In Puglia le nuove sfide del coworking nella (non) conferenza nazionale

scritto da il 10 Ottobre 2017

 

portfolio_intarsi-1

 

Incontrarsi a Sud per scambiare esperienze e mettere a confronto idee e strategie. Espresso Coworking è stata una (non) conferenza nazionale, giunta alla sua sesta edizione, per parlare di coworking e di modelli di lavoro. Si è tenuta a Racale, in provincia di Lecce, a fine settembre, dopo Alessandria, Roma, Firenze, Milano, Montepulciano (Siena). L’evento, che rientra nel programma “Mettici le mani” finanziato dalla Regione Puglia, si è svolto grazie all’invito lanciato dai soci di Staisinergico, associazione di promozione sociale di Racale: dunque, un’edizione in versione “mediterranea” che non poteva non partire dai temi della terra, del lavoro e delle relazioni che da essa scaturiscono.

staisinergico«Da qualche anno cerchiamo di portare avanti un’idea di ruralità che vada aldilà della definizione legata all’agricoltura o alla campagna – spiegano dal Coworking a Sud di Racale – un’idea che contenga ad esempio anche il turismo come momento di co-progettazione di sviluppo locale, e un fare tutto mediterraneo, un’attitudine inclusiva che metta al centro sempre le relazioni, le persone, l’autenticità e i tempi che ci sono propri. Non abbiamo applicato a Racale un modello di coworking importato dalle città, o dal nord. Piuttosto abbiamo ascoltato molto la comunità e abbiamo disegnato un piccolo modello nostro, che in realtà è ancora in costruzione. Per questo abbiamo fortemente voluto qui questa importante occasione di confronto».

foglia-simmetria-cuoreNella due giorni di Espresso Coworking si è giunti alla consapevolezza che non esiste un solo modello di coworking, ma che esso deve potersi adattare ai luoghi e alle esperienze, rispettando bisogni e storie. Condivisione e contaminazione sono state le parole chiave su cui investire energie e risorse, per permettere anche alle realtà piccole di emergere: EC17 ha anche sottolineato il loro ruolo strategico per attivare percorsi di partecipazione e di micro economia, dando così linfa al territorio.

portfolio_boccacci-2Il coworking è oggi un realtà in continua evoluzione e in grande espansione in tutta Italia: non è solo uno spazio da condividere, ma una vera e propria risposta al cambiamento in atto nel mondo del lavoro. Secondo le stime presentate nel 2017 Global Coworking Survey, entro la fine del 2017, nel mondo, oltre un milione di persone lavorerà in un coworking che si sta trasformando da semplice fornitore di servizi a soggetto-attore che opera nel mercato del lavoro.

roberto-corvaglia-ec-5Oltre a Staisinergico, erano presenti Lab121, una community di professionisti, imprenditori e lavoratori dipendenti che collaborano volontariamente alla gestione del coworking e del FabLab di Alessandria, promuovendo incontri di networking e percorsi di formazione, Warehouse Coworking Factory, dalle Marche, che si occupa di promozione e facilitazione della nascita di nuove imprese, con particolare attenzione all’impresa sociale e a progetti di innovazione sociale. Da Roma era presente Millepiani, un coworking che nasce nello spazio pubblico Urban Center di Garbatella, aperto al territorio, alle nuove startup, alle associazioni, alle reti territoriali e cittadine.

Casa Netural è una casa, a Matera, che aggrega persone da tutto il mondo, in cui ispirarsi, rigenerarsi e concretizzare le proprie idee attorno ai temi dell’innovazione sociale, culturale e creativa. Infine, Multiverso, un coworking di seconda generazione, con sedi tra la Toscana e l’Umbria. La cifra distintiva del progetto è l’impegno nella cura della community che abita lo spazio e la promozione delle professionalità che essa esprime. Di recente ha avviato collaborazioni con grandi aziende cogliendo le opportunità della recente legge sullo smart working.

Cinque i tavoli di lavoro, ciascuno su un tema specifico, organizzati durante la due giorni: formalizzazione dei rapporti professionali tra coworking, coworker e imprese; avvicinamento e dialogo tra scuola, imprese e coworking, in particolare su come i coworking possano diventare partner privilegiati per gli istituti scolastici nel costruire percorsi finalizzati all’autoimprenditorialità; inoltre, turismo e coworking come piattaforma per la valorizzazione del territorio; coworking come incubatore di idee e generatore di nuove imprese; coworking nelle imprese: lo smartworking.

 

portfolio_espresso-coworking