20 Ottobre 2017

La sottile differenza tra essere libere e sentirsi libere

scritto da

      Assomiglia al #metoo sulle molestie sessuali, la lista di “è successo anche a me” che ha seguito il mio post sulle dimissioni volontarie. Può sembrare un accostamento azzardato, eppure gli elementi comuni sono molti. Sono coinvolte le donne: una minoranza in termini rappresentativi, in questo come in quasi tutti gli altri Paesi del mondo. E’ coinvolta la “libertà di scelta” che pare avessero queste donne. Quelle che “ci sono state”: potevano anche dire di no, potevano vestirsi diversamente, potevano difendersi meglio. Quelle che “si sono dimesse, ma avevano altre scelte possibili”: non avere figli,...

19 Ottobre 2017

Fattaneh Haj Seyed Javadi: raccontare l'Iran dal punto di vista delle donne

scritto da

    Ci sono romanzi che pur non parlando di politica o storia, riescono a restituire un'immagine della società ancora più reale di quanto farebbe un saggio. Sono romanzi che raccontano la parte più privata dell'esistenza: quella che si svolge tra le mura domestiche, nei rapporti genitori-figli e anche in quelli tra uomo e donna, prima innamorati e poi non più. La scelta di Sudabeh è uno di questi. Si tratta del primo romanzo della scrittrice iraniana Fattaneh Haj Seyed Javadi, uscito in Iran nel 1998 (e giunto ormai alla 56esima edizione) ma pubblicato in italiano da Francesco Brioschi editore solo quest'anno....

18 Ottobre 2017

Hackathon FIGC: prima maratona degli innovatori del calcio

scritto da

    Big data nel mondo del calcio non ne mancano. Idee per analizzarli e metterli a frutto sì. Per questo lo scorso fine settimana, a Trento, è stato organizzato il primo hackathon del calcio italiano, la maratona di innovazione della Federazione Italiana Giuoco Calcio promossa insieme alla Provincia autonoma di Trento, l’Università di Trento e Trentino Sviluppo. Si cercavano idee per valorizzare il rapporto tra la federazione e i suoi oltre 1,3 milioni di tesserati e sulla match analysis, ossia appunto su come analizzare i big data nel mondo del calcio. Le iscrizioni pervenute agli organizzatori sono state 402, ne...

17 Ottobre 2017

Piccole ‘Coding Girl’ crescono

scritto da

      C’è Aurora, 19 anni, che in famiglia, complice una mamma programmatrice e un vecchio computer "orribile", ha cominciato a giocare con il codice e poi non ha più smesso ed ora con soddisfazione si sente chiamare maestra dalle sue allieve delle elementari. C’è Loredana, 20 anni, con tanti hobby ma nessuna passione per la tecnologia (al motto di "Non è roba per donne"), fino all'incontro con le Coding Girls e la coach americana che le ha aperto un mondo straordinario trasformandola rapidamente da ‘formata’ a ‘formatrice’. E ancora Valentina, 36 anni, che  ha coltivato con passione il sogno di diventare...

16 Ottobre 2017

Le donne, i soldi e …. la doccia fredda!

scritto da

    Due anni fa ho pubblicato un libro: "Donne di denari" edito da De Agostini. Quando mi venne proposto quel lavoro l'editore mi chiese di scrivere una sorta di manuale, un vademecum dedicato a quelle donne del tutto digiune di argomenti finanziari e completamente propense a delegare al marito o al compagno le scelte economiche della famiglia. Ovviamente partendo da un bel pregiudizio di fondo: quello di avere a che fare con una platea immensa di donne totalmente estranee a questi aspetti della loro vita. O, quantomeno, largamente disinteressate. Presupposto sbagliato. Cominciando ad indagare - senza avere osservatori...

16 Ottobre 2017

Dimissioni delle mamme, le storie che ci avete raccontato

scritto da

    "Siamo così tante che possiamo definirci “classe sociale: donne lavoratrici che ad un certo punto hanno avuto figli”. Maria commenta così la valanga di commenti al post "Quel giorno di sole in cui sono andata a dare le dimissioni". Commenti di donne che testimoniano come la perdita di lavoro dopo la gravidanza non è un'eccezione in Italia, ma un avvenimento ancora troppo frequente e spesso forzato. Una vera e propria classe sociale, un investimento in istruzione che va perso, come la fuga di cervelli italiani all'estero. Ci sono cervelli, talenti, capacità, epserienze e competenze che restano nel Paese, ma relegate...

14 Ottobre 2017

Lacrosse a Milano: dal Parco Sempione ai Mondiali di Londra senza passare dal via

scritto da

    Stecche in mano, sorriso, teste spettinate e grinta sono gli ingredienti che hanno accompagnato le ragazze del Milano Baggataway alla Ken Galluccio Cup di Ghent il week end del 16 e 17 Settembre. “Le squadre femminili erano in tutto 12, la maggior parte purtroppo molto più forti di noi. Siamo comunque riuscite a batterne 2 arrivando decime. Per la nostra squadra è un ottimo risultato, tenendo conto del fatto che siamo le giocatrici con minore esperienza e prive di alcun supporto sia tecnico sia economico” racconta entusiasta la giovanissima Annetta Ferreri, classe ’96, attaccante della squadra di lacrosse...

12 Ottobre 2017

Ma se sono io a mettermi all'angolo?

scritto da

    "Nessuno può mettere Babe in un angolo". Sono giorni che mi risuona questa storica frase di Dirty Dancing, l'inizio dell'indimenticabile scena finale che ha accompagnato decine di pomeriggi della mia preadolescenza, sognando un Patrick Swayze qualsiasi che togliesse anche me dall'angolo. Negli anni ho capito che Patrick, bontà sua, non sarebbe arrivato, per lo meno non nelle sembianze del ballerino burbero e muscoloso ma dal cuore d'oro della mia infanzia. E che, soprattutto, non ci sarebbe stato proprio nessuno a tirarmi via dall'angolo, soprattutto quando all'angolo mi ci...

11 Ottobre 2017

Ue, donne più vicine agli uomini ma restano meno potenti e più impegnate (Eige)

scritto da

      Un miglioramento di 4,2 punti in dieci anni. Un nulla, quindi. E' il risultato che emerge dall'analisi del Gender Equality Index 2017 di Eige (European Institute for Gender Equality). L'indice a livello europeo è salito, infatti, a 66,2 punti su 100 nel 2015 contro i 62 punti del 2005, con un'accelerata nell'ultimo triennio. Certo un panorama non particolarmente roseo. Il rapporto, presentato oggi a Bruxelles, conferma i Paesi del Nord Europa alle prime posizioni, con Svezia e Danimarca che svettano. L'Italia, passata dal 26esimo al 14esimo posto in classifica, è stata, però, menzionata come Paese in cui il...

06 Ottobre 2017

Le donne nomadi della Mongolia non abbassano mai lo sguardo

scritto da

    «Ogni mattina mi alzo verso le 6 per mungere le capre. Poi lascio gli animali liberi di pascolare, preparo il pranzo e rassetto la yurta. Nel pomeriggio raccolgo lo sterco dei cammelli che serve per accendere la stufa e pulisco le yurte degli ospiti»: con queste parole Gerelmaa ci racconta la sua giornata tipo. Nel tono della sua voce si avverte un leggero imbarazzo, ma l’espressione del suo viso è consapevole e risoluta. Nata nel 1974 a Tsogtovoo, città nella regione del Gobi meridionale, Gerelmaa è la prima delle donne nomadi che incontriamo lungo l’itinerario del nostro viaggio in Mongolia. Sono sempre loro ad...