10 Gennaio 2018

I giovani non possono più aspettare, ci diamo una mossa?

scritto da

    Il 2017 è stato un anno a due velocità. L’economia italiana è in ripresa e si sono generati nuovi posti di lavoro che hanno fatto lievemente salire il tasso di occupazione. Ma per i ragazzi non è stato fatto ancora abbastanza e sono diversi gli indicatori che ci portano a chiederci se l’Italia sia o meno un Paese per giovani. Cominciamo dal sistema educativo, così complesso che piuttosto che avvicinare i giovani al lavoro li allontana. Infatti in Italia abbiamo una percentuale di laureati molto bassa rispetto al resto dell'Europa e in generale il nostro percorso di studi è più lungo e non incentiva i ragazzi ad...

08 Marzo 2017

#8marzo - L’Italia fra il primato dell’Islanda e la maglia nera dell’Egitto

scritto da

La legge Golfo-Mosca sulle quote rosa ha regalato all’Italia un primato: insieme a Francia, Svezia e Finlandia, siamo il Paese europeo con la percentuale più alta di donne (il 30%) sedute nei Cda. Peccato che ci fermiamo qui. Al di fuori dei consigli d’amministrazione, ricorda Eurostat, in Italia le manager sono solo il 22% del totale. Siamo lontani dal primato della Lettonia, l’unico Paese della Ue dove la quota delle donne - con il 53% - supera quella degli uomini fra il management. Le dirigenti meglio pagate d’Europa, invece, sono quelle rumene: la differenza di stipendio rispetto ai colleghi maschi, per loro, è solo del...

07 Dicembre 2016

Scopri quale è il Paese dove puoi lavorare di più

scritto da

C'è la difficoltà di trovare un lavoro appena si esce dall'università. C'è lo stop imposto dalla maternità. C'è il problema di ritrovare un impiego adatto quando i figli sono ancora piccoli. E c'è la necessità di smettere prima di lavorare per accudire un genitore anziano. Quanti anni lavoriamo, noi donne? In Italia, piuttosto pochi: i dati di Eurostat ci dicono che una ragazza che oggi ha 15 anni nel corso della sua vita può legittimamente aspettarsi di lavorare in media 25,7 anni. Una sua coetanea olandese, di anni di lavoro, se ne aspetta più di 37. Viva l'Italia? No, dietro l'angolo si nasconde l'inghippo. Per andare in...

09 Novembre 2016

#9dicembre14H58: dopo la Francia, tocca a noi

scritto da

#7novembre16H34 è l'hashtag delle donne francesi che lunedì sono scese nella piazza virtuale e hanno protestato contro il gender pay gap, il divario salariale fra uomini e donne che fa guadagnare loro il 15% in meno dei colleghi maschi. Il 15% in meno è come dire che le donne francesi lavorano 38,2 giorni in più all'anno per arrivare alla stessa cifra degli uomini. Quindi, significa che dal 7 novembre, esattamente alle ore 16.34 del pomeriggio, e fino alla fine dell'anno le francesi faranno del lavoro extr rispetto ai colleghi uomini. Ora: quando cade il 7 novembre delle italiane?  Esattamente fra un mese: il 9 dicembre. Alle ore...

27 Aprile 2016

L'Italia è l'ultima in Europa per 30enni laureati

scritto da

Italia ancora una volta fanalino di coda in Europa. L'occasione sono i dati relativi ai laureati nella fascia di età 30-34 anni.  Il nostro Paese resta anche tra le maglie nere per gli abbandoni scolastici, sebbene su questo fronte abbia già raggiunto l'obiettivo di riduzione fissato da Bruxelles. Nello spaccato di genere, le ragazze aumentano il divario percentuale rispetto ai compagni di corso. La fotografia emerge dai dati Eurostat per il 2015, secondo cui solo il 25,3% degli italiani tra i 30 e i 34 anni aveva una laurea l'anno scorso, la percentuale più bassa di tutti i 28 Paesi Ue. Di questi ben il 30,8% sono donne e solo il...