05 Marzo 2018

Al nuovo governo, sei proposte da inserire fra le cose da fare

scritto da

    Dai risultati usciti dalle urne si dovrà ora capire quale sarà la composizione del prossimo governo per l'Italia. Chiunque vada a Palazzo Chigi, però, ha alcuni temi che dovrebbe tenere a mente a giudizio degli autori di Alley Oop. Così abbiamo pensato di scrivere un piccolo promemoria, un po' come una To do list da mettere come segna libro nelle agende di questa legislatura. VIOLENZA SULLE DONNE La violenza sulle donne in Italia non è un'emergenza, ma un problema strutturale e va affrontato come tale. Si deve partire da qui per analizzare i numeri, il fenomeno e le forze in campo. Le donne che hanno subito...

01 Marzo 2018

Cara Alley, non bisogna usare i figli per sfogare le proprie paure e i propri dolori

scritto da

    Cara Alley, ti scrivo perché vorrei provare a parlare di qualcosa che mi sta molto a cuore per capire se il mio approccio è sbagliato. Quando mio figlio aveva tre anni a causa di un tumore molto aggressivo ha subito l’enucleazione dell’occhio destro. Adesso ha quasi sei anni, va in piscina, corre, gioca ed è felice. E’ ovvio che ancora non posso sapere nel suo intimo che tipo di accettazione stia elaborando in merito al fatto che porta una protesi e vede da un occhio solo ma se lo guardi con i suoi amici al parchetto vedi solo un bambino oggettivamente strabico e oggettivamente felice. In questa avventura che...

06 Gennaio 2018

Da Bergamo a New York con le rotelle fumanti

scritto da

    “Il giorno tanto atteso è arrivato: 24 settembre 2017. Alle 8:00 ci siamo trovati al punto scelto per la partenza pronti a metterci in viaggio. Fabio diceva e dice tutt’ora che insieme siamo una la squadra delle ‘Rotelle fumanti’’. A parlare è Erica Villa, una ragazza di ventiquattro anni, diversamente abile, che ha realizzato un grande sogno: partecipare alla Mezza Maratona dei Mille “Città di Bergamo” che si è tenuta il 24 settembre di quest’anno. Oltre ad aver compiuto questa impresa, Erica è anche una giovane scrittrice che finora ha pubblicato due libri autobiografici - “Leggimi dentro” e...

06 Novembre 2017

Martina Caironi, un'atleta all'Agenzia spaziale europea

scritto da

    «Verso l'infinito... e oltre!»   Era il motto dell'astronauta Buzz Lightyear, protagonista di Toy Story, ma si sposa bene anche con l'ultima avventura di Martina Caironi, campionessa paralimpica bergamasca classe 1989. Martina sarà la prima ambasciatrice dell'iniziativa “Esa grand challenge”, lanciata dall'Agenzia spaziale europea per sostenere l'innovazione e la creazione di nuovi ecosistemi imprenditoriali. Lo scorso 13 ottobre a Parigi Martina Caironi ha partecipato al “Global space economic workshop” dove ha tenuto un discorso per far riflettere sull’importanza dell'investire in tecnologia facendo...

30 Settembre 2017

Possiamo essere tutti ironman: la lezione di Xavier Bruchez e Gaetan Daves

scritto da

    Ha percorso 3,86 chilometri spingendo un gommone, 180,26 km trainando una bicicletta speciale, 42,195 km spingendo una carrozzina: no, non è il remake delle fatiche di Ercole ma l’impresa compiuta dall’ironman svizzero Xavier Bruchez la scorsa settimana a Cervia. Un'impresa che, durante il primo evento ironman italiano, è valsa a Xavier la vittoria. Eppure, per l'atleta, la vittoria più grande è stata quella di aver condiviso la gara con il cugino disabile Gaetan Daves, tetraplegico dall’età di due anni. I due avevano già tentato l’impresa a Zurigo durante l’Ironman Switzerland, ma un’improvvisa otite...

01 Agosto 2017

Perchè Maslow non ha pensato a una piramide dei bisogni speciali?

scritto da

  Eppure avrebbe dovuto saperlo Abramo Maslow, primo di sette figli in una famiglia di immigranti ebrei di origine russa, che chi nasce con uno svantaggio deve penare di più per accorciare le distanze. E invece no: alla base della teoria della gerarchia dei bisogni umani, che va sotto il nome dello psicologo statunitense, c’è l’assunzione che l’individuo vada considerato nella sua globalità di bisogni, ogni individuo è unico ma i bisogni sono uguali per tutti, se hai la pelle chiara o scura, se hai 2 braccia o 1 e mezza, dai bisogni più elementari, fino a quelli superiori come i bisogni spirituali.   Nasce...

20 Luglio 2017

Pari opportunità: tre belle storie di inclusione nel mondo del lavoro

scritto da

      Quando si parla di pari opportunità nel mondo del lavoro, spesso pensiamo solo al gender gap, dimenticandoci di tutte le situazioni di grave svantaggio che possano rendere difficile l’inserimento e lo sviluppo professionale delle persone nella nostra società. Ma basta guardare un po’ oltre il nostro naso per renderci conto di quante situazioni di disagio ci circondano, ognuna con le sue peculiarità. Da chi è diversamente abile, a chi è disoccupato da lungo tempo, a madri con carichi familiari, ai rifugiati, a persone affette dalla sindrome di down, a donne che hanno subito violenza, ecc. Tutte situazioni...

18 Luglio 2017

Cinque fatti che vi faranno sentire colpevoli di abilismo

scritto da

Gli americani ci fregano con la lingua (cit. Guccini, Statale 17) e quando devono disprezzare una ideologia aggiungono il suffisso ‘-ism’ e il più è fatto: racism, sexism, ableism.   Ecco, ‘Ableism’: in italiano suona come ‘abilismo’ ed è la discriminazione nei confronti di persone diversamente abili e, più in generale, il presupporre che tutte le persone abbiano un corpo abile come il tuo. Non ci pensiamo istintivamente, ci facciamo guidare dagli stereotipi e dai modi di dire consolidati, ma poi quando siamo toccati direttamente dall’esperienza dell’inabilità a compiere un’azione, allora si che riusciamo a...

09 Giugno 2017

OSO – Ogni Sport Oltre, la prima comunità digitale per avvicinare le persone con disabilità allo sport

scritto da

Superare i limiti è nella natura di tutti. Di alcuni più di altri, semplicemente perché diventa una necessità e, molto spesso, una sfida. OSO, non a caso prima persona indicativo presente del verbo osare, nasce da qui, dalla volontà di superare dei limiti, nei più svariati ambiti. OSO – Ogni Sport Oltre, nata grazie a Fondazione Vodafone Italia, è infatti la prima piattaforma digitale che mette in rete tutte quelle informazioni utili a chi vuole praticare sport in Italia per creare una comunità di utenti fra persone con disabilità, le famiglie, gli istruttori e i professionisti sportivi e tutti coloro che sono appassionati di...

16 Maggio 2017

Quanto fa vendere l'inspiration-porn?

scritto da

  Dicesi ‘Inspiration-porn’ quando si chiede a persona disabile di raccontare la propria vita per ispirare gli altri, quando si fa credere che vivere con la disabilità faccia diventare persone eccezionali. Pornografia motivazionale, l’ha chiamata così per la prima volta l’attivista Stella Young in questo TED talk. Quale l’obiettivo di comunicazione nel mostrare una bambina senza mani che disegna tenendo una matita in bocca o il bambino che corre con protesi in fibra di carbonio? Le chiamano pornografia di proposito, perché riducono ad oggetto una categoria di persone a beneficio di un'altra, le persone disabili a...