17 Agosto 2017

“Giochiamo”: voce del verbo imparare

scritto da

Lucia e Martina sembra che stiano litigando. “Facciamo finta che io sono la mamma e tu la figlia!” “No! Voglio essere io la mamma!” Il desiderio di intervenire in questo tipo di litigi, in classe, è forte. Potrei richiamare le bambine, calmando la loro rabbia e, magari riportandole al silenzio. Ma non lo faccio e vi spiego perché. Il giocare “a fare finta” è una modalità ludica importantissima, sempre meno utilizzata, purtroppo. Le due bambine non stanno semplicemente litigando; stanno misurandosi, si stanno confrontando, cercando di capire fino a che punto spingersi, fino a che punto insistere o meno, fino a che...

16 Agosto 2017

In vacanza con la famiglia e senza scarpe! Benvenuto Barefooting

scritto da

    Occupare posizioni manageriali o lavorare a contatto con il pubblico significa molto spesso doversi confrontare con quel famoso dress code che, scritto o non scritto, influenza le scelte mattutine di tutti i lavoratori indecisi tra una camicia a righe e una a tinta unita, tra un tacco 12 e un paio di sneaker. Perché, come dicono i guru della moda, la nostra brand identity passa anche attraverso ciò che indossiamo e ciò che indossiamo, forse, ci fa comportare in modo coerente con quello che vorremmo comunicare attraverso i nostri vestiti da lavoro. Possiamo quindi decidere se indossare una cravatta o se preferiamo una...

09 Agosto 2017

Estate, un bambino su due la passa in città

scritto da

  Estate, tempo di vacanze. Le vacanze dei bambini, insieme ai nonni, con le madri che non lavorano, qualche tempo fa nelle colonie aziendali o parrocchiali, e le estati della nostra infanzia, infiniti serbatoi di ricordi. Eppure le vacanze sono un fenomeno recente, quelle di massa sono nate con il benessere del secondo dopoguerra e stando ai numeri di Save the children sono terminate per molti nel 2008, anche se forse non ce ne accorgiamo. Uno studio recente porta a galla numeri che suonano come un'emergenza. Oltre cinque milioni di minori non fanno vacanza per più di tre giorni l’anno e il periodo estivo, agosto...

03 Agosto 2017

Il primo laboratorio del pane in un reparto di oncoematologia pediatrica

scritto da

  Manine infarinate impastano veloci, farciscono le pizze. Sono le mani dei bambini del reparto di oncoematologia pediatrica dell'Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia, che hanno preso parte al primo laboratorio del pane allestito all'interno della struttura. All'inizio in pochi compaiono alla porta, manifestando una certa diffidenza. Via via, però, la curiosità  cresce e arrivano anche gli altri, nonostante fossero impacciati da mascherine e fleboclisi. Tutti quelli che potevano scendere nel laboratorio hanno voluto a tutti i costi, e in qualunque condizione, raggiungerlo....

01 Agosto 2017

Perchè Maslow non ha pensato a una piramide dei bisogni speciali?

scritto da

  Eppure avrebbe dovuto saperlo Abramo Maslow, primo di sette figli in una famiglia di immigranti ebrei di origine russa, che chi nasce con uno svantaggio deve penare di più per accorciare le distanze. E invece no: alla base della teoria della gerarchia dei bisogni umani, che va sotto il nome dello psicologo statunitense, c’è l’assunzione che l’individuo vada considerato nella sua globalità di bisogni, ogni individuo è unico ma i bisogni sono uguali per tutti, se hai la pelle chiara o scura, se hai 2 braccia o 1 e mezza, dai bisogni più elementari, fino a quelli superiori come i bisogni spirituali.   Nasce...

20 Luglio 2017

La scuola diventa comunità: il metodo “senza zaino”

scritto da

    Immaginate la classe come una specie di villaggio multifunzionale, con angoli destinati al gioco, postazione multimediale, aree rivolte agli apprendimenti della scienza, della storia, della matematica e… una piazza. Sì, un’agorà, un luogo predisposto e pensato per accogliere gli alunni e gli insegnanti, uno spazio per raccontare e raccontarsi, per riflettere e confrontarsi, per rilassarsi e confidarsi, magari seduti per terra, in cerchio, oppure su morbidi e colorati cuscini. Questa è l’idea di classe progettata in funzione di un modello educativo, un progetto pedagogico concreto chiamato “scuola senza...

18 Luglio 2017

Da San Gimignano la proposta di una Carta Europea per i Diritti dei Minori non accompagnati

scritto da

    Metti un evento di circo sociale nel cuore della Toscana, due anni fa. Metti una serata di chiacchiere in libertà, fra le torri di San Gimignano, in provincia di Siena, tra persone che vogliono fare qualcosa di veramente utile per aiutare i più piccoli e indifesi arrivati in migliaia in Europa. Ed ecco arrivare un’iniziativa che non c’era finora. Nei giorni scorsi, infatti, è stata presentata al Parlamento Europeo a Bruxelles la bozza di una Carta europea per i diritti dei minori stranieri non accompagnati. Tutto ciò è frutto di un percorso iniziato appunto due anni fa con la Seconda Edizione del Festival...

17 Luglio 2017

Ecco "Sam": la bambola transgender che spiega ai bambini la disforia di genere

scritto da

    Vi presento Sam: il primo giocattolo didattico transgender al mondo, creato per spiegare ai bambini (e non solo) cosa sia la disforia di genere attraverso il gioco. Il progetto è della “Gender Creative Kids”, organizzazione canadese che ha lo scopo di sostenere ed affermare nella scuola, in famiglia e nella società i  “Gender Creative Kids”: bambini che identificano ed esprimono il loro genere in modi diversi da quelli che socialmente ci si aspetterebbe. “Speriamo di trasformare il mondo in un luogo sicuro, inclusivo e gioioso per tutti i bambini”, questo lo scopo dell’organizzazione, lo stesso con cui è...

07 Luglio 2017

Quali sono i colori delle emozioni? Aiutiamo i bambini a riconoscerle

scritto da

Cuore accelerato, sudorazione aumentata, tremore alle gambe, respiro affannoso: sono i sintomi della paura, chi non li riconoscerebbe? Forte calore al volto, irrigidimento della muscolatura, cambiamento del tono della voce: è la rabbia cieca, quella che annebbia l’intelletto e non permette di ragionare, che può spingere anche a fare gesti irragionevoli. Le emozioni, quelle primarie, istintive, possono avere una forza devastante, e comportano delle modificazioni fisiologiche (come l’accelerazione del battito cardiaco) e comportamentali (come la fuga o l’alterazione della mimica facciale) che possono cogliere impreparato...

06 Luglio 2017

Musica, maestro! L’importanza dell’educazione musicale a scuola

scritto da

    “La musica è forse l’unico esempio di quello che avrebbe potuto essere- se non ci fosse stata l’invenzione del linguaggio, la formazione delle parole, l’analisi delle idee- la comunicazione delle anime” Lo scrittore francese Marcel Proust che definisce la musica come alternativa al linguaggio parlato e scritto. In effetti difficilmente troveremo ricordi rilevanti della nostra vita affettiva che non siano legati a melodie o canzoni, oltre che a parole e gesti. Sin dal grembo materno, l’orecchio del bambino, è costantemente sollecitato, dal suono delle parole della mamma, dal sottofondo continuo del ritmo del...