14 Ottobre 2017

Lacrosse a Milano: dal Parco Sempione ai Mondiali di Londra senza passare dal via

scritto da

    Stecche in mano, sorriso, teste spettinate e grinta sono gli ingredienti che hanno accompagnato le ragazze del Milano Baggataway alla Ken Galluccio Cup di Ghent il week end del 16 e 17 Settembre. “Le squadre femminili erano in tutto 12, la maggior parte purtroppo molto più forti di noi. Siamo comunque riuscite a batterne 2 arrivando decime. Per la nostra squadra è un ottimo risultato, tenendo conto del fatto che siamo le giocatrici con minore esperienza e prive di alcun supporto sia tecnico sia economico” racconta entusiasta la giovanissima Annetta Ferreri, classe ’96, attaccante della squadra di lacrosse...

30 Settembre 2017

Possiamo essere tutti ironman: la lezione di Xavier Bruchez e Gaetan Daves

scritto da

    Ha percorso 3,86 chilometri spingendo un gommone, 180,26 km trainando una bicicletta speciale, 42,195 km spingendo una carrozzina: no, non è il remake delle fatiche di Ercole ma l’impresa compiuta dall’ironman svizzero Xavier Bruchez la scorsa settimana a Cervia. Un'impresa che, durante il primo evento ironman italiano, è valsa a Xavier la vittoria. Eppure, per l'atleta, la vittoria più grande è stata quella di aver condiviso la gara con il cugino disabile Gaetan Daves, tetraplegico dall’età di due anni. I due avevano già tentato l’impresa a Zurigo durante l’Ironman Switzerland, ma un’improvvisa otite...

28 Settembre 2017

Donne arbitri, tra insulti (ancora troppi) e prime volte (troppo poche)

scritto da

  Le storie, i nomi e i volti sono diversi eppure, tutte, continuano a fare notizia. Sia che si tratti di una donna che arbitra un incontro di tennis tra uomini sia che abbia il fischietto in mano in una partita di calcio della massima serie del campionato tedesco maschile. Il comune denominatore è lo stesso: una donna che arbitra una competizione agonistica maschile fa notizia, un uomo che arbitra un incontro tra donne passa sotto silenzio semplicemente perché è normale e nella logica delle manifestazioni sportive. Due nomi sono tornati all’attenzione delle cronache nelle ultime settimane. Il primo è quello di Eva...

16 Settembre 2017

Bimbinpista: un morso all'atletica per conoscerne il gusto

scritto da

"3, 2, 1... Via!". Nel silenzio echeggia la voce del giudice dopo lo scoppio di pistola. Un gruppo di bimbi concentratissimi si lancia a perdifiato verso la meta che dista 30 metri. C'è chi ha la manina salda in quella della mamma, chi piange disperato mentre il papà lo incita, e persino chi non ha ben capito in che direzione andare. È iniziato così, sabato 9 settembre nel campo sportivo XXV Aprile di Milano, Bimbinpista: una manifestazione traboccante di facce sorridenti, come possono essere quelle di bambini dai 4 ai 12 anni che hanno potuto cimentarsi (gratuitamente) in alcune discipline dell’atletica. I bambini...

02 Settembre 2017

Sara Corazza: il pugilato è un mix di rispetto, coraggio e personalità

scritto da

    “Facevo la quarta superiore e di me si vedevano solo il viso paffuto ricoperto di lentiggini e una nuvola di riccioli rossi. Di sicuro il mio aspetto non mi rendeva molto credibile come pugile. Eppure quella per il ring è la storia d’amore più lunga della mia vita. Me ne sono innamorata la prima volta che sono entrata in una palestra di soli uomini. Mi ricordo ancora che vidi due ragazzi sfidarsi sul ring ma non erano semplici cazzotti. Era un mix di rispetto, coraggio e personalità che mi colpì al punto da spingermi ad andare dal maestro a dirgli che io avrei voluto imparare a fare quella cosa lì”. Da allora di...

19 Agosto 2017

La competizione sana si impara da bambini

scritto da

"Mi piace fare le partite, soprattutto quando vinco io! Però anche se perdo, mi diverto lo stesso. E se perdono i miei compagni, io li consolo"   Ha già capito tutto Federico: l'importanza di saper perdere, di essere attivo membro di una squadra, di divertirsi giocando ma soprattutto l'importanza di essere competitivo rimanendo integro e leale. A 6 anni, in un tema di prima, Federico ha condensato quelli che dovrebbero essere i valori essenziali dello sport. In realtà, la competizione sana non è un valore innato nel bambino anzi, a parte rare eccezioni, il bambino piccolo è egocentrico, vuole vincere a tutti costi, non...

18 Agosto 2017

La neonata Juventus Women giocherà il campionato di calcio di serie A

scritto da

  L’esordio avverrà il 27 agosto in una partita, subito, da brividi: il derby di Coppa Italia contro il Torino (gara di ritorno prevista il 10 settembre). Sarà quello il battesimo ufficiale della Juventus Women, la Prima Squadra femminile della Juventus che parteciperà al campionato di Serie A che inizierà a fine settembre e che vedrà protagoniste altre undici formazioni: Fiorentina, Sassuolo, Empoli, Brescia, Valpolicella, Mozzanica, Pink Sport Time Bari, Roma, San Zaccaria, Tavagnacco e Verona.   La Juventus ha infatti acquistato il titolo sportivo del Cuneo Calcio Femminile, già militante nella massima serie,...

10 Agosto 2017

La lunga estate calda delle due ex chichis: Roberta Vinci vittima del furto dei trofei di una carriera, Sara Errani squalificata due mesi per doping

scritto da

    Insieme hanno vinto 22 titoli, tra cui cinque tornei del Grande Slam (Roland Garros e US Open 2012, Australian Open 2013 e 2014, Wimbledon 2014, completando il cosiddetto  “Career Grand Slam”), un’edizione degli Internazionali BNL d’Italia (2012), sono state le n.1 del mondo in doppio oltre a essere il pilastro della squadra azzurra di Fed Cup. Fino alla rottura nel marzo 2015, tante voci sui reali motivi, nessuna conferma concreta. Di nuovo insieme solo per la causa olimpica a Rio 2016, un’avventura conclusasi, però, senza medaglie nei quarti di finale. Roberta Vinci e Sara Errani in questo torrido mese...

05 Agosto 2017

Un'arbitro donna in campo fra i cestiti italiani

scritto da

  Qualche mese fa la cronaca ci ha raccontato una storia stupefacente: un giovane arbitro di rugby,  Maria Beatrice Benvenuti, placcata da un giocatore in modo molto aggressivo. Nessuna giustificazione al gesto antisportivo, che è costato una poco piacevole corsa in ospedale alla ragazza. "Da arbitro credo che le contestazioni ci possano sempre essere (se riportate con educazione). In nessun caso però sono da scusare atti di violenza. Sicuramente l'aggravante è che l'arbitro fosse donna, ma non perché noi donne siamo inferiori ma semplicemente perché la differenza fisica 90 kg lui e 50 kg lei, avrebbe potuto causare serissimi...

27 Luglio 2017

Federica Pellegrini, il settimo sigillo mondiale consecutivo per dire… basta!

scritto da

  La vita, si dice, ti dà e ti toglie. Lo scorso anno alle Olimpiadi di Rio una medaglia nella sua gara regina, i 200 metri stile libero, che tutti si aspettavano, lei compresa, si è trasformata in un quarto posto difficile da digerire. Una delusione talmente cocente che aveva portato la Fede nazionale a dire basta. Poi il ripensamento: la mia vita è il nuoto, vado avanti fino a Tokyo 2020. Un anno dopo, ai Mondiali di Budapest, una medaglia sempre nei 200 metri stile libero aveva per tutti, lei per prima, un grande punto interrogativo. Invece, è arrivata addirittura quella d’oro battendo la favoritissima americana Katie...