11 Gennaio 2018

Le donne? Felici di essere single

scritto da

Le donne apprezzano la vita da single più degli uomini, soprattutto dopo i 45 anni. Non lascia spazio a dubbi, in questo senso, il risultato di una ricerca dell'agenzia britannica Mittel: il 61% delle donne britanniche si dichiara felice di essere single, rispetto al 49% degli uomini nella stessa posizione. Secondo il rapporto, poi, il 75% delle donne single e il 65% degli uomini single non ha cercato una relazione nel corso dell'ultimo anno. La differenza diventa ancora più ampia nella fascia d'età 45-65 anni, in cui il 32% delle donne si dice felice del suo status di single contro il 19% degli uomini. Il primo elemento che...

09 Gennaio 2018

Roberta: «Ho scelto le mucche e sono felice»

scritto da

    Sibilla, Ovada, Mora, Imperia, Pantera, Polonia, Guendalina, Adelina, Rondine, Senape, Latina, Rapa, Trottola, Uendy, Zea. Le mucche di Roberta Colombero hanno un nome e lei le conosce una per una. Roberta, una delle poche margare rimaste in Italia. Quando ha rilasciato l’intervista ad AlleyOop, Roberta Colombero non aveva ancora letto “La vita segreta delle mucche” di Rosamund Young (Garzanti, 2017), ma si riprometteva di farlo al più presto, visto che l’hobby della lettura è tra le poche attività che ben si concilia con la sua vita di allevatrice dai ritmi serrati. L’affresco sulla vita dei bovini e...

08 Gennaio 2018

Apple e Google: i migliori datori di lavoro al tempo dei Millennials

scritto da

Le festività natalizie cadono una volta all'anno e proprio per questo ci permettono di indulgere, rallentare i nostri tempi per riflettere o coccolarci. Questi giorni di festa vogliono dire rimpatriate di amici e parenti, tavole imbandite, doni e... liste. Si parte con quella dei regali che si vorrebbe trovare sotto l'albero – qualche dritta a Babbo Natale non fa mai male – per arrivare all'elenco dei buoni propositi per l'anno nuovo. Cartacei o digitali, in entrambi questi elenchi potrebbe capitare di spuntare la voce “un nuovo lavoro”. Che lo porti in dono Babbo Natale o che sia un obiettivo per il futuro, spesso il...

08 Gennaio 2018

La piccola Islanda ha preso il toro per le corna

scritto da

    La piccola Islanda ha preso di petto l’annosa questione della disparità retributiva tra uomini e donne imponendo per legge, alle imprese pubbliche e private con più di 25 dipendenti, la certificazione della parità di trattamento, puntando così alla eliminazione della discriminazione salariale di genere. Si noti che l’obiettivo della legge appena promulgata dal Parlamento islandese non è quello di vietare la discriminazione di genere, poiché quest’ultima è già vietata fin dal secolo scorso in Islanda come in ogni altro Paese europeo (cfr. la direttiva 75/117/EEC1 che sancisce la parità di retribuzione per...

04 Gennaio 2018

A Natale non si scappa, dalle domande dei parenti!

scritto da

A Natale non si scappa. Se durante l’anno siamo diventate ormai delle professioniste dello slalom gigante tra le domande indiscrete di genitori e parenti, a Natale ogni tentativo di fuga è vano. Così strette tra la zia e la nonna che ci riempiono il piatto di polpettone e di insalata russa non ci resta che capitolare. “Quando ci fai un nipotino?” mi ha chiesto, per esempio, mia zia puntuale come il raffreddore d’inverno, durante il pranzo di Natale. Fortunatamente (ma non sono così sicura che la parola giusta sia “fortuna”), prima che io potessi ingoiare il boccone e farfugliare qualche parola senza senso tipo...

03 Gennaio 2018

E tu, lo sai mettere via quel cellulare?

scritto da

      Arrivate a casa alle otto, i bambini reclamano attenzione, c'è la cena da mettere sul fuoco. Il led sul telefonino annuncia una mail: è di lavoro. Che fate, rispondete? Dipende se è urgente, certo. Ma quante sono, queste urgenze veramente urgenti? Se avete risposto "no" con determinazione al quiz, siete tra quella minoranza di eletti che, nonostante le nuove tecnologie e il lavoro ubiquo, sanno tenere perfettamente separato il tempo degli affari da quello degli affetti. Siete fortunati: secondo l'Università di Newcastle, solo un lavoratore su quattro ha il dono dell'equilibrio. Almeno il 60%, invece, annaspa in...

03 Gennaio 2018

Una spilla da balia per gli uomini del 2018

scritto da

    Qualche settimana fa Mark Rice-Oxley ha pubblicato su The Guardian un'inchiesta impietosa sullo stato attuale della mascolinità e l'ha intitolata The masculine mystique, parafrasando il celebre saggio di Betty Friedan, The Feminine Mystique. Nel 1963 quel testo ha contribuito alla seconda ondata storica del femminismo, raccontando la frustrazione delle donne schiacciate nei canoni della casalinga, della madre e dell'angelo del focolare. Eserciti di donne infelici allora affollavano i sobborghi residenziali degli Stati Uniti d'America, senza saper riconoscere che alcune di loro avrebbero voluto lavorare, essere prese sul...

19 Dicembre 2017

Nel cottage di Rita il precariato si è trasformato in un'opportunità di crescita.

scritto da

      Renée Michel, la pittoresca protagonista del best seller “L’eleganza del riccio”, è all’apparenza una comune portinaia. In realtà possiede una cultura invidiabile, accumula libri, conosce finemente la filosofia e la storia dell’arte, ma dissimula questo sapere con una vita ordinaria e sfrontatamente sciatta. Si tratta di un personaggio romanzesco, che si alimenta di una cultura fine a se stessa, senza velleità professionali. Ma non posso fare a meno di pensare a lei quando incontro persone come Mara, cameriera in un bistrot che frequento piuttosto abitualmente. Mara ha un percorso di studi lineare: ha...

15 Dicembre 2017

L'innovazione sociale è solo una questione privata?

scritto da

      Confesso che ho verso la politica un atteggiamento simile a quello che si ha di solito verso la religione: non ci credo, ma ci spero. Se ci credessi, penserei che è lì che bisogna andare per avere un vero impatto sociale. Siccome invece ci spero solo, sono sempre disponibile a seminare molliche di realtà nelle loro conferenze, e magari un giorno una di queste fiorirà. Per questo ho accettato di partecipare ieri nella Sala Stampa di Montecitorio,alla conferenza “Innovazione Sociale e finanza d’impatto: i motori del nuovo millennio” per la presentazione del volume Visions and Trends of Social Innovation...

14 Dicembre 2017

Il lavoro agile aumenta la produttività e riduce l'assenteismo. Perché non adottarlo?

scritto da

      La flessibilità lavorativa è prevalentemente femminile nel nostro Paese, perché il peso delle responsabilità delle attività di cura è ancora in carico in prevalenza alle donne e dunque nella coppia è la donna che generalmente o non lavora o opta per un lavoro flessibile. Si è perciò portati a collegare anche il lavoro agile o smartworking all’universo femminile, ma i dati delle ricerche più recenti sul tema dimostrano che lo smartworking è uno strumento di natura trasversale, molto utilizzato anche dagli uomini ( in oltre il 50% dei casi) e che, quindi, va oltre le distinzioni di genere. L’utilizzo...