Nicoletta Polla Mattiot

Lavoro con le parole, ma mi occupo di silenzi. Sono così convinta che sappiano comunicare (a volte anche meglio delle parole) che ho fondato, insieme a un filosofo dell'educazione, un’Accademia per studiarli. Ho lavorato per vent’anni nei periodici femminili, ma quello che so sulle donne (e sul bisogno di uscire allo scoperto) lo devo al primo progetto a cui ho dedicato l’anima, “Un fiore per le donne di Kabul”. Da qui all’ultimo (per ora!) progetto femminile, “Women for Expo” sono passati quasi vent’anni, ma l’anima è rimasta la stessa. Mi occupo di un giornale, How to Spend it, che ha nel nome la sua identità e penso che il modo migliore di spendere il proprio tempo sia essere se stessi e regalarsi una storia coerente con noi. L’how to mi ha insegnato a spostare l’attenzione dal perché al come e anche questa è una buona lezione, non solo per scrivere.
25 Settembre 2017

Liceo classico, moda e ritorno di eroi e miti greci. Ne parliamo con Salvatore Settis

      Quanto sono contemporanei i classici? La domanda ricorre periodicamente in contesti familiari o didattici, specialmente a inizio anno, quando aprono le iscrizioni alle superiori. E’ troppo presto per sapere che cosa succederà a gennaio 2018, ma l’interesse per il liceo classico è pressoché stazionario e si assesta, con molti picchi verso il basso e qualche timida ripresa (+0,1% nel 2016, +0,5% nel 2017), a un modesto 6,6% del totale degli studenti. Pesa certamente, nella scelta, anzi nella non-scelta, la convinzione che, nell’era di web, social e globalizzazione, a due lingue morte come greco e latino, siano...

07 Agosto 2017

Tullio Pericoli: letture, riletture e visioni per l'estate

  «Abbiamo tutti a disposizione una doppia coppia di occhi: due sulla fronte e due nella mente. Se ci si allena a spalancarli entrambi, l’incanto è lì, a portata di mano». Viaggiare è sempre un’ottima occasione per perdersi, andare altrove e ritrovarsi. Approfittando del balsamico cambio di ritmo e abitudini delle vacanze, l’estate è il momento ideale per incontrare Tullio Pericoli e farsi guidare in un’esplorazione così insolita da non mettere confini fra paesaggio esterno e interiore, fra quel che si vede e quel che si sente. Si può partire subito, o persino stare a casa, visto che l’immaginazione non fa...

13 Luglio 2017

Michela Marzano: «L'amore è tutto, anche se non completa mai il puzzle della nostra vita»

    Il lusso della mancanza: è uno strano punto di vista quello che stiamo per esplorare con Michela Marzano. Se consumismo e benessere hanno finito per far coincidere appagamento e riempimento, spostare l’attenzione dal pieno al vuoto, più che una provocazione, è una vertigine. Eppure, come dicono gli esperti di tao, è il non-c’è del vaso che lo rende vaso, il non-c’è della casa che ne fa una casa, cioè uno spazio da abitare e non delle semplici pareti. Marzano, che insegna filosofia morale all’Università di Parigi Descartes, lo spiega con sguardo occidentale e le parole della psicoanalisi e di Jacques Lacan:...

14 Giugno 2017

Guido Tonelli, il silenzio e l'organizzazione aziendale dopo il bosone di Higgs

«Lo zero è pieno di numeri. Il silenzio è pieno di suoni». Se c’è un privilegio nell’incontrare un fisico come Guido Tonelli - lo scienziato del bosone di Higgs, quello che ha dato al mondo la notizia della scoperta della particella di Dio - è capovolgere la prospettiva. L’invisibile esiste, il tangibile è inconsistente, l’eccezione è la regola, l’astrazione è molto concreta e via dicendo. Così, pensi di intervistarlo su quark, fotoni, elettroni e finisci per parlare di filosofia e del senso della vita. «E’ ovvio che, nel momento in cui ti chiedi da dove viene la meraviglia materiale che ci circonda, com’è nato...