10 Febbraio 2017

Quando la vita irrompe all’improvviso… Le riflessioni di una (bis)mamma

scritto da

Succede che una coppia sogni di formare una famiglia con due figli. Succede che quei figli, però, non arrivino. Succede che la coppia decida di adottare. Succede che arrivi poi una meravigliosa bambina da lontano, con la pelle liscia color dell’ebano. Succede che anni dopo la coppia decida di ricominciare l’iter adottivo per completare la famiglia e il proprio progetto d’amore. Succede che dopo anni a immaginare da quale parte del mondo arriverà il nuovo membro della famiglia, una mattina come tante la vita irrompa a rimescolare le carte con la sua imprevedibilità. Proprio quando l’età è un po’ avanzata e tutto ci si...

27 Gennaio 2017

Truffa delle adozioni in Kirghizistan: al via il processo. "Una ferita che sanguina ancora", la testimonianza di un papà

scritto da

Il caso Kirghizistan arriva in aula. Giovedì 2 febbraio 2017 si terrà al Palazzo di Giustizia di Savona, davanti al giudice Francesco Meloni, l’udienza preliminare relativa all’inchiesta sul caso dell’ente adottivo di Albenga Airone Onlus, accusato di avere truffato 21 coppie con la promessa di adottare un bambino in Kirghizistan. Le coppie avevano già versato le quote richieste per completare l’iter e in molti casi, cosa ancor più grave, già incontrato ed abbracciato quei bambini che sentivano profondamente figli, per poi scoprire in un secondo momento che non erano adottabili. Dalle denunce di alcuni di loro è partita...

13 Gennaio 2017

Nome e identità: il rispetto per i nostri figli

scritto da

“Che belle che sono! E… come si chiamano?“. Puntualmente, dopo la risposta con i nomi delle mie figlie, quante volte mi sono sentita domandare con la faccia stupita e il sorriso di circostanza: “Ah, ma avete tenuto i loro nomi di origine? Come mai?”. È una domanda apparentemente semplice e neutra ma che contiene in filigrana una visione del mondo adottivo basata su una prospettiva adultocentrica, ovvero che mette al centro le esigenze degli adulti e non quelle del bambino. Il concetto fondante alla base dell’adozione, la sua ragione d’essere, è dare una famiglia a un bambino che non ce l’ha e non il contrario. È...

06 Gennaio 2017

Cos'hanno in comune John Lennon, Nelson Mandela, Steve Jobs, Marilyn Monroe e Mario Balotelli?

scritto da

“Mamma, anche John Lennon è stato adottato!”, strilla mia figlia di 12 anni da sotto la coperta sul divano. Da qualche giorno è immersa nella lettura del volume Adottato anche tu? Allora siamo in due! ... o forse di più!, scritto da Sonia Negri e Sara Petoletti e pubblicato recentemente da Ancora Editrice. In realtà Babbo Natale lo ha lasciato sotto l’albero per me, ma mia figlia è stata subito attratta dal titolo e ha iniziato a sfogliarlo. Abbiamo iniziato a leggerne qualche pagina insieme, ma poi si è talmente appassionata alla lettura che spesso la trovo, complici questi giorni ovattati di vacanze natalizie, sdraiata...

23 Dicembre 2016

Un bambino, una foto e la nascita di un legame speciale

scritto da

Il percorso adottivo non è lasciato all’improvvisazione dei singoli, ma è scandito da tappe e passaggi precisi. Tra questi, un momento fondamentale e atteso con trepidazione dalle coppie è il cosiddetto “abbinamento”. Un termine decisamente asettico, che designa in realtà un passaggio dell’iter carico di emozione, quello in cui una coppia per le sue caratteristiche viene individuata dagli addetti ai lavori come la più adatta a diventare il padre e la madre di un preciso bambino (o più, se parliamo di fratelli). Ricordiamo, una volta ancora, che scopo dell'adozione è trovare una famiglia a un bambino che non ce l'ha e non il...

16 Dicembre 2016

Il lungo viaggio verso i nostri figli

scritto da

Una coppia di amici è in partenza per il primo viaggio per conoscere i due fratellini a cui sono stati abbinati poco più di un mese fa. È successo tutto molto in fretta. Talmente in fretta che non hanno avuto neanche il tempo di organizzarsi, non solo mentalmente, che tanto è una causa persa in partenza vista la tempesta di emozioni che il viaggio comporta, ma neanche praticamente. Perché la destinazione è la Siberia, con tutti gli scenari che questo luogo richiama alla mente. Siamo in dicembre, lì non si scherza affatto, parliamo di -30 gradi! Mica ci si può andare con il cappottino milanese da ufficio… Tutto questo mi ha...

07 Dicembre 2016

I padri irlandesi sono i migliori al mondo. Ecco perché.

scritto da

Poco più di tre mesi fa l'Irlanda ha varato una legge sulla paternità (Paternity Leave and Benefit Act 2016) che sta diventando un faro in Europa. Il congedo è di due settimane, spendibile entro 26 settimane dal giorno della nascita o dell'adozione. Un provvedimento universale perché coinvolge tutti i padri, quelli biologici e quelli adottivi, quelli delle famiglie etero e omosessuali. Una rivoluzione passata sotto silenzio in gran parte del mondo, ma che ha raccolto quasi 4.000 domande in poco più di novanta giorni. Di queste circa 3.500 sono state accettate, includendo lavoratori dipendenti e autonomi, commercianti e free...

02 Dicembre 2016

Una scuola aperta all’adozione, un aiuto per famiglie e insegnanti

scritto da

Mia figlia ha concluso la quinta elementare a giugno. Al momento della consegna delle pagelle, la sua maestra di riferimento mi ha guardato negli occhi, velati di emozione esattamente come i suoi, e mi ha detto: “Grazie, grazie per avere portato sua figlia nella nostra classe”. In questa frase sono condensati cinque lunghi anni di cammino: dalla prima elementare, dove una silenziosa (perché non conosceva la lingua) e confusa bambina dai grandi occhioni neri smarriti è stata catapultata a poche settimane dall’arrivo in Italia, fino alla quinta, dove mia figlia è uscita con la definizione (vivaddio!) di “chiacchierona”. Cinque...

25 Novembre 2016

La fantasia: una magnifica risorsa per affrontare i cambiamenti, anche quelli più radicali

scritto da

“Mamma, lo sai che Duch ha deciso di tornare in Polonia domani?” Così ha esordito il figlio di otto anni di una mia amica una mattina di qualche giorno fa al risveglio. Lei, lì per lì, si è un po’ preoccupata, perché Duch (si legge come in tedesco), che in polacco significa fantasma, è l’alter ego di suo figlio, il compagno di giochi, una specie di amico immaginario. E suo figlio è arrivato dalla Polonia quasi un anno fa. E, prontamente, ha incalzato: “Come torna in Polonia? Non sta bene qui con noi? Perché va via?”. “No mamma… è che Duch ha 24 anni e io gliel’ho detto che qui si sta bene… ma lui vuole...

18 Novembre 2016

L'adozione che verrà: quali le famiglie del futuro?

scritto da

“Negli ultimi anni sono cambiati i bambini che arrivano in adozione, ma sono anche cambiate le famiglie. Come affrontare questi cambiamenti? Ci sono tre possibilità, resistere, subirli o accompagnarli, cercando di approfittare degli aspetti positivi e riducendo quelli negativi. Le coppie omosessuali possono essere una risorsa per i bambini di oggi? E l’adozione aperta può aiutare a risolvere il problema delle origini? Il fatto che le famiglie siano sempre più composte da una molteplicità di legami, il fatto che sempre più persone adottate, anche adulte, ci portino il tema dell’importanza delle origini e del legame con la...