18 Aprile 2017

Valentina Scotti: privilegiata sì, ma lavoro ogni giorno per guadagnarmi il mio posto

scritto da

Se mi sento una privilegiata? Sì, molto. Difficilmente altrove avrei avuto l’opportunità di guidare a trent’anni un'azienda che fattura 23 milioni di euro l’anno. Ma il mio spazio me lo sono saputo anche guadagnare, se non fossi riuscita a conquistarmi un ruolo, sarei andata altrove”. A parlare è Valentina Scotti, 33 anni, amministratore delegato di Riso Scotti Danubio e amministratore unico della società Scotteria, cui fa capo il progetto retail So’Riso. Valentina è figlia di  Dario, presidente e amministratore delegato della Riso Scotti, gruppo con un giro d’affari di 210 milioni di euro. Valentina Scotti,...

12 Aprile 2017

23 milioni di dollari in meno, se sei un'imprenditrice donna

scritto da

Non importa sei hai intuito l'affare del secolo. Non importa sei hai elaborato un business plan inattaccabile. Per il solo fatto di essere un'imprenditrice donna, se anche troverai un finanziatore disposto a credere in te riceverai al massimo 77 milioni di dollari. Mentre il tuo diretto concorrente di sesso maschile, per quella stessa idea, di milioni ne riceverà 100. Il gender gap non è solo negli stipendi. È anche nei finanziamenti  alle nuove imprese. Lo racconta uno studio di Bloomberg: dai venture capitalist le imprenditrici -  quanto meno quelle americane - raccolgono sempre meno fondi degli uomini. Il rapporto 77 a 100, fra...

11 Aprile 2017

Le magnifiche quattro innovatrici in Europa

scritto da

L’Europa ha il suo poker di donne dell’innovazione anche per il 2017. La cerimonia di premiazione dell’EU Prize for Women Innovators si è svolta a Bruxelles alla presenza di Carlos Moedas, commissario europeo per Ricerca, Scienza e Innovazione e  Mairead McGuinness, vicepresidente del Parlamento Europeo. Michela Magas[/caption] Al primo posto, con un riconoscimento di 100mila euro, Michela Magas, di nazionalità croata e inglese, che ha fondato Stromatolite, Design Innovation Lab che ha l’obiettivo di mettere a disposizione tools tecnologici e creativi e sistemi di per l’innovazione.  Spin off di Stromatolite è Music...

05 Aprile 2017

Girls in Motion, un viaggio contro il tabù donne-scienza

scritto da

Donne e tecnologie, donne e carriera in aziende che richiedono competenze tecnico-scientifiche: un binomio che ancora fatica tanto a decollare, un tabù da abbattere. Bisogna convincere le ragazze a dire basta a numeri che purtroppo fanno impressione: meno del 20% degli iscritti agli istituti tecnici o alle facoltà tecnico-scientifiche sono ragazze. E purtroppo c’è un  60,3% delle ragazze che dice che nelle aree tecniche ci sono poche donne a causa di stereotipi sociali e culturali e un  55% delle giovani ragazze che sostiene di non avere sufficienti modelli femminili a cui ispirarsi. Per abbattere i pregiudizi che vedono ancora...

04 Aprile 2017

L'ostetrica-startupper che reinventa il parto in acqua

scritto da

Un sogno”. Nel senso di obiettivo talmente alto da sembrare irraggiungibile?. “No, io l’ho proprio vista in sogno, quella vasca”. A parlare è Alessia Selmin, 28 anni, ostetrica padovana,  che sei anni fa ha avuto l’intuizione di realizzare una vasca innovativa per il parto in acqua. A quell’idea , visualizzata in una dimensione onirica, sono seguiti due brevetti molto reali, uno per l’Italia e uno esteso a diversi paesi. L’intuizione è poi diventata prototipo grazie a un investitore, l'imprenditore Aldinio Colbacchini, che guida la Solera Thermoform Group di Torreglia. “Ha realizzato un investimento di circa...

30 Marzo 2017

Riccardo Canella, sous chef a Copenaghen: l'alta cucina del futuro è un'impresa

scritto da

Ci sono lavori per i quali avere trent’anni significa aver già percorso un bel pezzo di strada. In cucina, per esempio, essere un millennial equivale ad avere oltre dieci anni di lavoro alle spalle e aver maturato la consapevolezza che serve ampliare il proprio sguardo (e la propria testa) per fare bene il proprio mestiere. “Ho lavorato con grandi chef italiani (Biasetto, Marchesi, Alajmo ndr.) ma se non avessi lasciato l’Italia – racconta Riccardo Canella, 31 anni, sous chef al Noma di Copenaghen - non mi sarei mai reso conto di tutto quello che serve per fare di un ristorante un’impresa. Non avrei capito che la cucina è...

22 Marzo 2017

Una americana a Verona: nasce la startup degli abiti premaman che proteggono dal virus Zika

scritto da

Un'idea giovanissima: Sarah, imprenditrice, ha 28 anni e una formazione nel mondo del design e del giornalismo; Matilde, commercialista specializzata in startup, ne ha 30. Esistono tre modi per costituire una startup. Il primo è quello tradizionale. Il secondo consente di costituire la società con la sola firma digitale: in questo caso l’aspirante imprenditore predispone, in autonomia, la documentazione e la invia alla Camera di Commercio per via telematica tramite il portale Telemaco, accedendo dal sito startup.registroimprese.it. La terza via - quella che raccontiamo qui - è quella in cui l’aspirante imprenditore chiede la...

21 Marzo 2017

Patti di famiglia, ricambio generazionale e strategie di crescita di Illycaffé raccontate dalla quarta generazione degli imprenditori

scritto da

A Trieste raggiungere illycaffè è semplice: arrivati nella zona industriale, si segue il profumo di caffè. Non si può sbagliare. Entro in azienda e, inaspettatamente, mi accoglie Anna Illy che da oltre 50 anni è la vera padrona di casa e che per decenni, con il marito Ernesto Illy e i quattro figli, ha guidato i vertici aziendali di illycaffè ed oggi ne ricopre la carica di Presidente Onorario. Poco dopo arriva la nipote Daria Illy e in pochi semplici gesti si consuma davanti ai miei occhi un passaggio di testimone familiare e istituzionale al tempo stesso. Due donne e due generazioni a confronto. Lo sguardo e le parole che...

21 Marzo 2017

La startup che mette il tumore "tra parentesi"

scritto da

E ora devo tornare a vivere come prima. Ma come? Mi sento travolta dai riti quotidiani, come un criceto sulla ruota, e non ho ancora trovato un momento per fare il punto della situazione”. Lo scriveva nel suo blog la giornalista Francesca Del Rosso, alias Wondy, all’indomani del secondo ciclo di chemioterapia. Lei, che aveva raccontato la sua lotta contro il tumore chiamandola “chemioavventure”, un diario che andava oltre la sensibilizzazione per la prevenzione e la ricerca e ci faceva ricordare che i malati di tumore sono, innanzitutto, vivi.  All’esigenza di condurre, tra una battaglia e l’altra contro la malattia, una...

15 Marzo 2017

Aviva Community Fund: donazioni fino a 15 mila euro per progetti non profit

scritto da

C’è chi ha proposto laboratori per donne con disabilità, chi ha riqualificato aree del territorio prima abbandonate, e chi, invece, ha organizzato attività di dopo scuola per i bambini delle periferie. Sono solo alcuni dei progetti finanziati con l’Aviva Community Fund: il fondo benefico che Aviva mette a disposizione delle organizzazioni non profit attive a livello locale. L’iniziativa, lanciata nel 2015 con il patrocinio della presidenza del Consiglio dei ministri, torna per il secondo anno e punta a finanziare 18 di organizzazioni che operano nel settore della salute, dell'infanzia e dei giovani o della riqualificazione del...