17 Febbraio 2017

Il senso dell'Industria 4.0 per il futuro delle persone

scritto da

Parlare di industria 4.0 a una platea di imprenditori significa mettere in conto diverse reazioni. C’è chi la coglie come una opportunità. Chi ha compreso che oggi, per l’Italia, rappresenta una vera e propria necessità. Chi ha già intrapreso un percorso di automatizzazione e interconnessione della produzione industriale, che magari è coinciso con il passaggio generazionale. E poi sì, c’è anche chi in qualche modo resiste al cambiamento, ed è soprattutto a questi ultimi che è rivolta una capillare attività di comunicazione per aumentare il livello di consapevolezza delle trasformazioni con cui oggi è inevitabile...

31 Gennaio 2017

Una scuola di matematica in ogni città. Il piano di Theresa May per il dopo Brexit. E in Italia?

scritto da

Una scuola specializzata in matematicain ogni città britannica. Questo il piano della prima miistra inglese, Theresa May, perché il Paese resti competitivo anche dopo Brexit. Non solo. Il govero inglese ha pronto un pacchetto di Investimenti da 170 milioni di sterline per gli "istituti di tecnologia". L'obiettivo è quello di aumentare la produttività del Paese. Perchè partire dalle proprie debolezze spesso può aiutare. E May ne è consapevole, tanto che qualche tempo fa ha sottolineato: "la nostra strategia industriale moderna è la parte critica dei nostri piani per una Gran Bretagna post-Brexit".  Per assicurare "prosperità"...

19 Gennaio 2017

Nove mosse per entrare nel mondo del lavoro

scritto da

L'alternanza scuola lavoro non è più solo una novella della Buona Scuola. Qualcuno si sta già muovendo per "aprire gli occhi" ai giovani studenti e soprattutto far si che si tra le aziende e le scuole ci sia uno scambio virtuoso. Il lavoro che cambia spiegato a 5 mila studenti delle scuole superiori d’Italia. E’ questo lo scopo dell’iniziativa lanciata da Giuseppe Biazzo, Ad Orienta Spa (una delle principali Agenzie per il Lavoro italiane attiva fin dal 1998 e che opera a tutto campo nel settore delle risorse umane), un tour nelle scuole d’Italia per incontrare i giovani studenti in procinto di scegliere il loro futuro,...

29 Dicembre 2016

Avere 30 anni nel 2016: le tre cose che ho capito della mia generazione

scritto da

Nel corso di quest’anno che sta per terminare siamo stati chiamati con tanti nomi. Ci hanno definiti la generazione “a metà del guado”. Quella degli eterni giovani che hanno imparato a stare “a proprio agio nel disagio”. Ma anche quella dei “precari a vita”. Raramente si parla bene di noi. Spesso veniamo compatiti. Qualche volta giustificati. Quasi mai capiti. Oriana Fallaci in Se il sole muore scrisse che i trent’anni sono stupendi perché “è finita l’angoscia dell’attesa, non è incominciata la malinconia del declino, perché siamo lucidi, finalmente a trent’anni”. Ma cosa significa davvero avere 30 anni...

24 Dicembre 2016

Caro Babbo Natale, per quest’anno nessun regalo. Portami lontano

scritto da

Dimenticate l'auto nuova o l'ultimo modello di Louboutin. Quest’anno i più giovani sperano di trovare un'esperienza professionale all’estero bella impacchettata sotto l'albero. Sarebbe il desiderio di un giovane su tre, da quanto emerge da uno studio di Espresso Communication. L'indagine è stata svolta su un campione di circa 1200 persone di età compresa tra i 18 e i 29 anni monitorate attraverso social network, blog, forum specializzati e community. Da Nord a Sud la tendenza è omogenea: il 27% degli intervistati mette le esperienze formative all’estero nella top 10 dei desideri natalizi, scalzando anche i grandi classici,...

15 Dicembre 2016

Stiamo crescendo una generazione di "ignoranti digitali"?

scritto da

Non distinguono una notizia da una pubblicità online, non considerano minimamente l’attendibilità delle fonti delle notizie su Internet, sono facilmente ingannabili dai messaggi postati sui Social Network.

No, non parlo dei nostri anziani genitori o dei nostri nonni, che in fondo un po’ sarebbero giustificati dalla poca dimestichezza col mezzo. Mi riferisco, drammaticamente, ai “nativi digitali”, quelli nati col tablet in mano e che ora vanno all’università o alle scuole superiori. Gli autori di una ricerca della Stanford University, condotta su 7.804 studenti in 12 Stati tra il gennaio 2015 e giugno 2016, la più ampia mai...

10 Novembre 2016

Startup: donne e giovani a Scuola d'Impresa in Toscana

scritto da

Spuntano al Nord come al Centro e al Sud, quelli che hanno deciso di provare a mettere su un'impresa e a 'costruirsi' il lavoro che non hanno. E tra questi - com'è comprensibile - ci sono le categorie che da sempre incontrano le maggiori difficoltà sul mercato del lavoro, cioè donne e giovani. Un esempio? Basta guardare gli aspiranti imprenditori che da lunedì 2 novembre hanno avviato la 'Scuola d'impresa' promossa dalla Camera di commercio Maremma e Tirreno, che opera in una delle aree a maggior sofferenza economica della Toscana, quella appunto di Grosseto e Livorno. Delle 64 persone che proveranno ad avviare una startup con...

01 Novembre 2016

I neet (giovani non occupati e non scolarizzati) valgono mille miliardi di dollari

scritto da

Un potenziale slancio economico di oltre mille miliardi di dollari. Tanto vale la riduzione del numero di giovani non occupati, non scolarizzati o non coinvolti in programmi in formazione professionale (NEET) ai livelli attuali della Germania. L'Italia, poi, è  tra i paesi con il potenziale maggiore: pari all’8-9% del Pil. I dati emergono dallo studio Young Workers Index di PwC, che analizza i livelli di istruzione, occupazione e formazione professionale dei giovani di 15-25 anni in 35 paesi OCSE Nella classifica generale l'Europa non se la cava affatto male a occupa i vertici della classifica grazie a Svizzera, Germania ed...

12 Settembre 2016

#fertilityday: oltre sei mamme su dieci sotto i 30 anni restano a casa senza lavoro

scritto da

Niente lavoro e niente studio studio: oltre sei giovani mamme su dieci rimangono a casa a rimpolpare l'esercito dei Neet (not in education, employment or training), vale a dire la schiera di coloro che non lavora, non studia e non è in formazione. Tra le donne sotto i 30 anni con figli piccoli, rileva l'Istat, l'incidenza delle Neet è appunto al 64,4%. Le neomamme sono inoltre oltre metà di tutti i giovani inattivi che non cercano lavoro e non sono disponibili a lavorare (complessivamente 521 mila persone). L'incidenza dei Neet tra i giovani papà, al contrario, si ferma al 14%, sotto la media complessiva del 22,3%. Un dato che non...

01 Settembre 2016

#fertilityday, l'autogoal clamoroso della ministra Lorenzin

scritto da

Ipocrita, umiliante, sessista, fascista, retrograda La rete sta massacrando l'idea del #fertilityday e la relativa campagna pubblicitaria lanciata dal ministero della Salute. Una reazione che non dovrebbe sorprendere, perché da qualunque parte si guardi questa iniziativa non si riesce a trovarne un senso positivo. La natalità in Italia è ai minimi storici, si sa. Basta qualche slogan di incoraggiamento e un po' di informazione sulla fertilità per risolvere il problema? Certo che no. E il governo lo sa bene considerato che ha chiesto, attraverso il think tank Volta, a Riccarda Zezza e Alessandro Rosina di scrivere un paper con...