. Il suo salario familiare risulta cresciuto di circa il 60%. La domanda è: quanto pensiate prenda sua sorella? Ebbene, durante l'infanzia una bambina inglese mette in tasca 8 sterline e mezzo, il 20% in meno. E tra gli 11 e i 16 anni 12,50 sterline, vale a dire il 30% in meno. Il divario insomma si allarga. L'ingiustizia salariale di genere comincia prima della maggiore età. E...