18 Settembre 2017

Letizia: "Cara Alley, non raccontiamoci storie sulla maternità"

scritto da

  Cara Alley, Sono mamma di un bimbo di poco più di un anno. Quando stai per diventare genitore sai benissimo che la tua vita cambierà definitivamente, anche se non sai mai davvero quanto. Chiariamo subito una cosa: non mi sono mai pentita d’aver avuto un figlio: amo profondamente il bambino che mi è stato donato e il problema non è lui. Mi tocca premetterlo, perché quando faccio certi discorsi mi è persino capitato di sentirmi dire che certa gente – suppongo io – dovrebbe prendersi un gatto invece che fare figli. Questa è la premessa, l’amore. Ma se l’amore per un figlio è grande, altrettanto grandi sono...

15 Settembre 2017

Dopo tre lunghi anni torna a riunirsi la Commissione Adozioni Internazionali. E riparte all'insegna della trasparenza

scritto da

  Lo aveva annunciato prima dell’estate “Entro la metà di settembre convocherò la CAI”, e ha puntualmente mantenuto la promessa: la nuova vicepresidente Laura Laera ha convocato la Commissione Adozioni Internazionali lo scorso 12 settembre, dopo che non si riuniva, ricordiamolo ancora una volta, dal 27 giugno 2014. Più di tre anni fa. A darne l’annuncio è il sito stesso della Commissione Adozioni, che riporta anche nel dettaglio i contenuti della riunione. È un ottimo inizio e, soprattutto, un forte segnale di cambiamento, dopo i silenzi e la paralisi che hanno caratterizzato gli ultimi anni di conduzione della CAI...

23 Agosto 2017

Costa di più far studiare un figlio in Italia, in Francia, in Egitto o negli Usa?

scritto da

Mancano 13 giorni all'inizio della scuola. I primi studenti, quelli di Bolzano, torneranno sui banchi già martedì 5 settembre; gongolano invece i miei figli, che sono milanesi e possono rilassarsi al mare fino all'11 settembre. Io però gongolo un po' meno: abituata alle pianificazioni di breve e medio periodo, non ho mai spinto lo sguardo fino a un orizzonte di decenni, ma se penso a quanto mi costerà la scuola dei miei figli, dall'asilo fino all'università, mi prende un brivido. Qualche anno fa Cittadinanzattiva calcolava circa 44mila euro a figlio, dalle tasse scolastiche ai trasporti, merendine e cancelleria...

11 Agosto 2017

Elena, che ha lasciato l'Italia per avere un bambino e un lavoro

scritto da

      “Quest'anno è per me un anno molto impegnativo e particolare. Poco dopo aver deciso di lasciare un lavoro che non mi soddisfaceva per cercare e aspettare qualcosa di più "adatto" a me, ho scoperto di aspettare un bambino. A 28 anni non si è troppo giovani o ingenui per avere un figlio, io credo che sia un'età “giusta”. il problema è che mi sono sentita totalmente persa all'inizio. Mi sono detta: e ora dove vado, ora chi mi prende, ho ucciso la mia carriera... Dopo una fase iniziale di sconforto, mi sono decisa a continuare comunque la mia ricerca, perché alla fine una mamma realizzata può solamente essere...

14 Luglio 2017

Dieci cose vietatissime ai papà geek

scritto da

    Sembra una barzelletta, di quelle vecchie che non fanno mai ridere. Ma l'incubo di un papà geek è davvero quello di avere un figlio sicuro, bello e superficiale come una mattonella del bagno. Di quelli che tirano dritti senza incertezze, senza incartarsi mai in niente e nessuno. Senza una passione, un'idea sbagliata o un tic da rendere faticosa e complicata la scoperta di chi siamo e come dobbiamo stare al mondo.  Per il papà geek esistono tecniche di convincimento, tristi sotterfugi, subdoli ricatti morali per eterocontrollare lo sviluppo del proprio figlio. Ecco dieci cose da evitare. A tutti i costi.   1) Ti...

30 Giugno 2017

Le mamme non sono meglio, ma non sono neanche peggio

scritto da

  “Si va bé, tralasciando tutte le assenze dal lavoro perché il bambino ha febbre/mal di pancia/male a un'unghia/c'è sciopero a scuola ecc ecc, tralasciando tutte le richieste di orari agevolati perché il bambino esce da scuola/dall'asilo/devo portarlo a calcio/nuoto/danza ecc ecc, con la gioia dei colleghi che devono lavorare il doppio..”.   E' uno dei commenti che trovate sotto a un video che racconta la storia di MAAM - maternity as a master (il programma che ho fondato e punta a trasformare la maternità in un'occasione di sviluppo di competenze lavorative). Video che ha scatenato la diatriba tra mamme e non mamme....

18 Maggio 2017

Insegnare ai bambini la paura dell'estraneo? Andiamoci piano

scritto da

Un video virale, che ha gettato nello sconforto mamme e papà: cosa farebbero i miei figli in quella situazione? Chi tra i genitori può giurare che i propri figli non seguirebbero mai un estraneo che li attira per esempio con un cucciolo di cane, come accade nel video girato per fare un "esperimento sociale"? Servono davvero gli avvertimenti di non parlare con gli sconosciuti che certamente ogni genitore ha dato ai suoi bambini per evitare i rischi che il video rende così reali e quotidiani? La mia prima reazione, come quella di molti genitori, è stata di terrore: mio figlio è ancora piccolo ed è sempre sotto controllo, ma il...

14 Maggio 2017

Festa della mamma. È davvero una festa per tutte?

scritto da

Quest’anno la Festa della mamma si celebra il 14 maggio. È una domenica. Per quante donne può fare la differenza? Sicuramente per tutte le mamme lavoratrici. Anche oggi dati, numeri e statistiche sono chiamati a raccontare le vite di donne, diverse per età, cultura, estrazione sociale, composizione familiare. Percentuali che fotografano storie di persone e, molto spesso, delle loro difficoltà nel trovare un equilibrio tra ciò che impone un impegno lavorativo e i ritmi della famiglia. Tra tutti i dati prodotti dall’ultima indagine Istat è emerso che, sul campione preso in esame, “il 22% delle madri occupate all’inizio della...

12 Maggio 2017

Adozione sì o no? I dubbi di un potenziale papà

scritto da

Mi è capitato diverse volte da quando le mie figlie sono con me, che amiche, conoscenti e perfette sconosciute vedendomi con le bambine mi dicessero: “Anche io avrei tanto voluto adottare, ma mio marito non se la sentiva di affrontare il percorso”. O anche nella variante: “Non se la sentiva di diventare padre di un figlio nato da altri, di cui non si conosce la storia…”.Gli uomini solitamente sono più analitici di noi donne. Agiscono meno d’istinto, meno di pancia e più di testa e, in un percorso come quello adottivo, in cui molte sono le variabili e le incertezze, possono risultare più titubanti. Ho provato allora...

20 Aprile 2017

La vita è più facile se si vive col papà (biologico)?

scritto da

In una famiglia composta da una madre single con figli, l'arrivo del padre biologico nel nucleo familiare ha effetti positivi per i bambini in termini di salute fisica, psicologica e capacità cognitive. Se però a unirsi alla famiglia è un padre non biologico, per i bambini i benefici sono nettamente inferiori. E' l'esito di un'ampia ricerca realizzata dalla London School of Economics su oltre 7mila famiglie che, per la prima volta, non si è concentrata sugli effetti di una separazione o di un divorzio, ma su quelli dell'arrivo di una figura paterna dove prima non c'era. Concludendo anche, però, che la stabilità familiare (anche...