15 Agosto 2017

Agnese Manni: "E' difficile fare l'editore al Sud"

scritto da

  Fare l'editore oggi è una vocazione, anche se non è certamente cosa facile, poiché si parla di un settore perennemente in affanno. Farlo al Sud, ed in particolare in Puglia, regione che si posiziona sempre tra gli ultimi posti per numero di lettori, secondo le  recenti classifiche Istat, richiede indubbiamente sforzi  significativi. Perché le difficoltà  sono tante, a cominciare dall'accesso al credito, in particolare per le case editrici più piccole, per finire alla gestione del magazzino. Ne abbiamo parlato con Agnese Manni, direttore editoriale di Manni Editore, casa editrice fondata a Lecce a metà degli anni Ottanta...

08 Agosto 2017

Da consulente a startupper, il mio business oggi è Homepal

scritto da

  “Dopo tanti anni di business plan e business model realizzati per clienti, ho sentito che era arrivato il momento di impegnarmi per qualcosa di mio e quando mi hanno proposto l’idea di Homepal, l’ho abbracciata con entusiasmo”. Così Monica Regazzi, con una importante esperienza professionale in JP Morgan e Boston Consulting Group, oggi cofondatrice e amministratore delegato di Homepal, una startup nata per disintermediare il settore immobiliare. “Si tratta di una piattaforma online per la compravendita e l’affitto di immobili residenziali tra privati, un vero e proprio marketplace perché permette di arrivare...

02 Agosto 2017

La startup del social network italiano per studenti alla conquista dell'Europa

scritto da

    La storia di Gabriele Giugliano sembra presa in prestito dalla Silicon Valley. E invece è una storia tutta italiana. Gabriele ha 25 anni ed è uno studente universitario romano di marketing e comunicazione. Qualche anno fa assieme ad altri due studenti, Nicolò Bardi e Martina Mattone, ha presentato il progetto di un social network per mettere in connessione gli studenti che fanno lo stesso cammino universitario. Con lo scopo di scambiarsi appunti, informazioni sui prof, richieste di ripetizioni private. Ne è nata una società, Tutored, che segue gli studenti anche dopo la laurea, consentendo loro di entrare in contatto...

27 Luglio 2017

Led By HER: se la violenza si sconfigge facendo impresa

scritto da

    L'idea di Led By HER è venuta a Chiara Condi - 32 anni, origini italiane e una vita passata a studiare i temi dell'esclusione sociale tra Usa e Francia - mentre lavorava alla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo. "All'epoca mi occupavo di valutare l'impatto sociale ed economico dei progetti dedicati alle donne. E nelle mie analisi mi sono resa conto che se si vuole davvero ridurre il gender gap, la chiave su cui bisogna puntare è l'empowerment economico femminile", rivela Condi. Un tema che diventa ancora più importante quando  parla di vittime di violenza. In Francia, secondo le statistiche ufficiali una...

25 Luglio 2017

E io mi faccio il faro: diventare imprenditori con i bandi di gara del Demanio

scritto da

    Erano undici i fari italiani proposti per l’affidamento in concessione nel 2015 dall’Agenzia del Demanio, insieme a ministero della Difesa (tramite Difesa Servizi spa) ed enti territoriali, nell'ambito del progetto Valore Paese Fari. A vincere il bando per l’affidamento di quello di Brucoli, ad Augusta, in provincia di Siracusa, è stata la società Azzurra Capital. “A marzo 2016 abbiamo scoperto di esserci aggiudicati la concessione per cinquant’anni – racconta Emanuela Mattioli, 35 anni, una dei quattro soci che ha partecipato all’iniziativa e già titolare di una agenzia di marketing e comunicazione di...

20 Luglio 2017

Maya Reik la stilista israeliana teenager che produce in Italia

scritto da

  Maya Reik si è innamorata della moda italiana durante un viaggio a Roma, quando aveva solo sei anni anni. "Ricordo di essere rimasta affascinata dal modo di vestire delle donne, così diverso da ciò a cui ero abituata a vedere in Israele. Mi sembrava di essere dentro un vecchio film, e l'unica cosa che desideravo era continuare a farvi parte" racconta ad Alley Oop. Così, mentre la maggior parte dei bambini non riusciva ancora a distinguere il dritto e il rovescio dei pantaloni, lei decideva di diventare una stilista. Attenzione: a dispetto della solennità delle parole, Maya Reik non è una vecchia signora impellicciata...

12 Luglio 2017

Quando la start-up è donna: dalla Spagna all'Indonesia, tutti i record al femminile

scritto da

Non è una questione di creatività. E il duende non c'entra nulla. E' semplicemente un fatto di statistica: in Europa, la Spagna è il Paese che più di tutti ha ridotto il gender gap tra gli startupper. Detto coi numeri, ogni 100 uomini che si lanciano in una nuova impresa a Madrid, ci sono 81 donne che fanno altrettanto. E' scritto nell'edizione 2017 del Global Entrepreneurship Monitor, il rapporto sull'imprenditorialità nel mondo curato da un manipolo di atenei europei e americani. Per gli autori dello studio, il concetto di start-up è in senso lato: non solo i new business innovativi e tecnologici, ma qualsiasi attività...

04 Luglio 2017

Da Pescara ai mercati esteri, fare impresa cominciando solo con un'auto

scritto da

  Inizia dalla fine, dall’ultima domanda l’intervista a Maria Parnazzini, imprenditrice del settore del coiffeur dagli inizi degli anni Novanta. La storia professionale non può prescindere dalla vita di madre di Nico e Alessandro, entrambi amministratore delegato della Nuova Fapam, azienda al 100% italiana di prodotti e servizi per i parrucchieri. «Vederli operare al vertice dell’azienda che ho fondato, contribuendo a farla crescere e portando avanti i valori della famiglia è il mio orgoglio e la mia soddisfazione più grande». Il Sud, per altro, è risultato, secondo gli ultimi dati Unioncamere, campione di imprese al...

27 Giugno 2017

Arriva anche in Italia il progetto Women Angels for Europe’s Entrepreneurs

scritto da

  “Per individuare le azioni necessarie per coinvolgere un sempre maggior numero di donne l'Associazione, insieme ad altri sette partner attivi in Europa, sta gestendo un importante progetto WA4E - Women Angels for Europe’s Entrepreneurs - coordinato da Business Angel Europe e sostenuto e finanziato dall'Unione Europea, di cui presenteremo i risultati nei prossimi mesi”.   Paolo Anselmo, presidente di IBAN (Italian Business Angels Network), ha chiaro il fatto che la crescita delle donne come business angel, in termini numerici e di capacità di investimento, può fare la differenza. Per questo anche la divisione italiana...

20 Giugno 2017

Consigli d'investimento all'insegna della diversity? Una strada ancora in salita

scritto da

Nel giro di pochi anni le donne potrebbero arrivare a controlalre due terzi della ricchezza privata. Almeno negli Stati Uniti e questo grazie a separazioni, divorzi ed eredità soprattutto. Eppure, anche a guardare gli Stati Uniti, paese decisamente più aperto a certe dinamiche, nemmeno un terzo dei consulenti finanziari portano la gonna. Come è noto, nell'industria dei servizi finanziari la diversity è ai minimi livelli: c'è una percentuale notevolmente ridotta tra i consiglieri di minoranza (il 6% è nero, il 7,7% asiatici e il 7,1% sono ispanici) e non molte sono le donne; nel 2016 il 31,6% di tutti i financial planner 2016 erano...