21 Dicembre 2017

Le Startup aumentano del 74% in 2 anni, ma non sono ancora un affare per donne

scritto da

      Le startup italiane innovative sono aumentate del 74% nel giro di due anni, hanno un elevato tasso di sopravvivenza (a due anni stabile intorno al 95%), ma, stando ai numeri, non sembrano ancora un affare per donne.  E’ il quadro tracciato dalla Relazione annuale del ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, al parlamento sullo Startup Act italiano, riferita al 30 giugno 2017. Il 79,6% dei soci delle startup sono uomini e il 20,4% sono donne. Inoltre le donne possiedono la maggioranza delle quote in appena 15% dei casi. Va meglio ai giovani: il 21,5% delle startup ha in maggioranza soci under 35, una...

21 Dicembre 2017

Il vero panettone? Un corpo a corpo con il lievito madre

scritto da

    Una laurea in Economia e Commercio avrebbe dovuto aprirle altre carriere. Ma Carmen Vecchione, 43 anni, di Avellino, ha scelto il corpo a corpo con il lievito madre e oggi è una delle rare donne annoverate tra i Maestri del Panettone, indiscutibilmente artigianale, vincitrice di diversi premi nazionali per la sua arte pasticcera. "Ho sempre avuto la passione per la cucina, anche se ho seguito un percorso di studi diversi, più tranquillizzante soprattutto per i miei genitori", racconta, "ma avevo chiaro che la mia strada era diversa e dopo la pratica come cuoca in un ristorante di un amico, ho scelto la pasticceria. Ci...

20 Dicembre 2017

In Tim meno di un dirigente su 5 è donna, ma in futuro la percentuale salirà

scritto da

  "Quanto più un'azienda è consapevole che, per essere efficace e soddisfare i propri clienti, deve partire dalle persone che la popolano e le mette in condizione di potere esprimere se stesse, quanto più l'inclusione entra nell'agenda di quell'azienda". Ne è convinto Andrea Iapichino, responsabile People Caring di Tim. L’amministratore delegato Amos Genish lo ha confermato parlando alla “Tim Equity & Inclusion Week”: “La diversità e l’inclusione sono elementi chiave nella costruzione di una cultura vincente, nella quale le persone sono spinte a contribuire al meglio per soddisfare i bisogni dei clienti incontrando...

19 Dicembre 2017

Nel cottage di Rita il precariato si è trasformato in un'opportunità di crescita.

scritto da

      Renée Michel, la pittoresca protagonista del best seller “L’eleganza del riccio”, è all’apparenza una comune portinaia. In realtà possiede una cultura invidiabile, accumula libri, conosce finemente la filosofia e la storia dell’arte, ma dissimula questo sapere con una vita ordinaria e sfrontatamente sciatta. Si tratta di un personaggio romanzesco, che si alimenta di una cultura fine a se stessa, senza velleità professionali. Ma non posso fare a meno di pensare a lei quando incontro persone come Mara, cameriera in un bistrot che frequento piuttosto abitualmente. Mara ha un percorso di studi lineare: ha...

19 Dicembre 2017

F-Lane: il programma di accelerazione per l’empowerment femminile di Vodafone

scritto da

  Nell'Africa orientale le visite oculistiche e gli occhiali da vista costano in media 300 dollari: una cifra inaccessibile per la maggior parte delle persone che abitano in quell’area geografica, e soprattutto per i bambini. Per risolvere questo problema l’ex manager Brenda Katwesigye ha creato Wazi Vision: una startup che ha inventato uno speciale tipo di occhiali e un’app per esami a domicilio. A eseguirli sono le mamme, che Brenda ha coinvolto nel progetto, riducendo così i costi per un paio di occhiali ad appena 20 dollari. Securella, invece, è un’app creata da un team di sviluppatori del Marocco guidato da Samia...

05 Dicembre 2017

Xennials, inventarsi un lavoro che ci renda felici

scritto da

      Un tempo la questione era molto semplice: una persona poteva lavorare oppure no. Al massimo ci si poteva spingere a categorizzare se la tal persona aveva un buon lavoro oppure no, laddove il “buon lavoro” rispondeva a criteri prevalentemente di prestigio sociale o di sicurezza contrattuale, come il lavoro pubblico. Oggi, nel 2017, la situazione è tremendamente complicata, parcellizata, sfaccettata. In principio è stato il lavoro precario, poi il lavoro a chiamata, poi la partita iva ma con orari da ufficio, poi molti si sono resi conto che tanto valeva mettersi in proprio, qualcuno ha scoperto di poter arrotondare...

30 Novembre 2017

A Napoli un modello virtuoso per tutelare il patrimonio e rilanciare l’occupazione dei giovani

scritto da

    «Ragazzi andate avanti così, non vi fermate».   Quanti sono i giovani che oggi possono dire di sentirsi incoraggiati a credere e a realizzare i loro sogni? E quanti sono quelli che possono dire di aver ricevuto questo sostegno soprattutto al Sud, in un quartiere popolare di Napoli, come Rione Sanità? E’ spesso più facile - e frequente - incentivare a lasciare la propria terra, a cercare la fortuna altrove, al Nord o all’estero, in un’eterna rincorsa al miraggio di qualcosa di più bello. Qui, invece, è successo esattamente il contrario. Qui si è sviluppato un modello che ha fatto scuola. Dapprima le parole di...

29 Novembre 2017

Un premio internazionale per imprese e startup a forte rilevanza sociale

scritto da

    C’è tempo fino al 4 dicembre per iscriversi all’Italian Round della Global Social Venture Competition, concorso internazionale, ideato e promosso dalla HAAS School of Business di Berkeley, che intende favorire la nascita e lo sviluppo di nuove imprese a forte rilevanza sociale (social venture). Le social venture candidabili, profit o non profit, devono essere finanziariamente sostenibili e includere parametri quantificabili di impatto sociale e/o ambientale . A organizzare l’Italian Round è ALTIS – Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Alla GSVC è associato, per...

09 Novembre 2017

#Shemeansbusiness: perché Facebook punta sull'imprenditoria femminile

scritto da

    Un programma globale per supportare le donne che fanno impresa a far crescere il proprio business e ispirare tutte coloro che sognano di avviare un'attività imprenditoriale. È questo l'intento con cui Facebook e Instagram hanno creato #SheMeansBusiness, iniziativa lanciata in Italia in collaborazione con Fondazione Mondo Digitale (associazione no profit che si occupa di innovazione e inclusione), che si propone di formare, nel corso del 2018, 3500 donne. "Una pmi italiana su cinque (21,8%) è guidata da una donna. Mentre se guardiamo alle pagine Facebook di piccole e medie imprese, la percentuale di aziende che fanno capo...

07 Novembre 2017

Da manager a illustratrice per bambini al bivio "maternità o carriera"

scritto da

    “A un certo punto capisci che conosci meglio i tuoi collaboratori che i tuoi figli. E scegli”. Quella di Sofia Masiello, 52 anni, madre di due figli, fino al 2014 manager del settore comunicazione, potrebbe sembrare l’ennesima variabile di un copione che molte donne conoscono. Quel bivio a cui si arriva a un certo punto, quel punto che si chiama maternità: carriera o famiglia. Sofia Masiello però, fino al 2014 direttore della comunicazione di una delle società leader in Europa nei servizi tecnologici finanziari, oggi aspirante illustratrice di libri per bambini, racconta un’altra storia, con colori e sfumature...