Alley Oop


L’altra metà del Sole

31 Dicembre 2016

L'ultimo secondo del 2016

scritto da

Meno tre, meno due, meno… No, no, no. Aspettate un attimo. Voglio quest’ultimo secondo tutto per me. Per me chi? Ma il 2016, l’anno che tutti i musicofili abbastanza grandi negli anni ’80 hanno stramaledetto (David Bowie, Prince e George Michael… Oh, sono morti anche Umberto Eco, Dario Fo, Umberto Veronesi, ve lo ricordate?), quello più caldo di sempre (fino all’anno prossimo), ecc, ecc. E io? Volete sapere come mi sento? Non tanto bene. Diciamo che il primo gennaio mica me l’aspettavo che sarebbe andata così, anche perché la prima cosa che mi ricordo è Fabiola Gianotti presidente del CERN… Febbraio però è...

31 Dicembre 2016

Le 5 foto memorabili del 2016 scelte da Alley Oop

scritto da

Scorrono i titoli di coda sul 2106, un anno difficile che tanti non vedono l’ora finisca, per me invece un anno importante, nell’ultima parte del quale – anzi, posso dire come a scuola: nell’ultimo quadrimestre – ho avuto la possibilità di condividere l’avventura di Alley Oop. Se penso a quel che questa esperienza mi sta dando è davvero molto: mi permette di recuperare la mia passione per la scrittura e di utilizzarla per riflettere sulla fotografia e le arti visive, con le quali quotidianamente lavoro. Colgo l’occasione dell’ultimo post del 2016 per stilare la mia personale classifica delle 5 foto dell’anno.

31 Dicembre 2016

Imparare a cambiare prospettiva, il goal del 2016

scritto da

La lezione del 2016? Imparare a cambiare la prospettiva da cui si guarda al mondo. E non è poco. Mi è capitato diverse volte leggendo post di miei compagni di viaggio, qui su Alley Oop. Penso agli interventi di Riccarda Zezza, che insieme al suo team con Maam, Maternity as a Master, ha dato la risposta più efficace alle aziende: ha trasformato la maternità in una leva per la produttività con un documentato lavoro di ricerca scientifica, utilizzando il linguaggio dell’economia, lasciando da parte ideologia e pietismo. Penso ai post di Federico Vercellino, un papà che, mentre impara a fare la treccia a sua figlia, racconta...

31 Dicembre 2016

Tre cose che ho scoperto nel 2016

scritto da

Son passati veloci questi mesi 9 mesi del 2016 da quando è iniziata la mia collaborazione con il blog Alley Oop. Veloci ma anche intensi: scrivere di moda, immagine e stile, tendenze e fenomeni di costume in linea con lo spirito di questa prestigiosa testata non è sicuramente facile (io che giornalista non sono e che non ho la scrittura nel mio DNA), ma è anche un'esperienza unica che mi ha arricchita e mi arricchisce ogni giorno. Sono grata alle persone che mi hanno accolto nel team, e alle dinamiche di questo gruppo di lavoro fatto di uomini e donne estremamente eterogenei per carattere, età, formazione, professione, stile...

31 Dicembre 2016

Quattro, anzi cinque, cose che ho imparato da Alley Oop nel 2016

scritto da

Diciamoci la verità. Per chi corre tutta la settimana tra un mezzo pubblico e l’altro, le scarpe con il tacco sono un problema. Grate, scale mobili e scalini sono sempre in agguato. Peggio ancora quando il meteo non aiuta e piove a dirotto. Purtroppo, però, ci sono alcune circostanze in cui il tacco è praticamente d’obbligo: appuntamenti, riunioni, conferenze stampa. La scoperta “più utile” che ho fatto quest’anno grazie ad Alley Oop è che loro esistono davvero e non solo nei sogni delle donne. Loro sono Le Albertine, le scarpe con tacchi e plateau intercambiabili che possono diventare alte o basse a seconda...

31 Dicembre 2016

2016: le tre gesta di sport da premiare

scritto da

Il 2016 è stato un anno memorabile per lo sport come risultati agonistici. Ci sarebbe l'imbarazzo della scelta a fare una classifica delle performance migliori. Meno scelta, però, se la classifica è quella delle gesta sportive esemplari di singoli o squadre, simboli dei valori etici e morali dello sport. Già in questa occasione avevo elencato i punti chiave della Carta del Fair Play’: 1. Fare di ogni incontro sportivo, importa poco la posta in palio e la rilevanza dell'avvenimento, un momento privilegiato, una sorta di festa. 2. Conformarmi alle regole ed allo spirito dello sport praticato. 3. Rispettare i miei avversari...

30 Dicembre 2016

E anche quest'anno è finito: cosa rimane in sospeso per le adozioni

scritto da

Il 2016 volge al termine e, come ogni conclusione, richiede una serie di doverose riflessioni. Per quanto riguarda le adozioni internazionali, in barba a tutte le difficoltà, il nostro rimane fortunatamente un Paese accogliente: siamo secondi solo agli Stati Uniti nel mondo come numero di bambini adottati. Ma a fronte dell’impegno e della fatica quotidiana delle coppie e delle famiglie, troppe le questioni ancora aperte in conclusione d’anno e che aspettano una soluzione politica urgente. La situazione della Commissione per le Adozioni Internazionali La nomina della ministra Boschi a presidente della Commissione per le Adozioni...

30 Dicembre 2016

Artemisia Gentileschi e le altre: il gentil sesso nelle mostre del 2016

scritto da

Edward Hopper, Correggio e Parmigianino, Artemisia Gentileschi, Tiziano e Fernando Botero. Tra i numerosissimi eventi espositivi che ogni anno è possibile visitare in Italia, sono queste le cinque mostre che hanno messo maggiormente in risalto la figura femminile nell’anno che sta per concludersi. Epoche lontane tra loro, artisti differenti, esposizioni con tematiche agli antipodi, la donna è stata comunque assoluta protagonista delle mostre del 2016. A cominciare da Edward Hopper. Nell’esposizione romana a lui dedicata, in programma al Complesso del Vittoriano fino al 12 febbraio 2017, le figure femminili sono sole, in interni o...

30 Dicembre 2016

Bilancio di fine anno: 5 cose che non ti aspetti sulla parità di genere

scritto da

Un po’ prima della fine dell’anno, il World Economic Forum ha tirato una riga a sottolineare le 5 cose più sorprendenti emerse dal Gender Gap Report del 2016, il rapporto con cui l’istituto misura ogni anno lo stato della parità di genere nel mondo. 1) In Europa e negli Stati Uniti, dal 2006 a oggi la situazione del divario di genere non è migliorata. Queste due aree geografiche partivano meglio delle altre e non sono avanzate affatto, nel caso dell’Europa, oppure sono addirittura andate indietro, nel caso degli Stati Uniti, mentre aree come l’Africa e il Medio Oriente hanno fatto progressi evidenti e probabilmente anche...

29 Dicembre 2016

Scarlett Johansson regina di incassi nel 2016: prima con 1,2 miliardi di dollari

scritto da

Un uomo avrà anche battuto una donna per il bottino dei voti degli elettori necessario a conquistare la Casa Bianca, ma nello scontro di popolarità al botteghino di Hollywood gli spettatori preferiscono un lieto fine al femminile, soprattutto quando la protagonista impersona una super-eroina. Per il 2016 è un'attrice a vincere la contesa degli incassi: Scarlett Johansson guida la classifica con un totale di 1,2 miliardi di dollari. Scarlett Johansson, stando ai calcoli della rivista Forbes sulla base di dati forniti dalla società specializzata Box Office Mojo, deve la vittoria al ruolo di Black Widow nel blockbuster sul grande...