10 Settembre 2017

"Taglia e Cuci": I pettegolezzi sono roba seria

scritto da

  Una "lunga seduta di tonificazione del cuore". É come Marjane Satrapi descrive un pomeriggio tra donne passato a spettegolare e che diventa il soggetto del libro “Taglia e Cuci”. Il volume, uscito originariamente con il titolo "Broderies"” (ovvero “ricami”) in Francia nel 2003, è stato portato in Italia nel 2009 da Rizzoli Lizard. "Taglia e Cuci" è una graphic novel autobiografica di Marjane Satrapi, disegnatrice iraniana conosciuta al grande pubblico per la sua prima opera Persepolis (quest'ultima divenuta anche film d'animazione nel 2007). Nata nel 1969 a Rasht, passa l'infanzia a Teheran prima di lasciare il paese...

30 Luglio 2017

Sarah Andersen e il potere ironico dell'empatia

scritto da

  Un morbido coniglio consigliere; un utero vendicativo; un fidanzato che a seconda delle necessità è, tra le altre cose, un termosifone umano o fornitore di comode felpe. Sono i personaggi che costellano l'immaginario di "Sarah’s Scribbles” (“Gli scarabocchi di Sarah”)  le webcomic disegnate da Sarah Andersen, illustratrice e fumettista che vive a New York. Le strisce sono nate nel 2011. Oggi sono tradotte in 11 lingue, raccolgono fan in tutto il mondo, la pagina Facebook ne conta più di due milioni, e sono diventate due libri. In Italia le due raccolte di fumetti sono state pubblicate dalla casa editrice Becco Giallo:...

24 Luglio 2016

Un secondo. Pikachu.

scritto da

Mi chiamo Pikachu, e sono un Pokemon. Sono qui, dentro questa buca, dietro alla siepe. Venite più vicini, che non posso parlare a voce troppo alta. Mi vedete adesso? Sono quella macchia gialla. Per la precisione, sono un piccolo roditore con un spiccata capacità di immagazzinare energia elettrica. Un topo elettrico insomma, si sa che nei fumetti i topi hanno successo, da quel borioso di Topolino fino a quel secchione di Geronimo, anche se i miei migliori amici sono Jerry e Mignolo, certe sbronze… se gli sgabelli dei pub potessero parlare… Spiegatemi cos’è successo, perché io davvero non lo capisco, e pensavo di averle...