15 Luglio 2018

Leonardo da Vinci: la sua prima opera pittorica è un Arcangelo Gabriele

scritto da

    Verranno riscritti i libri di storia dell’arte? Possibile. Certo è che la scoperta annunciata dal professor Ernesto Scolari, noto studioso di Leonardo da Vinci, e dalla grafologa Ivana Rosa Infantino, a pochi mesi dai 500 anni dalla morte dell’artista, è una di quelle destinate a far discutere. La prima opera pittorica di Leonardo pare infatti non essere più la “Vergine delle Rocce” (1483-86), così come il primo autoritratto dell’artista non sarebbe quello che compare nell’”Adorazione dei Magi” (1481-82). Entrambe queste ‘prime volte’ vengono infatti spazzate via dall’Arcangelo Gabriele realizzato...

03 Luglio 2018

Street art, nuova incursione di Banksy a Parigi, là dove osano i topi

scritto da

    I topi sono animali reietti, fastidiosi, per molte persone disgustosi. Nell’immaginario comune vanno sgominati, non importa se utilizzando il veleno per antonomasia, quello per topi appunto, che porta l’animale alla morte solo dopo atroci e lunghe sofferenze. Forse in passato abbiamo addomesticato i gatti proprio per avere dei poliziotti efficienti a disposizione, contro questi piccoli delinquenti delle credenze. Eppure i topi sopravvivono a tutte le nostre trovate: vivono nell’ombra, nascosti e pronti ad appropriarsi di un territorio in cui la presenza umana si faccia debole, non appena se ne presenti l’occasione....

22 Giugno 2018

Tra ricerca e attivismo: l’arte dell’illustratrice italo-nigeriana Diana Ejaita

scritto da

    «Per fare arte devi innanzitutto essere sincero con te stesso perché soltanto così anche gli altri potranno ritrovare una parte di sé nella tua storia»: queste le parole di Diana Ejaita, illustratrice e designer italo-nigeriana oggi di base a Berlino. Nata nel 1985 a Cremona da madre italiana e padre nigeriano, Diana ha dapprima trovato nell’arte una via per superare il trauma e la rabbia di un’infanzia e di una giovinezza vissute in Italia senza mai sentirsi accettata per via del colore della sua pelle. Oggi quella stessa arte è diventata uno strumento di lotta e di impegno politico contro il razzismo e la...

08 Giugno 2018

HELP the Ocean: l’allarme del pianeta lanciato attraverso l’arte

scritto da

    Una serie di gabbioni in rete metallica rivestiti da sei milioni di tappi in plastica colorati che, visti dall’alto, formano le quattro lettere che compongono il classico urlo d’allarme: HELP. L’installazione luminosa “HELP the Ocean” di Maria Cristina Finucci, che dal 9 giugno al 29 luglio sarà posta sui resti della Basilica Giulia nel Foro Romano, è infatti un grido d’aiuto per i mari invasi dalla plastica. L’opera fa parte del ciclo iniziato  nel 2013, con la fondazione di un nuovo Stato Federale, il “Garbage Patch State”, il secondo stato più vasto al mondo con i suoi 16 milioni di kmq, che...

29 Maggio 2018

Eracle al femminile a Siracusa: l’attualità del teatro greco che indaga la fragilità umana

scritto da

    Quando andavo al liceo, la mia insegnante di latino e greco diceva che non si meravigliava più di niente. Eravamo a metà degli anni Novanta, era finita la Prima Repubblica e con essa i partiti, c’era stata tangentopoli e l’ascesa di Silvio Berlusconi. E mentre una parte della società si scopriva improvvisamente vulnerabile, la mia professoressa ci offriva un inedito (almeno per noi adolescenti) punto di vista. «Dopo aver studiato la letteratura greca e latina io non mi stupisco più di nulla – affermava – perché ogni sentimento dell’animo umano, anche gli istinti più bassi, le passioni segrete o le peggiori...

11 Maggio 2018

Donne protagoniste alla mostra “Impressionismo e Avanguardie” al Palazzo Reale di Milano

scritto da

    Una storia della raffigurazione della donna, dall’Impressionismo fino alle Avanguardie storiche. È il percorso nel percorso che si può facilmente riconoscere nell’ambito dell’esposizione Impressionismo e Avanguardie. Capolavori dal Philadelphia Museum of Art, in programma fino al 2 settembre al Palazzo Reale di Milano. Nella selezione dei 50 capolavori provenienti da uno dei più importanti musei americani, infatti, ampio spazio è dato sia alle artiste - Mary Cassatt, Marie Laurencin e Berthe Morisot – sia alla donna come tema iconografico scelto da diversi pittori dell’epoca. Tra questi il  Ritratto di...

30 Aprile 2018

Dati trasformati in opere d'arte

scritto da

  Lei si definisce un’information designer, in realtà  è  molto di più.  Qualcosa di indefinibile per la capacità di trasformare i numeri, come per magia, in vere e proprie opere d’arte. Sto parlando di Giorgia Lupi, founder di Accurat che spiega così il suo lavoro e la sua passione: “I dati sono una lente per comprendere meglio il mondo e la nostra natura umana. Ciò che mi interessa di più, sono quelli che non vediamo”. Fatemi compagnia in questo viaggio inusuale in una disciplina, quella dell’elaborazione dati, che spesso viene vista come fredda, rigida e noiosa e ne resterete stupiti. Cos'è il dato per te?...

06 Marzo 2018

Londra: nel 2021 il più grande museo queer del mondo, ma servirebbe anche in Italia

scritto da

    L’ultimo a dare il suo sostegno è stato Sadik Khan, il sindaco laburista di origine pachistana, che si è detto favorevole all’apertura a Londra del Queer Britain National Museum, il più grande museo LGBT+ del mondo: “Attendo con ansia l'apertura del nuovo museo […], invierà un messaggio chiaro al mondo, e cioè che Londra è un faro di diversità.” Parole importanti e per nulla scontante in un momento di chiusura e paura verso ogni differenza, in Europa, ma non solo. Il progetto parte da un’idea di Joseph Galliano, il giornalista e imprenditore inglese che mettendo insieme personalità della politica,...

13 Febbraio 2018

#Duedidue: imparo la mia nuova vita grazie al tumore

scritto da

    Duedidue. Da sostituire entrambe, pronti via. O meglio, una da sostituire, una, quella ancora autentica, da aumentare per simmetria. Eppure io ci ero affezionata alla mie tette, una prima abbondante, sia chiaro, forse a volte mi accorgevo solo io che c’erano. Ma facevano quello che dovevano fare. Per il mio lavoro, poi, erano l’ideale. Perché quando danzi, il tuo corpo è una matita che disegna figure a ritmo di musica. Le note bisogna sentirle dentro e tradurle in movimento per te e per chi ti guarda, e se sono leggere, devi saper volare. Il mio seno era giusto per me, perché era come non averlo. Niente...

19 Gennaio 2018

Un’astronave su strade di luce. L’arte di Lucio Fontana all’Hangar Bicocca

scritto da

      Non solo noi fan di Star Wars subiamo il fascino irresistibile dello spazio, anche uno dei grandi artisti di quello che ormai è il secolo scorso, Lucio Fontana (Rosario 1899 – 1968 Varese), ne era letteralmente stregato, riteneva la sua conquista da parte dell’uomo un punto di svolta e sognava (per citare la storica sigla di Star Trek) “di giungere là dove nessun uomo è mai giunto prima”. Che non sia io irriverente lo può constatare facilmente chi si rechi in zona Bicocca a Milano, in una delle tappe canoniche per gli amanti dell’arte contemporanea, vale a dire all’HangarBicocca, dove è in corso...